Twin Cities in Sustainable, Palermo crea un ponte fra l'Europa e l'Africa - Live Sicilia

Twin Cities in Sustainable, Palermo crea un ponte fra l’Europa e l’Africa

Per finanziare il progetto l'Europa ha stazionato oltre 2 milioni di euro
2 Commenti Condividi

PALERMO – Il 17 febbraio il Comune di Palermo e la città metropolitana di Sekondi-Takoradi, in partenariato con CISS – Cooperazione Internazionale Sud Sud, ilGhana Sicily Business Forum e l’Università Tecnica di Kumasi (Ghana) lanciano l’iniziativa “Twin Cities in Sustainable Parternship”.

Si tratta di un progetto di cooperazione internazionale ritenuto strategico e meritevole per il quale l’Unione Europea ha stanziato un contributo di 2.850.000 Euro nell’ambito del programma “Autorità Locali – Partenariati per le città inclusive” che vede coinvolti enti locali di diverse regioni del mondo. In Africa Sub-Sahariana i progetti si realizzeranno in Ghana, Burkina Faso, Gambia, Mozambico e Namibia. L’iniziativa ha una durata triennale e permetterà di consolidare la relazione tra le due città “tutto porto” che, nei mesi precedenti, hanno siglato un gemellaggio.

Grazie al progetto, l’amministrazione di Sekondi-Takoradi, ente capofila, potrà migliorare i processi di governance urbana rendendoli più inclusivi e sostenibili per affrontare in modo più efficace le sfide globali che coinvolgono la città: la crescita demografica, la povertà urbana, l’aumento delle diseguaglianze, i cambiamenti climatici e gli effetti della transizione tecnologica. 

Con un approccio integrato, il progetto consentirà di riqualificare spazi degradati con la partecipazione attiva dei e delle giovani locali, di sostenere lo sviluppo produttivo e commerciale delle attività di piccoli artigiani, pescatori e agricoltori e, infine, di sensibilizzare le comunità locali su temi cruciali per lo sviluppo umano come i diritti umani, le migrazioni, le pari opportunità e l’unicità culturale. Sarà avviato un programma di scambio di buone pratiche ed esperienze con il Settore CulturE del Comune di Palermo che coadiuverà il personale dell’autorità ghanese nella gestione del progetto con il supporto dell’Ong palermitana CISS – Cooperazione Internazionale Sud Sud, presente in Ghana dal 2019. Un ciclo di visite di studio permetterà allo staff dell’amministrazione ghanese di accrescere le proprie competenze nel campo della gestione e valorizzazione di beni culturali presenti nel territorio dove sono presenti diversi siti riconosciuti patrimonio UNESCO.

“Questo progetto di cooperazione internazionale – afferma il sindaco Leoluca Orlando – con protagoniste Palermo e Sekondi-Takoradi, costituisce un ulteriore passo in avanti nel dialogo già instaurato lo scorso luglio e che condividono il rispetto dei diritti umani e un’idea concreta basata sull’accoglienza e sul valore della fraternità. Proprio a Palermo la comunità africana più rappresentativa è quella ghanese e questo progetto, per il quale ringrazio il CISS, il Ghana Sicily Business Forum, l’Università di Kumasi e tutte le istituzioni che hanno aderito, ci permette di continuare a costruire un ponte fra l’Europa e il continente africano che ritengo sia il futuro del mondo. Perché il Mediterraneo non dev’essere un mare che divide, ma un continente liquido che unisce città e paesi anche non rivieraschi tanto europei quanto africani. E in questo cammino, insieme alla città di Sekondi-Takoradi e alle altre città africane che hanno aderito all’iniziativa, cerchiamo di creare un mondo migliore.”

Il programma offrirà alla città di Palermo l’opportunità di sperimentare nuove connessioni in campo culturale, artistico e imprenditoriale. Nell’ambito del progetto è prevista l’organizzazione di un festival transnazionale dedicato all’arte contemporanea africana che si realizzerà nella città ghanese ed a Palermo, con il coinvolgimento della comunità africana che vive in città; quella ghanese è la più numericamente rappresentativa.

“Il progetto Twin-Cities in Sustainable Partnership è l’opportunità culturale che la città di Palermo stava cercando: un nuovo ponte che possa arricchirci e coinvolgere i membri della diaspora e non solo attraverso l’arte e l’unicità di cui ognuno può essere rappresentante. Da cultura a cultura, da persona a persona, da porto a porto.” Afferma l’Assessore alle CulturE Mario Zito.

Il festival sarà patrocinato dal Console Onorario della Repubblica del Ghana presente a Palermo e sarà realizzato con il sostegno della rete di imprenditori del Ghana Sicily Business Forum. 

La conferenza di lancio si realizza in contemporanea a Palermo ed a Sekondi-Takoradi. 
Intervengono Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo; Mario Zito, Assessore alle CulturE del Comune di Palermo; Francesco Campagna, Console Onorario della Repubblica del Ghana Circoscrizione: Sicilia e Calabria; Sergio Cipolla, Presidente CISS ONG; Viviana Corso, per il Ghana Sicily Business Forum; in rappresentanza della comunità ghanese Alexander Osei Minkah, Presidente della Ghana Association – Sicily. 

In collegamento saranno presenti l’On. Kwabena Okyere Darko-Mensah, Ministro Regionale (Western Region) a nome della città di Sekondi-Takoradi; Isaac Aidoo, Coordinatore del progetto per la STMA; Osei-Wusu Achaw, per l’Università Tecnica di Kumasi; i rappresentanti del governo regionale e nazionale del Ghana, i quali porteranno i propri saluti. 

La conferenza sarà animata dalle performance artistiche realizzate da artiste e artisti ghanesi in collegamento streaming dall’auditorium di Sekondi-Takoradi. Durante l’evento sarà proiettato un filmato realizzato da Placemarks – Uno sguardo ad un’Africa che cambia, ovvero una suggestiva una collezione di immagini satellitari dei waterfront portuali delle due città.  


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
2 Commenti Condividi

Commenti

    Pensate al ponte Corleone che tanti disaggi sta creando anziché al ponte virtuale tra Europa e l’Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.