Comune, Orlando azzera| le posizioni organizzative - Live Sicilia

Comune, Orlando azzera| le posizioni organizzative

Il sindaco ha disposto di non rinnovare le posizioni organizzative del Comune. Filoramo (Pd): "Un errore non riorganizzare prima il sistema".

UFFICI A RISCHIO CAOS?
di
23 Commenti Condividi

PALERMO – Il sindaco Leoluca Orlando azzera le posizioni organizzative al comune di Palermo. Con un comunicato stampa, il primo cittadino ha infatti annunciato di non averle rinnovate (scadono oggi) per “la necessità di un ulteriore approfondimento, da fare sia all’interno della Giunta che con le Organizzazioni Sindacali, sulla irrimandabile necessità di una profonda riorganizzazione, volta a razionalizzare il lavoro e a incidere su alcune rigidità e incrostazioni organizzative ed amministrative che non possono più restare in piedi”.

Per posizioni organizzative si intendono incarichi di particolare responsabilità assegnati ad alcuni funzionari dell’amministrazione, dietro compenso: una sorta di vice-dirigente necessario per il funzionamento degli uffici. Entro novembre si dovrebbe procedere con la nomina delle nuove posizioni organizzative, anche se adesso il rischio è che ne risenta il lavoro degli uffici.

“Il comune di Palermo ha molti problemi finanziari, ma ha una grande risorsa: il personale dipendente – dice il consigliere del Pd, Rosario Filoramo – é stato un errore non affrontare con rapidità il tema della sua riorganizzazione e valorizzazione, è stato un errore prorogare sino ad adesso le posizioni organizzative e le alte professionalità lasciando nell’incertezza tantissimi bravi e validi funzionari. In particolar modo questo tema è di grande attualità nel settore degli uffici tecnici, sguarniti di dirigenti che dovranno essere surrogati da un robusto rinforzo di posizioni organizzative. Mi auguro che stavolta prevalga la managerialità nell’impostazione degli uffici da coprire e la corretta valutazione delle professionalità presenti all’interno della Pubblica Amministrazione. Attendiamo dal Sindaco Orlando una rottura col sistema delle appartenenze in favore di quello delle competenze”.

“Dopo nove mesi di proroghe il Sindaco ha detto fine alle posizioni organizzative volute da Cammarata – dice Paolo Caracausi dell’Idv – riteniamo che la decisione sia tardiva e che andava presa non lasciando sguarniti gli uffici. Molte delle posizioni organizzative sono persone capaci e di alto profilo. Ci auguriamo che non sia una nuova lottizzazione e che il sindaco dia seguito all’impegno di privilegiare chi merita al posto di chi gli appartiene”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

23 Commenti Condividi

Commenti

    Mi spiace per tutte le posizioni organizzative, che per tanti mesi, di proroga vergognosa in proroga, sono stati soggiogati dal potere politico, che certamente non avrà mancato di fare “campagna acquisti”.
    Si sappia che la nomina delle posizioni organizzative è una prerogativa dirigenziale e non assessoriale, e i dirigenti, certamente tantissimo, che dovesse cedere alle pressioni politiche commette un reato.

    Finalmente. E adesso la CISL come farà ??? O si stanno già preparando per un accordo ?

    Orlando e suoi consiglieri sono dei grandi ignoranti perche’ la norma dice che glienti debbono istituire le P.O. , non e’ una facolta’ che puo’ essere sospesa senza una effettiva riorganizzazione. Oltretutto ha gia’ riorganizzato gli uffici dopo la sua elezione! Se cambia dopo un anno la struttura Vuol dire che e’ un incapace. Dimenticavo ! Lui sa fare il Sindaco?

