Un uomo annegato a Cefalù| Una ragazza dispersa a Balestrate - Live Sicilia

Un uomo annegato a Cefalù| Una ragazza dispersa a Balestrate

Già soccorso un giovane. Ha raccontato di aver visto sparire la sua amica tra le onde
NEL PALERMITANO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Primo giorno d’estate drammatico nel Palermitano. Un uomo è morto dopo essersi tuffato in mare, a Cefalù: si tratta di Santo Durante, un 55enne che in acqua ha subito avuto delle difficoltà e avrebbe chiesto aiuto.

Alcuni bagnanti sono giunti in suo soccorso e hanno lanciato l’allarme. Una volta portato in spiaggia, ai sanitari del 118 non è rimasto che accertare il decesso. L’uomo era originario di Santa Flavia, ma residente in Germania. Sul posto anche il medico legale per una prima ispezione cadaverica, non è escluso che a stroncare l’uomo possa essere stato un malore. Le indagini sono condotte dalla Capitaneria di porto.

Spiagge affollate, ma mare mosso e onde alte anche a Balestrate, dove sono invece in corso le ricerche in acqua di un bagnante: si tratterebbe di una ragazza trascinata al largo dalla corrente, ma sulla vicenda non è ancora tutto chiaro e le forze dell’ordine sono al lavoro per accertare i fatti. L’allarme è scattato dopo il salvataggio di un giovane che appena entrato in contatto con i soccorritori ha avvertito che con lui c’era anche una sua amica, scomparsa però tra le onde.

La zona è perlustrata dall’alto con un elicottero e battuta dalle motovedette e dai mezzi in acqua. Della giovane, però, nessuna notizia. Nel frattempo si sono perse le tracce anche del ragazzo, che si è allontanato dopo essere stato soccorso. In azione ci sono le motovedette, la polizia e i vigili del fuoco. Le operazioni sono coordinate dalla Guardia costiera di Terrasini.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Poverino, pace all’anima sua.
    Comunque i metereologi avevano previsto forte vento di maestrale e mare mosso nel tirreno meridionale. La Protezione Civile siciliana – non si sa per quale motivo – aveva lanciato preallerta su “forte ondata di calore” (che non c’è stata affatto, anzi temperature gradevolissime da Palermo a Messina, come erano peraltro ampiamente previste) e “rischio incendi” che non ci sono per fortuna stati (peraltro era un vento di maestrale fresco e umido, quindi non da incendi come venti caldi e secchi come scirocco o il libeccio). Bastava che la Protezione Civile leggesse Meteo Giuliacci e Meteo.it per fare due esempi, per capire che non era prevista alcuna ondata di calore in Sicilia sabato e domenica e che il vento previsto era il fresco maestrale.

    incoscienti,con quel mare non si entra in acqua,poi balestrate e’un posto maledetto,ho rischiato di morirci per le forti correnti che portano verso il mare aperto,mi sono salvato lasciandomi trasportare e mi ha recuperato un pescatore,se avessi insistito a cercare di tornare a riva sarei morto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.