Belpasso, Mirone lascia | la "Direzione giusta" - Live Sicilia

Belpasso, Mirone lascia | la “Direzione giusta”

"Sono state utilizzate dinamiche di democrazia interna per far prevalere una “parte” a discapito di altre; non si è cercata la condivisione, ma la divisione".

La lettera
di
1 Commenti Condividi

BELPASSO. Era stato il leader del Movimento che lo aveva visto candidato sindaco della cittadina etnea. Luciano Mirone, lascia “La Direzione giusta”. Questa la sua lettera di commiato:

“Il sottoscritto Luciano Mirone, in qualità di co-fondatore e di componente del Movimento “La Direzione Giusta”, nonché di candidato a sindaco alle recenti elezioni del 9 e 10 giugno (con quasi 2000 voti di preferenza, che lo hanno proiettato al terzo posto tra i sette partecipanti), lascia il Movimento poiché ritiene che esso abbia perso quel pluralismo politico-culturale che ne ha fatto un “unicum” nel contesto pubblico di questa città, “unicum” che è stato alla base del successo della lista per il Consiglio comunale con 1096 voti (pari all’elezione di due candidati), il cui logo, oltre alla denominazione del Movimento, recava la dicitura “Luciano Mirone Sindaco”.

Tale decisione scaturisce dalla recente formazione di una “corrente” interna che ha cercato di imporre come “Coordinatore politico” un esponente non rappresentativo delle varie anime del Movimento. Questa circostanza – ritenuta gravissima dal sottoscritto – costringe lo stesso ad allontanarsi dal Movimento, in quando impossibilito a garantire il ruolo “super partes” (che finora ha cercato di svolgere) fra le varie componenti politiche e culturali del Gruppo. Pertanto viene smentita l’”indiscrezione” trapelata su qualche organo di informazione, secondo la quale tale decisione scaturirebbe da una lotta interna per la “guida” del Movimento, indicando il sottoscritto come concorrente al ruolo di Coordinatore. Il sottoscritto, pur essendo stato proposto da qualcuno in tale veste, e pur sentendosi onorato di questo, ha ritenuto di declinare l’invito in quanto non può più riconoscersi in un Movimento nel quale una componente usa certi metodi. In questo caso, infatti, sono state utilizzate le dinamiche di democrazia interna per far prevalere una “parte” a discapito di altre; non si è cercata – come si è sempre fatto – la condivisione, ma la divisione. Lo spirito de “La Direzione Giusta” infatti ha sempre previsto l’incontro e il dialogo fra le varie culture presenti nella società, da quella cattolica a quella laica, da quella progressista a quella della “Sinistra radicale”, facendo del confronto e della “democrazia partecipata” il punto più alto di un’attività che a Belpasso si è posta decisamente come alternativa al vecchio sistema.

Questa vicenda si è sviluppata all’indomani delle elezioni – in un momento di transizione e di “vuoto” di coordinamento interno, quindi in un momento di sostanziale “vulnus” del Movimento – e ha creato una discriminazione verso le altre anime del Gruppo, ricalcando così i vecchi modelli politici che gli aderenti al Movimento (tutti!) hanno sempre biasimato, con il risultato che sono stati calpestati i valori della “democrazia partecipata”, della trasparenza e dello spontaneismo sempre promossi dal Gruppo. Il sottoscritto, profondamente amareggiato per il metodo discutibile che sta portando decine di persone a prendere le distanze dal Movimento, e altrettante che, intenzionate ad aderirvi, hanno deciso di non farlo per tali ragioni, prende atto che lo spirito originario de “La Direzione Giusta” non esiste più. Questo modo di operare ha dato vita ad una cosa profondamente diversa: un gruppo “mono-culturale” spostato verso posizioni nelle quali molti aderenti non si identificano. A prescindere dalle iniziative che “La Direzione Giusta” promuoverà in futuro, non ci sarà più quello spirito multiculturale che l’ha contraddistinto finora.

Il sottoscritto, pertanto, intende ripartire democraticamente da quei 2mila cittadini di culture eterogenee che hanno ritenuto di dargli fiducia (ma anche da quei tanti cittadini onesti che non hanno ritenuto di votarlo, e che pure hanno a cuore il futuro di Belpasso) affinché il patrimonio di impegno sociale e civile costruito in questi anni non vada disperso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Preambolo
    Il Movimento La Direzione Giusta apprende con amarezza dagli organi di stampa la defezione di una parte del movimento, peraltro già costituitasi in corrente con documento formale durante le ultime assemblee. Il gesto purtroppo non ci sorprende considerato l’atteggiamento profondamente autoreferenziale e “leaderistico” palesato già più volte da questa corrente in sede assembleare. Per il Movimento l’assemblea è organo sovrano e tutte le decisioni passano per essa utilizzando l’unico metodo riconosciuto legittimo: la votazione democratica. Biasimiamo vivamente chiunque si sottragga a tale metodo e voglia sostituire ad esso soluzioni autoritarie. La cultura dell’autoreferenzialità non ci appartiene, crediamo solo nelle soluzioni democratiche. Pertanto ci preoccupa l’atteggiamento di chi si mostra democratico solo quando la votazione democratica gli da ragione, mentre produce crisi e spaccature quando questa diverge. Esprimiamo un forte biasimo verso chi antepone gli obiettivi e le ambizioni personali al bene comune.
    Documento
    Il Movimento La Direzione Giusta si costituisce in movimento politico-culturale.
    Nel rispetto della propria natura assembleare si dota di una struttura leggera che consenta di svolgere nel migliore dei modi la propria azione senza mortificare la partecipazione democratica . Individua nella funzione politica ed in quella culturale i propri campi di azione vitale ed elabora una formula organizzativa che prevede due figure paritarie, responsabili ciascuna per il proprio campo: una/un responsabile politico e una/un responsabile culturale.
    La democrazia partecipata è per il Movimento un principio irrinunciabile. I concetti di “capo”, “leadership”, “individualismo” o “ceto dirigente ” sono incompatibili con la propria natura. Le individualità sono una ricchezza solo se si traducono in spirito di partecipazione e rispetto delle regole democratiche. Per il sano funzionamento dell’assemblea il Movimento auspica che in futuro non si costituiscano più correnti o cordate e che il dibattito possa svolgersi in maniera franca e corretta in seno ad essa.
    Per il Movimento La Direzione Giusta la diversità è una ricchezza non un limite. La libertà di espressione è sacra. Nessuno può essere discriminato per il proprio retroterra culturale. La conquista di due seggi in consiglio comunale è una grande opportunità, ognuna delle 20 candidature, quando intese al servizio del Movimento, incarna senza distinzione lo spirito dell’assemblea. In futuro auspichiamo che le aspirazioni individuali, ancor quando frustrate, non inquinino e distorcano il dibattito interno.
    Il Movimento La Direzione Giusta affonda le sue radici nella cultura migliore della sinistra italiana e si pone come asse centrale per la ricostruzione della stessa nel nostro territorio. Il Movimento àncora nella società il proprio operato e le proprie prospettive, nella convinzione che il benessere dell’ individuo passi per il miglioramento delle condizioni generali della collettività. Per rimettere al centro della politica belpassese il progresso economico, umano e sociale, individua nel cattolicesimo sociale, nell’associazionismo laico e nel ceto medio riflessivo i suoi naturali interlocutori. A tal fine mette al servizio dei singoli cittadini, delle associazioni, delle realtà produttive che intendono operare in tal senso il proprio gruppo consiliare.

    MOVIMENTO LA DIREZIONE GIUSTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *