Calci, pugni e vetri in frantumi: caos e paura in guardia medica - Live Sicilia

Calci, pugni e vetri in frantumi| Caos e paura in guardia medica

Tornano i casi di violenza nelle strutture sanitarie. E scatta l'ennesima denuncia
NEL PALERMITANO
di
4 Commenti Condividi

BAGHERIA (PALERMO) – Aveva bevuto qualche bicchiere di troppo e una volta arrivato alla guardia medica ha scatenato il caos. Dopo il lockdown reso necessario dall’emergenza Coronavirus, tornano anche gli episodi di violenza ai danni di medici e strutture sanitarie e, in questo caso, a Bagheria, nel Palermitano. L’allarme è stato lanciato nella notte dal medico di turno: un uomo inveiva contro di lui e aveva sferrato calci e pugni contro gli arredi.

I militari arrivati sul posto hanno trovato i vetri delle porte in frantumi e un 41enne in forte stato d’agitazione. In base a quanto ha raccontato il medico, l’uomo sarebbe andato su tutte le furie senza alcun apparente motivo: era ubriaco ed è stato bloccato e denunciato.

La guardia medica di Bagheria non è nuova ad episodi del genere. Diverse le aggressioni ai danni del personale sanitario registrati negli ultimi mesi, compresa quella ai danni di una dottoressa di 31 anni che si è poi sfogata sui social per raccontare tutta la sua preoccupazione. “Spesso – ha scritto dopo l’aggressione – mi sento su un ring, non sai mai quello che ti può capitare”. Eppure, specie dopo l’emergenza legata al Covid-19, si sperava l’approccio potesse cambiare.

Le richieste dei sindacati vanno avanti e si muovono ancora sul fronte della sicurezza, da garantire a medici, infermieri e a tutto il personale impegnato nelle attività di pronto soccorso e di reparto. Le corsie degli ospedali sono di nuovo strapiene, le strutture sono nuovamente ‘sotto assedio’. Aurelio Puleo, primario dell’area di emergenza di Villa Sofia a Palermo, ha d’altronde definito i medici “gli eroi di un giorno”. Già, perché tornano le accuse, torna l’uso inappropriato del pronto soccorso e, in questo caso, gli episodi di violenza.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    ma utilizzare i taser? avere pene certe? lo stato ha perso il controllo del territorio

    Guardie all’ingresso con TASER. E gli passa il vizio.

    No! Lo stato ha semplicemente perso ! Sulla pelle dei
    cittadini onesti .

    Qualche mese avevo proposto di insediare le guardie mediche nelle caserme di Carabinieri presenti in ogni comune. Mi sembra una soluzione praticabile e risolutiva. Che né pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.