L'inchiesta sui centri sociali | Annullati gli obblighi di firma - Live Sicilia

L’inchiesta sui centri sociali | Annullati gli obblighi di firma

La manifestazione di solidarietà nei confronti degli attivisti

Il Tribunale del Riesame dà ragione ai 17 appartenenti ad 'Anomalia-Ex Karcere', accusati di associazione a delinquere.

8 Commenti Condividi

PALERMO – Non si conoscono ancora le motivazioni, ma il Tribunale del Riesame ha annullato l’obbligo di firma per i 17 appartenenti al centro sociale Anomalia-Ex Karcere. Non ha retto, dunque, l’ipotesi di associazione a delinquere contestata dalla Procura. A presentare il ricorso dinanzi a tre differenti collegi è stato l’avvocato Giorgio Bisagna.

“Respingiamo il teorema centro sociale/associazione a delinquere – aveva detto il legale -. Anomalia è una realtà che opera nei quartieri popolari promuovendo cittadinanza attiva con attività sportive dopo scuola e momenti aggregativi per gli ultimi. Ridurre quest’esperienza ad una dimensione delinquenziale latamente eversiva – proseguiva – è operazione che contesteremo nelle sedi giudiziarie. Il teorema della Procura peraltro è stato ridimensionato dal Gip che non ha accolto la richiesta di custodia cautelare formulata a carico di diversi indagati né ritenuto applicabile il 1 comma dell’art.416″.

E il Riesame gli ha dato ragione nonostante i pubblici ministeri fossero stati piuttosto duri. Leggendo le accuse ci si confrontava con un bollettino di guerra: traumi cranici, mandibole fratturate e punti di sutura. Non era andata bene alle forze dell’ordine intervenute durante le manifestazioni non organizzate. In tanti erano finiti in ospedale. Ecco perché la Procura parlava di “un gruppo ben definito che ha mutato progressivamente il proprio atteggiamento da quello di dura protesta e disobbedienza nei confronti delle istituzioni locali, alla adozione di modalità di contrasto sempre più concrete e sempre più violente”. Ed ancora: “Sebbene appare evidente che tale gruppo, seppure ben strutturato, non ha ancora acquisito capacità di sovversione o di terrorismo, tuttavia sono stati registrati una molteplicità di episodi che denotano le potenzialità dell’organizzazione nel dirigere la piazza e le tensioni che in essa si esprimono verso un contesto di rabbia sociale che ben potrebbe sfociare in episodi ben più gravi e pericolosi e verso cui occorre intervenire per porvi un freno”.

Oggi il Riesame fa segnare, però, un punto a favore della difesa, annullando le misure cautelari per tutti e diciassette gli indagati: Giuseppe Vitale, Luigi Spera, Giorgio Martinico, Alessio Marziano, Gaetano Mazzola, Salvatore Pirrone, Gabriele Lo Dico, Emiliano Spera, Chadli Aloui, Emanuele Cardella, Gaetano La Barbera, Elisabetta Di Patti, Carlo Mancuso, Melina Tomasi, Valerio Lupo, Simona Maria Adele Paladino.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Giustizia Politika.

    si sapeva che finiva cosi, non c’è speranza per epurare i violenti dai giusti movimenti di contestazione

    Decisione sacrosanta e giusta! un applauso al tribunale del riesame!
    solidarieta’ ai ragazzi dell’ex karcere e dell’anomalia!

    Probabilmente per i giudici del riesame, i traumi cranici, le fratture e i punti di sutura dei poliziotti, erano di natura psicosomatica. Inoltre questi “giovani” dei centri sociali contro chi protestavano, visto che i loro referenti politici amministrano questa città? P.S. Chi paga la parcella degli avvocati di “soccorso rosso”?

    quando la decisione è contro i propri interessi è ingiusta e un attacco alla democrazia. Ora invece tutto bello. contenti voi..

    Beh d’altra parte, si chiamano anomalia…

    Perfetto! In nome della lotta politica tutto è concesso! Alla prossima manifestazione si sentiranno autorizzati a far cosa?

    Finalmente! Che questa città la smetta di dare del “criminale” a chi si occupa del sociale! Questi centri sociali per me sono un gran bene per la città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *