Palermo, "Un caso di Covid-19 al call center Abramo" - Live Sicilia

“Un caso positivo al call center”| Scatta la paura tra i colleghi

Foto d'archivio
Nell'azienda di viale Regione Siciliana è stata disposta una sanificazione straordinaria. La conferma dei sindacati
PALERMO
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Allarme nella sede palermitana del call center Abramo per un caso di Covid. Stamani l’azienda di viale Regione Siciliana ha chiuso i battenti per una sanificazione straordinaria dei locali, “confermata peraltro da una mail aziendale dove si attesta l’ufficialità di un caso positivo”. Lo si apprende da una nota che i sindacati Fistel-Cisl, Slc-Cgil e Uilcom-Uil hanno inviato ad Abramo, chiedendo una “convocazione urgente del comitato paritetico Covid-19”.

La preoccupazione si è fatta largo tra i dipendenti solo nelle ultime ore. “Una persona in azienda è positiva – segnala a Live Sicilia un lavoratore che preferisce l’anonimato –. Sarebbero positivi anche alcuni suoi parenti, ma questa persona fino a due giorni fa andava regolarmente al lavoro in sede. Poi ieri è arrivato l’esito positivo del tampone. Oggi in azienda hanno fatto una sanificazione straordinaria – conferma – non facendo entrare nessuno”.

A far crescere la paura sarebbero le condizioni generali di lavoro nel call center: “In azienda nessun controllo specifico, e soprattutto non si hanno cuffie personali e non c’è nemmeno il gel per igienizzare le mani – denuncia il segnalatore anonimo –. Abbiamo scritto in tanti ad Abramo per sapere se saranno fatti dei tamponi o come prendere delle precauzioni ma nessuno ha ricevuto risposta, se non l’indicazione di fare un test presso un laboratorio perché al momento l’azienda non sa se metterà a disposizione questo strumento”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *