Spara e uccide un cane che era entrato nel suo giardino

Spara e uccide un cane che era entrato nel suo giardino

I carabinieri hanno ritirato due fucili detenuti dalla moglie.
A MASCALUCIA
di
0 Commenti Condividi

MASCALUCIA. Avrebbe sparato con un fucile da caccia calibro 16 e ferito mortalmente un cane randagio che era entrato nel giardino della sua abitazione, a Mascalucia. E’ l’accusa contestata dai carabinieri a un 53enne che è stato denunciato spari in luogo pubblico e maltrattamenti di animali. Segnalata alla Procura di Catania, per omessa custodia di armi, la 34enne moglie dell’uomo, che deteneva legalmente due fucili, uno dei quali sarebbe stato utilizzato per colpire l’animale. Le indagini dei carabinieri erano state avviate dopo la segnalazione al 112 della presenza di un cane randagio meticcio di media taglia sanguinante dopo l’esplosione di colpi di arma da fuoco. L’animale è morto nonostante sia stato subito trasportato nella più vicina clinica veterinaria. Militari dell’Arma della Tenenza di Mascalucia hanno accertato che il 53enne, residente in una abitazione vicina al luogo dove è stato trovato l’animale ferito, avesse più volte sparato al cane, dopo che quest’ultima era entrata nel suo giardino, dapprima spargendo a terra dei rifiuti contenuti in un cestino, per poi azzuffarsi altri cani di proprietà dell’uomo. Quest’ultimo ha sostenuto di avere sparato con un fucile ad aria compressa.

Durante una perquisizione nella sua abitazione i carabinieri hanno trovato, e ritirato, due fucili regolarmente detenuti dalla moglie, il primo ad aria compressa e il secondo a pallini a doppia canna cal. 16, quest’ultimo perfettamente compatibile con il munizionamento recuperato dai veterinari dal corpo del cane ucciso.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *