Lagalla: "Tuteleremo i lavoratori | Puntiamo a ripartire in estate" - Live Sicilia

Lagalla: “Tuteleremo i lavoratori | Puntiamo a ripartire in estate”

L'assessore illustra il bando da 110 milioni. Il consulente Bocchieri: "Rivoluzionato il sistema".

FORMAZIONE PROFESSIONALE
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – “Il governo è interessato alla soluzione di tutti i problemi di reinserimento degli operatori della formazione e degli operatori di politiche del lavoro. Puntiamo a far ripartire i corsi entro l’estate”. L’assessore alla Formazione Roberto Lagalla spiega così il nuovo modello per la formazione siciliana, un bando da 110 milioni presentato in una conferenza stampa stamattina. Prevista una riorganizzazione del catalogo della formazione e l’istituzione di una piattaforma per l’incontro tra domanda e offerta.

“La formazione professionale è stata per troppo tempo oggetto di una dilaniante vicenda regionale – dice Lagalla – che ha pregiudicato la continuazione delle attività e ha inibito l’accesso a un percorso, previsto dalle norme, di riqualificazione e reinserimento professionale”. Uno stallo che, per Lagalla, ha fortemente” pregiudicato la qualità di vita di tante famiglie e operatori, rispetto ai quali la preoccupazione del governo regionale è massima”. Per questo, sottolinea l’assessore alla Formazione, “entro i primi di marzo sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione il bando per la nuova formazione, il portato di una costruzione che ha visto il confronto all’interno del governo e un impegno costruttivo e responsabile delle organizzazioni datoriali e di quelle sindacali”.

Rispetto ai tradizionali modelli, spiega ancora Lagalla, “in questo bando esiste una piattaforma regionale in cui si andranno a collocare le qualifiche per cui possono essere avviati i corsi, e gli enti ci faranno sapere il loro interesse a svolgere un certo numero di corsi. Dopodiché ci sarà l’accertamento della conformità di queste proposte alle norme vigenti, dopo il quale i corsi saranno potenzialmente aperti all’iscrizione e all’accesso degli allievi”. Una quota specifica del finanziamento verrà orientata al lavoro “sugli assi strategici dello sviluppo regionale: l’agricoltura, i servizi turistici, i beni culturali, l’edilizia e l’energia rinnovabili, la banda larga. Intendiamo avviare un percorso che sia correlato ai profili di potenziale occupazione”.

Interventi che per Lagalla sono solo un punto di partenza: “Ovviamente non abbiamo la presunzione di essere arrivati a qualcosa di definitivo, perché in prospettiva è necessario rivedere tutto il modello della formazione in Sicilia, a partire dalle procedure di accreditamento e altre cose che appesantiscono questo settore. Ma ritengo che sia il momento di dare fiducia a giovani e disoccupati, e il governo deve fornire garanzie credibili a quegli operatori che sono usciti dal sistema. Per questo immaginiamo che una gran parte degli operatori che insistono sull’albo regionale possano essere riassorbiti. Stiamo poi immaginando interventi ulteriori – conclude Lagalla – come misure per facilitare l’esodo di parte del personale, una conversione verso tecnologie digitali o un rischieramento verso altre funzioni di interesse pubblico”.

Alla conferenza stampa presente anche Gianni Bocchieri, dirigente generale della Regione Lombardia e consulente a titolo gratuito di Lagalla: “In pochissimi giorni si adotta un provvedimento che rivoluziona il sistema – dice Boccheri commentando il bando – c’è un rovesciamento dell’impostazione, non è più finanziata l’offerta ma la domanda. Tutti i corsi saranno da repertorio, dunque daranno una certificazione spendibile a livello regionale e nazionale. Tutto questo dà il senso di una formazione raccordata con il mondo del lavoro, che può dare ciò che il mondo del lavoro chiede in un dato momento. La scelta di creare sistemi aperti per consolidare sia il catalogo che la composizione della domanda superano ogni logica di ‘click day’, uno strumento che ha dato parecchi problemi in passato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Bisogna fare domanda per essere riassunti o occorre la raccomandazione?

    formazione professionale ovvero uno dei tanti carrozzoni di stipendifici della regione sicilia,,,,,,,,,,,non forma o riqualifica nessuno e non reinserisce in nessun posto di lavoro,,,,,,,,,,,soldi buttati solo per pagare stipendi a 8500 formatori che servono ai politici per attingere voti a questa e alle prossime elezioni,,,,,,,,,,ovvero si chiama politica clientelare siciliana

    il tempismo pre-elettorale è da elogiare 🙁
    salvo poi rimandare tutto alla prossima estate….forse…chissà etc etc
    povera terra fondata sugli annunci.

    Finalmente buone notizie…peccato non avere Lagalla come presidente

    MA QUANTI POSTI DI LAVORO VERI
    HANNO PRODOTTO LE CENTINAIA DI MILIONI DI EURO
    BRUCIATI PER LA FINTA “FORMAZIONE” IN SICILIA?

    Non sarebbe il caso di approfittare del disastro della gestione Crocetta
    che ha distrutto un settore (che dava lavoro solo ai “formatori” e non
    ai “formati”, ma in una regione alla fame, tutto serve per sopravvivere)
    per impostare in modo totalemente nuovo e concreto il settore?

    Questi grandi “personaggi” che oggi hanno in mano un pezzetto del destino
    delle famiglie siciliane … e non dico della loro serenità, che posso immaginare
    quanto gliene possa fregare a uno qualsiasi dei nostri politicanti-culi-da-poltrona
    e ancora peggio-mi-sento, ai capi della più inutile e costosa burocrazia del mondo…
    UNA DIGNITA’ CE L’HANNO?
    UNO SPECCHIO A CASA LORO CE L’HANNO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *