Autostrade A29 e A19 | Scatta l'obbligo di catene - Live Sicilia

Autostrade A29 e A19 | Scatta l’obbligo di catene

Un tratto dell'autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo

Interessati alcuni tratti della Palermo-Mazara e della Palermo-Catania, oltre che diverse Statali..

La decisione dell'Anas
di
26 Commenti Condividi

PALERMO – Novità per gli automobilisti siciliani. Da oggi scatta l’obbligo di catene a bordo, o pneumatici da neve, anche su alcune strade e autostrade gestite da Anas che finora non erano mai state soggette a questa direttiva. La norma sarà in vigore fino al 15 marzo 2017. 

L’obbligo,  che sarà segnalato con segnaletica verticale, scatta sull’autostrada A29, Palermo-Mazara del Vallo, tra gli svincoli di Alcamo e Santa Ninfa, oltre che sulla diramazione per Trapani, tra Alcamo e Fulgatore. Interessata anche l’autostrada A19 Palermo-Catania, tra Scillato e Mulinello. Obbligo di catene anche su un tratto della Statale 116, che collega il versante settentrionale dell’Etna con la costa tirrenica messinese, e sulla Statale 120 dell’Etna e delle Madonie.

Queste le altre strade statali in cui vige l’obbligo di catene a bordo a partire da oggi, ma soltanto in alcuni tratti: 121 Catanese; 124 Siracusana; 185 Di Sella Mandrazzi; 192 Della Valle del Dittaino; 194 Ragusana; 287 Di Noto; 288 di Aidone; 289 Di Cesarò; 385 Di Palagonia; 514 Di Chiaramonte (sull’intera estensione); 575 Di Troina; 683 di Licodia Eube-Libertinia (sull’intera estensione);

Obbligo di catene o pneumatici a partire dal 15 dicembre su queste arterie: 116 Randazzo-Capo d’Orlando; 117 Centrale Sicula; 117 Bis Centrale Sicula; 117 Ter Di Nicosia (sull’intera estensione); 118 Corleonese-Agrigentina; 120 Dell’Etna e delle Madonie; 121 Catanese; 122 Bis Agrigentina; 124 Siracusana; 185 Di Sella Mandrazzi; 186 Di Monreale; 188 Centro occidentale sicula; 188/C (sull’intera estensione); 189 Della valle del Platani; 192 Della Valle del Dittaino (per otto chilometri); 194 Ragusana; 284 Di Bronte; 286 Di Castelbuono; 288 di Aidone; 289 di Cesarò; 290 di Alimena; 561 Pergusina; 575 di Troina; 624 Palermo-Sciacca; 643 di Polizzi.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

26 Commenti Condividi

Commenti

    Una scusa in più per estorcere denaro con le multe

    CATENE A BORDO IN SICILIA?????? NON SO COSA PENSARE…CREDO CHE SIAMO ALLA FOLLIA PURA

    A quanto pare non ti sei ritrovato impantanato sulla Palermo-Sciacca il 31 dicembre di due anni fa. Altrimenti non diresti questo.

    Oggi specialmente con il freddo e la neve che stanno imperversando su Palermo sarei tentato di montarle per salire a Monte Pellegrino.

    Quante sono le aziende che producono catene da neve in Italia?

    E’ utilissimo…senza catene d’inverno in Sicilia non vai da nessuna parte…ci sta neve alta un metro ovunque

    Si ma quante volte può capitare in Sicilia un episodio come quello di 2 anni fà? Sono più probabili 30 gradi pure a dicembre piuttosto che le ondate di freddo che portino pure il ghiaccio sulle strade (eccetto quelle di alta montagna ovviamente). Si tratta sfacciatamente di un favore fatto ai produttori ed ai rivenditori perchè in Sicilia,le catene da neve non le compra nessuno!!! Tornando all’episodio di 2 anni fà,io, avendo letto le previsioni e gli avvisi meteo,semplicemente evitai per prudenza di mettermi in viaggio!

    E’ un provvedimento giusto. All’altezza di Tremmonzelli per citare un esempio, ho incontrato pochissime volte una temperatura sotto zero (-2 gradi).

    E’ un evento oltremodo raro, ma può capitare. Sulle statali invece è molto più frequente.

    Non vedo perché scandalizzarsi così. Le catene costano pochissimo e ti durano una vita.

