Caro no vax, chi odia è il vero sconfitto

Caro no vax, chi odia è il vero sconfitto

Ecco perché chi sta perdendo sei tu.
LA VERITA' E LE MENZOGNE
di
6 Commenti Condividi

Caro No Vax, non c’è bisogno di odiare. Già, ma chi sei tu? Tu non sei uno che non si vaccina e basta. Ci sono tante persone che non si vaccinano e basta per timori, per dubbi, per una paura che, nonostante i chiarimenti, ancora le invade.

Dovrebbero, certo, vaccinarsi e provare a fermare, con gli altri vaccinati, la marea del Covid. Ma queste persone sono soltanto smarrite. Non sono violente. Non credono alle mirabolanti sciocchezze che si leggono in giro sul ‘vaccino di Satana’. Hanno, appunto, paura. Il più irrazionale e il più difficile dei sentimenti da sottomettere alla prova della realtà.

E poi ci sei tu, diviso in sottogruppi. Puoi essere uno che si beve quelle ciclopiche fesserie. Puoi essere uno che le diffonde. Uno che vive nell’ombra, non un illuminato. Che rifiuta le semplici indicazioni della scienza perché immerso in una sua età oscura e negazionista che è sintomo di una sofferenza profonda.

Ma puoi essere pure uno che odia concretamente. Che aggredisce i giornalisti, che insulta i medici. Che, nel mondo social, nelle chat e nelle bacheche, scrive cose francamente orrende. Per cui non c’è molta voglia, in giro, di parlare con te. Ma bisogna provarci. Quando le parole scompaiono, c’è sempre una catastrofe all’orizzonte.

Il problema sei tu. Tu che pensi che sia tutto un complotto. Tu che pensi che ci siano padroni che vogliano ridurti in schiavitù. Tu che leggi il dato di realtà in un modo talmente distorto che è quasi impossibile opporre una spiegazione razionale. Tuttavia, appunto, uno deve provarci per l’importanza delle parole di cui si diceva prima.

La realtà, infatti, è tragicamente semplice. Il Covid esiste e non è una ‘semplice influenza’. Nelle bare di Bergamo c’erano corpi di trapassati, non era una finzione, purtroppo. Il vaccino non è un marchingegno infernale, il distillato perverso di una classe dominante. E’ qualcosa che salva le vite umane dall’inferno della malattia grave. Basta chiedere in merito ai non vaccinati pentiti che cambiano idea una volta superata la soglia delle rianimazioni. Basta guardare i loro occhi terrorizzati.

Vuoi continuare a vivere nel tuo scantinato mentale, raccontato al prossimo e a te stesso come una terrazza? Fai pure, nessuno ti convincerà della verità, se non vorrai. Ma non odiare, non minacciare e non aggredire, non dare la caccia nelle bacheche, sigla un armistizio con il tuo odio, perché chi odia è sempre il vero sconfitto. E fallo soprattutto per te. Il Covid è il nemico. Il Covid ha già sconvolto le vite di tutti, compresa la tua. Non c’è bisogno di altro dolore.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Apprezzo il suo sforzo per rimanere lucidi e razionali. Però temo che sia venuto il momento che la magistratura indaghi e blocchi questi movimenti eversivi che approfittano della paura della gente per le loro truci finalità politiche. Non vorrei che ci si muovesse solo dopo che ci scapperà il morto.

    non credono alla scienza ma credono ai miracoli. quando manca la materia grigia succedono questi fenomeni.

    Le condotte violente e istigatrici di odio, anche solo verbali, vanno fermamente condannate sia nei credenti del vaccino sia nei dubbiosi di tale farmaco.
    Dialogo aperto e rispetto reciproco per evitare una progressione delle tensioni sociali.

    Egregio Dott. Puglisi condivido quanto scritto, basta studiare la storia per comprendere che coloro che assumono atteggiamenti violenti alla fine fanno del male solo a se stessi ed alle loro idee giusto o sbagliato che siano e che vorrebbero pubblicizzare ed imporre agli altri. Siamo in Sicilia e non posso che portare l’esempio dell’organizzazione mafiosa che qualcuno al suo vertice nei primi anni novanta aveva indirizzato verso una aperta sfida allo Stato da attuarsi con attentati, stragi ed uccisioni di magistrati. Per ottenerne poi cosa? non solo uno smantellamento della stessa in seguito alla pronta reazione militare da parte di quello Stato che nelle intenzioni di colui che invece lo avrebbe voluto piegare e ricattare doveva soccombere ma portando perfino, cosa impensabile fino ad allora, un popolo come quello palermitano a scendere in piazza gridando parole di odio verso la mafia in occasione, se vi ricorderete, delle esequie dei magistrati Falcone e Borsellino. Chi subentrò in seguito ai vertici dell’organizzazione mafiosa sopravvissuta alle pesanti decurtazioni della reazione dello Stato adottò allora per il futuro la decisione di evitare qualsiasi manifestazione eclatante, le uccisioni, le stragi e quant’altro, in poche parole fu deciso di volare bassi ed in un totale silenzio giornalistico e mediatico durato anni. Tant’è vero che se adesso dopo quasi trent’anni da quei fatti andate in giro ponendo ai palermitani del 2021, figli di coloro che allora scesero in piazza, la semplice domanda se la mafia esista ancora vi sentirete dare solo delle risposte negative. Citando questo esempio storico vorrei solo invitare tutti coloro che protestano a non fare più nulla. Non volete vaccinarvi o fare il green pass? Allora per favore non dite nulla, non fatelo sapere agli altri, state in silenzio, non occupate vie piazze e stazioni, fate al limite come quelli che un tempo entravano in clandestinità ma tenete presente che ogni fatto o parola che dite, ogni minaccia o insulto verso medici o politici potrebbe ritorcersi pesantemente contro di voi facendovi autometicamente passare dalla parte del torto così come penso già stia accadendo e come storicamente accadde all’organizzazione mafiosa di trent’anni fa…..

    Il tuo commento è in attesa di moderazione.
    Io l’unica cosa che chiedo a questi genialoidi no vax è che quando stanno male di non venire a intasare i pronto soccorso ma di starsi con coerenza a casa loro. Il 90% di ricoverati sono tutti non vaccinati, gente spesso ignorante e presuntuosa che per una vita si è magari imbottita di farmaci e quant’altro e che adesso, di fronte all’unico strumento in grado di tenere testa ad un fenomeno virale gravissimo, fa ostruzionismo con arroganza e in certi casi anche con violenza mettendo a rischio se stessi e gli altri. Che si stiano a casa loro, non vengano poi a piagnucolare negli ospedali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.