Stati generali del turismo |Torrisi: "Serve destagionalizzare" - Live Sicilia

Stati generali del turismo |Torrisi: “Serve destagionalizzare”

Le criticità, i punti di forza, le prospettive del turismo In Sicilia. Ecco il resoconto della prima giornata dell'evento fortemente voluto dall'assessore regionale Antony Barbagallo.

L'evento a Taormina
di
0 Commenti Condividi

TAORMINA (CT) – Una regione che potrebbe vivere di solo turismo, e che si riunisce per trovare idee e soluzioni per intercettare sempre più flussi: nuovi e portatori di sviluppo. È stato questo il senso degli “Stati generali del Turismo” in corso a Taormina, una “due giorni” di tavoli tematici e convegni ideata e fortemente voluta dall’assessore regionale Anthony Barbagallo, che ha visto intervenire quasi tutti i maggiori “attori” del comparto infrastrutturale e turistico siciliano.

In particolare durante l’incontro di sabato mattina, moderato dal giornalista del Giornale di Sicilia Giacinto Pipitone e intitolato “Infrastrutture: volano dello sviluppo turistico”, sono stati affrontati importanti nodi riguardanti un possibile scenario futuro che dovrebbe, finalmente, mettere la Sicilia nelle condizioni di risollevarsi dal suo stato di atavico “ritardo” e di colmare il gap che la separa dalla penisola.

Innanzitutto, grande merito dell’organizzazione è stato quello di riunire intorno a un unico tavolo i gestori di tutti gli aeroporti siciliani, da Nico Torrisi (ad della Società Aeroporto Catania) a Rosario Di Bennardo (presidente di so.a.co. Comiso), da Fabio Giambrone (presidente di Gesap Palermo) a Francesco Giudice (presidente di Air Gest Trapani), nonché il comandante Ettore Morace, amministratore delegato del colosso Ustica Lines: in pratica, tutti coloro che hanno in mano le rotte aeree e marittime attraverso le quali i turisti raggiungono la Sicilia.

Assieme a loro, era presente l’Assessore alle Infrastrutture Giovanni Pistorio, arrivato in ritardo -quasi un contrappasso- per una foratura in autostrada :“Su un’arteria, la Palemo-Messina” ha ammesso l’assessore “con gravissime criticità: prima tra tutte la mancanza in molti tratti di una corsia di emergenza, che mette a rischio l’incolumità di chi la percorre. Ho dovuto in pratica protestare con me stesso: e capisco chi ogni giorno si lamenta con noi istituzioni per la situazione delle strade. Ma proprio per questo vogliamo risolvere il problema alla radice: superando il CAS che in quanto consorzio di enti pubblici non può accedere al credito, e dando vita a un nuovo concessionario, finanziariamente forte, che possa utilizzare strumenti creditizi: perché, e questo va detto con chiarezza, l’Europa con i propri fondi non sovvenziona più le strade”.

Sul versante aeroporti, i grandi temi sono stati quelli della destagionalizzazione del turismo, dell’abbassamento delle tariffe aeree, degli accordi con i vettori low cost e delle infrastrutture da potenziare e valorizzare.

“L’aeroporto che gestiamo come SAC” ha spiegato Nico Torrisi ” è il più importante in Sicilia e -lo dico con molta modestia solo per inquadrare la situazione- è cresciuto come traffico passeggeri da gennaio a ottobre del 10% : ma l’aumento è stato addirittura del 22% dall’1 novembre a oggi. Stimiamo di chiudere l’anno superando i 7.800.000 passeggeri. Sono numeri importantissimi che non possono essere ignorati, soprattutto considerando il fatto che, riuscendo a calmierare le tariffe, potremmo ulteriormente aumentarli. Nell’ottica di riuscire a destagionalizzare e ad attirare sempre più passeggeri da sempre più Paesi diversi abbiamo, per esempio, appena concluso un accordo con Air Arabia, che ci permetterà di volare da Catania a Casablanca e viceversa. Ma poi abbiamo 5 nuove rotte con Ryan Air: Malta, Berlino, Perugia Trieste e Malpensa. Wizz Air aprirà Katowice e Sofia. Transavia aprirà Amsterdam. E sono solo alcune tra le importanti novità che vediamo delinearsi all’orizzonte: tra le quali i risultati di una forte moral suasion che stiamo esercitando verso Alitalia per l’abbassamento delle tariffe. Adesso c’è molta apertura nei nostri confronti: non è più accettabile che un Catania-Milano o un Catania-Roma costi come un Milano-New York”.

Sempre sull’argomento aeroporti, anche il “padrone di casa” Anthony Barbagallo ha voluto dire la sua, spingendo soprattutto sul fatto che è “assolutamente necessario rafforzare la promozione turistica, la presenza sul web, la veicolazione di eventi culturali tramite info point e la coordinazione tra aeroporti e porti”.

Anche Giudice, Giambrone -che ha portato avanti i risultati dell’aeroporto di Palermo, con i bilanci in utile, un +9,7% di passeggeri nel 2016 e 70 rotte tra Palermo e il resto del mondo- e Dibennardo si sono trovati d’accordo sulla necessità di aggiornare l’immagine degli aeroporti, di aumentare la sinergia con le amministrazioni locali e di creare le condizioni di far arrivare nuovi turisti.

Sui porti e sulle autostrade del mare non poteva mancare l’autorevole parere del comandante Morace, amministratore delegato di Ustica Lines:”Per quanto riguarda il 2016, noi abbiamo lavorato molto innanzitutto sulla sistemazione dell’hardware: abbiamo modernizzato e ristrutturato la ex flotta statale Siremar grazie ai nostri cantieri di Trapani. Non tutti sanno che abbiamo realizzato un cantiere all’avanguardia, dove siamo in grado di costruire aliscafi iper moderni e di riparare e modernizzare le navi. Quest’anno abbiamo trasportato 3.500.000 passeggeri verso le isole minori e avviato un processo di destagionalizzazione con sconti su Ustica, grazie al quali, in settembre, abbiamo avuto un incremento dei passeggeri di 900 unità. Un’enormità, per un’isola così piccola”.

E infine, impossibile ignorare la nuova tassa proposta dal deputato regionale Mimmo Fazio che dovrebbe colpire alberghi, ristoranti, case vacanze e campeggi: tributo di scopo che i Comuni e le Camere di Commercio potrebbero introdurre per sostenere il costo che gli aeroporti si accollano per le compagnie low.cost.

Stimolato da Giacinto Pipitone a parlare -stavolta- come presidente di Federalberghi, Nico Torrisi si è detto fortemente contrario:””Il Parlamento, e intendo sia quello regionale che quello nazionale, dovrebbe piuttosto pensare a legiferare inserendo regole che consentano di stanare il sommerso: cosa che servirebbe a recuperare i milioni di euro finora evasi. Non si può pensare, come purtroppo si è fatto in certi casi con l’imposta di soggiorno, di trasferire sui privati i disastri compiuti in passato dal pubblico. Né si può immaginare di usare l’imposta di soggiorno quasi come fosse un bitume per coprire le voragini create da altri”.

 

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *