"Trafficante di droga col reddito"| Da aprile percepiva 500 euro - Live Sicilia

“Trafficante di droga col reddito”| Da aprile percepiva 500 euro

A Nicolò Mistretta, uno degli arrestati nel blitz, arrivava il sussidio da sette mesi.

IL RETROSCENA
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Da questa mattina si trova in carcere. Nicolò Mistretta, accusato di traffico di droga, è uno dei tanti italiani che percepiscono il reddito di cittadinanza. Dallo scorso aprile percepisce 500 euro al mese. Da una parte Mistretta godeva del sussidio dall’alta faceva affari con la droga.

Non aveva un lavoro ufficiale ma dei suoi 54 anni in una fetta li ha trascorsi in carcere. Nel 1998 è stato condannato dalla Corte di appello di Milano perché faceva parte di un una banda di trafficanti di hashish. Nel 2001 la seconda condannato a a Palermo.

Stavolta dalla Spagna, dove Mistretta ha vissuto per un periodo, importata anche cocaina e crack. Sono sentenze che non escludono l’accesso al reddito di cittadinanza. Oggi Mistretta finisce finisce di nuovo in carcere su richiesta della Procura di Palermo. I finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria e i carabinieri del Ros monitoravano la doppia vita di Mistretta: presunto trafficante di droga con il reddito di cittadinanza

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Grande successo sto reddito di cittadinanza…..

    scusate ma non era solo possesso ad uso personale?

    L’ennesima vergogna di questo reddito di cittadinanza.

    Il primo articolo della Costituzione, dice chiaro e tondo che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, intendendo stabilire che c’è sviluppo economico solo se è assicurato il valore supremo della dignità dei lavoratori. Ma politica capisce solo la parola carità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.