    Quante volte potrà capitare in futuro non possiamo saperlo ma si tratta comunque di una spesa che va fatta una volta sola nella vita dell’auto.
    Purtroppo “mettersi in viaggio” è una necessità per chi abita nei paesi e lavora in città. Non stiamo parlando di Courmayeur…

    qui non si sta facendo ironia sull’obbligatorietà delle catene sui percorsi montani in pieno inverno. Lei forse non ha colto che il provvedimento è in vigore da oggi, quando sappiamo benissimo tutti che prima della prima decade di dicembre è praticamente impossibile imbattersi in temperature rigide tali da giustificare l’utilizzo delle catene… e solo in tratti ben delimitati delle rete viaria regionale.
    ah, un consiglio, in questi giorni occhio alle valanghe, pare che dalle parti di cefalu’ ve ne siano state già un paio. ancora le squadre di soccorso cercano i malcapitati sotto montagne di sabbia…

    Per fortuna lo scirocco di oggi ha sciolto la neve sulle strade. Potevo rimanere bloccato!!

    Sempre critiche…certamente la notizie è incompleta perché andava detto che l’obbligo delle catene a bordo vige solo ed esclusivamente in caso di collocazione dei relativi cartelli che indicano tale obbligo…la Posa di tali cartelli verrà fatta solamente se sono previste condizioni meteo avverse con rischi di neve o ghiaccio. Pertanto l’obbligo non continuativo ma solo nei vado sopra riportati…

    Ringraziamo il ministero delle infrastrutture che ci regala queste perle….a proposito….chi è il sottosegretario alle infrastrutture??? Ah vero…la candidata sindaca Vicari…..apposto siamo….

    perche’meravigliarsi?non sapete che le tempeste di neve adesso si formano con lo scirocco a 23 gradi?il clima e’cambiato ma non e’cambiata la classe politica che vaneggia nel fare provvedimenti assurdi,se fossi un magistrato indagherei subito e magari scoprirei qualcosa di losco….

    amici attenti,ieri all’altezza dello svincolo di alcamo nord ho rischiato la vita,mi sono trovato improvvisamente davanti la mia vettura un branco di lupi e un orso bianco che attraversavano l’autostrada,fortunatamente c’era una pattuglia di babbi natale con la slitta e le renne che hanno subito provveduto ad istallare dei cartelli di pericilocon scritto:causa migrazione orsi,alci,lupi ed altri animali seivatici si consiglia di prestare la massima attenzione,e soprattutto non assumere sostanze stupefacenti o alcolici come fanno i dirigenti dell’anas.

    hai un negozio di accessori auto?

    magari il prossimo passo sara’ gomme invernali per tutti come fanno al NORD e mi sembra giusto.. sarebbe carino andare al mare a marzo con le gomme invernali

    Peccato, avevo organizzato per sabato una mattinata in spiaggia a Castellammare e invece sarò costretto ad andare a sciare (sempre a Castellammare)!!!

    non è fatto per le aziende, il provvedimento è fatto soloper incassare denaro, se ti fermano e tu non hai le catene in macchina scatta la sanzione.

    Provando a restare seri, anche se è davvero difficile, va considerato il fatto che montare le catene è un’operazione tutt’altro che semplice, tanto più per un siciliano fortunatamente non proprio avvezzo a combattere contro i rigori dell’inverno …

    quella non è neve….non si scia su quella…. si vola

    la prossima notizia che leggeremo sara’che l’anas ha acquistato un gatto delle nevi e due spalaneve da tenere pronti per l’emergenza a balestrate.

    Quanta ironia stupida nei commenti.

    Quando c’è maltempo e si verificano incidenti siete i primi a puntare il dito per la mancanza di allerte alla popolazione, vero?

    Questa si chiama manna che cade dal cielo non neve o ghiaccio, per i commercianti e lo stato in materia di tasse e multe.
    Tutto questo in funzione della nostra sicurezza, ma se le strade e autostrade sono un disastro totale piene di buche con asfalti scivolosi che mettono a repentaglio la vita degli automobilisti e tutto regolare.
    Noi Siciliani siamo abituati a farci comandare da gente che a gli occhi dietro la nuca e che vede la neve il mese di Agosto.

    Ma queste decisioni chi le prende Topo Gigio? Ho sempre pensato e ne sono convinto che mentre noi comuni cittadini, quelli che pagano le tasse per capirsi e non gli “altri” i ragionieri Casoria, si alzano la mattina alle 5 per andare a lavorare e portare a casa un pezzo di pane per le nostre famiglie, c’è chi ” si strumintìa ” su cosa inventarsi per spremerci sempre più !!!

    E le moto in questi casi come fanno? Si attaccano al tram o cosa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.