Aggredisce un controllore Amat | Condannato a sette mesi - Live Sicilia

Aggredisce un controllore Amat | Condannato a sette mesi

Un pregiudicato palermitano è stato condannato per aver aggredito un controllore ed aver danneggiato un bus Amat nel 2010. Oggi è arrivata la sentenza: dovrà scontare sette mesi di reclusione.

LA SENTENZA
di
2 Commenti Condividi
Autobus Amat

Autobus Amat

PALERMO – Francesco Taormina condannato a sette mesi di reclusione per l’aggressione ad un controllore Amat. Il giovane ventunenne, già noto alle forze del’ordine,  è stato condannato dalla quarta sezione penale di Palermo. L’episodio risale al 5 marzo 2010, quando tre controllori saliti a bordo della linea urbana 210, all’altezza di via Oreto, hanno ricevuto una risposta offensiva alla richiesta del biglietto.

Il ragazzo si era avventato uno dei tre controllori, che gli aveva bloccato la strada per non farlo scendere dall’autobus. Con l’aiuto degli altri due colleghi, il controllore è riuscito a fermare il ragazzo, ma al momento dell’identificazione Francesco Taormina ha raccolto un bastone per strada colpendo ripetutamente l’autobus. Aiutato da qualcuno, il giovane palermitano avrebbe inseguito l’autobus a bordo di un ciclomotore, per terminare con solerzia l’opera che aveva iniziato. Una volta costretto l’autista dell’autobus a fermarsi all’incrocio tra via Belmonte Chiavelli e Viale Regione Siciliana, Taormina ha staccato i due braccioli del tergicristallo e  infranto il vetro. È stato infine bloccato da una volante della polizia in via Orsa Minore.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    episodi frequenti su amat si è scatenata la caccia pretendono , di salire ovunque , e comunque senza fare biglietto i danni ai nostri mezzi sono , la prova attraverso le denunce presso i commissariati grazie alle volanti che su nostra segnalazione , arrivano ma il più delle volte i vandali si dileguano .

    questo ha bisogno di un esorcista…. Ma che è posseduto? Sette mesi pochi troppo pochi, a parte che nella condanna ci doveva stare anche l’obbligo per due anni a pulire i mezzi amat gratis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *