Un esterno per la causa degli ex Pip | Il governo sceglie Antonio Vitale - Live Sicilia

Un esterno per la causa degli ex Pip | Il governo sceglie Antonio Vitale

La scelta per assicurare "una difesa consona" di fronte la Consulta.

 

7 Commenti Condividi

PALERMO – Per difendere la norma che consente l’assunzione dei Pip in Resais, il governo Musumeci sceglie di ricorrere al supporto di un esterno: Antonio Francesco Vitale. All’avvocato, nominato su proposta del presidente della Regione Musumeci di concerto con l’assessore alla Famiglia e alle politiche sociali Antonio Scavone, spetterà il compito d’affiancare il collegio difensivo già costituitosi di fronte la Corte costituzionale. La sorte dell’assunzioni di oltre duemila lavoratori ex Pip è infatti rimessa ai giudici di Palazzo della Consulta dopo che il governo centrale ha impugnato la norma varata dall’Ars.

Docente di diritto pubblico all’Università di Catania, Vitale vanta un ricco curriculum. Fra le altre attività l’avvocato è stato Liquidatore e Amministratore unico di Sicilia e Servizi. Più recentemente ha ricoperto al carica di presidente del Cda di Sidra spa, la società che gestisce il servizio idrico a Catania. In passato l’uomo ha pure patrocinato alcune cause come difensore l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo.

La delibera non indica quanto vale l’incarico. Il calcolo sarà demandato all’ufficio legislativo e legaleCome si legge nella delibera di giunta con cui si conferisce l’incarico, però, “la complessità e la rilevanza sociale della norma oggetto di impugnativa” hanno fatto preferire il ricorso a un esterno. Così, si punta a risolvere “la problematica dei soggetti attualmente utilizzati all’interno delle pubbliche Amministrazioni appartenenti al bacino ex Pip” assicurando “all’impianto legislativo sottoposto allo scrutinio del Giudice delle Leggi una difesa consona”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Qualche altro incarico possono anche darglielo

    Soldi buttati! Incostituzionalità conclamata!

    Ora si che vi assumeranno……. Ahahahahah game over

    Sinceramente non ho nulla contro questa gente, però ritengo sia vergognoso illuderli ancora.
    C’è un blocco di assunzioni nella pubblica amministrazione, la legge dice che per essere assunto in una società pubblica occorre una procedura concorsuale.
    Non è una questione di avvocato più o meno bravo, questo personale non ha mai avuto un contratto lavorativo diretto con la regione pertanto il loro passaggio alla resais sarebbe a tutti gli effetti una nuova assunzione, che è qualcosa di incostituzionale alla quale la consulta non potrà dare il proprio benestare.

    Offensivo per gli interni

    Definizione di “consona”: decente? Adeguata? Proporzionata? Conforme? Appropriata?
    Per tutto il resto c’è l’ufficio legislativo e legale…

    Una delle pagine più tristi della storia della Sicilia e che ci fa capire comse siamo caduti in basso.
    (Già che non eravamo messi bene…..)
    Nonostante il palese e giusto rifiuto della stragrande maggioranza dei siciliani di assecondare questa gente che vuole entrare nella P.A. in totale violazione di legge, una intera classe politica che si sbraccia per beneficiarli dissipando, pure, i soldi per una inutile difesa.

    Quando vi ripresenterete alle elezioni raccogliere tanti e tanti voti.
    Perchè siete bellissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.