    Caro sindaco avrebbe dovuto scrostare a ben vedere anche la classe dirigente. Classe dirigente che non ha avuto il coraggio di muovere un dito per i propri funzionari TITOLARI DI P.O., genuflessi come sono verso di Lei e la sua Giunta. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Nei primi giorni del suo insediamento molti dei dirigenti simpatizzanti del precedente Sindaco Cammarata erano preoccupati e quasi sicuri di perdere le loro indennità di posizione dirigenziale, e invece non è cambiato nulla!!!!!!!!!!!!!! Li HA CONFERMATI, FORSE IN LORO NON C’ERANO LE INCROSTAZIONI DA ELIMINARE DELLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE????????????????????????
    Avrebbe dovuto cambiare anche loro, il segretario comunale, il comandante dei vigili il vicecomandante, l’ex capo di gabinetto del precedente sindaco. L’unico defenestrato il ragioniere generale, si fa per dire atteso che ricopre pur sempre la funzione apicale di capo area e la cui indennità dirigenziale è rimasta tale e quale!!!!!!!!!!!!.
    Come vede Sindaco in tutto questo manca coerenza nelle proprie azioni, sa benissimo che la classe dirigente non brilla certamente di luce propria ma della luce dei funzionari che in questi anni si sono sacrificati per loro.
    Avrebbe fatto bene ad azzerare proprio tutti per un rinnovamento della macchina amministrativa!!!!!!!!

    Se si finge di valorizzare la competenza come è successo per i dirigenti ,poveri funzionari…la vedo nera ci sarà solo posto per gli amici del giaguaro

    Vorrà dire che sino ai nuovi incarichi le pratiche le gestiranno i dirigenti, che come dimostrano i fatti si sono ribellati al capo dell’amministrazione, con atti eclatanti (vale a dire nulla).
    Tempi duri per l’efficacia, l’efficienza e l’economicità dell’azione amministrativa.
    Per porre rimedio ai danni fatti 20 anni fa (bandi per dirigenti, in particolare per dirigenti tecnici, senza alcuna selezione per capacità e merito) ora blocca le posizioni organizzative, si spera per un solo mese, in attesa di farsi bene i conti come assegnarle ai propri uomini. Tutto questo in accordo con la dirigenza che nel frattempo sarà ben istruita a fare accurate (l’aggettivo è stato usato più con il significato dialettale che italico) prove selettive per individuare il funzionario giusto al posto sbagliato ed il funzionario sbagliato al posto giusto.

    Caro mio sindaco, le debbo proprio dire che queste alchimie amministrative, Sue o dei suoi più stretti collaboratori, non si comprendono. Traspare molto chiaramente invece un andare avanti a tentoni, i cui effetti per questa città ed i suoi cittadini (mi dispiace, ma anche i dipendenti sono cittadini) saranno purtroppo ben visibili solo quando di Lei sarà rimasto un labile ricordo di uno dei sindaci che hanno gestito questa meravigliosa Palermo.

    Una Giunta di dilettanti guidata da un megalomane inconcludente sta riuscendo a far rimpiangere persino Cammarata.Questa scelta ridicola avvenuta dopo 9 mesi di proroghe mensili dimostra superficialità ed approssimazione, creando caos nei vari servizi e mettendo nei guai i dirigenti che forse finalmente se ne sono capaci dovrebbero mettersi a lavorare!!!!

    Il Sindaco lo sa fare! Non c’è dubbio! Ha riorganizzato la macchina comunale come 15 anni fa non capendo che i tempi sono cambiati. E adesso, dopo non avere compreso l’evoluzione dei tempi, non comprendendo che le dinamiche degli uffici devono essere in continuo movimento lui che fa? Blocca gli uffici. Non riorganizza prima, li blocca! Questa è la capacità amministrativa di una classe politica presentata come il nuovo ma che alla fine si sta dimostrando più obsoleta di quella precedente. Sarebbe stato più corretto chiedere a ciascun dipendente che occupava un ruolo dirigenziale ciò che aveva fatto, con i numeri e con i risultati. Bel modo di amministrare. Complimenti LEI IL SINDACO…. LO SA FARE!

    Pessima gestione caro Orlando! Ogni mattina ti svegli e combini una c………ata!
    Solo questo sai fare bene?
    Ogni tanti chiediti se almeno il Signore avrà misericordia di te, perchè noi palermitani no di certo.

    Dai commenti letti sembrerebbe che gli uffici si siano retti finora sulle spalle dei dirigenti e dei funzionari titolari di Posizione Organizzativa e Alta Professionalità. Non è proprio così, esistono tanti altri dipendenti che hanno svolto sinora, con senso di responsabilità e correttamente le proprie mansioni non ricevendo alcuna retribuzione aggiuntiva premiante se confrontate con le attività svolte dalle P.O. Infatti, non tutti i titolari di P.O. svolgono un tipo di attività che possa essere anche lontanamente definita di vice-dirigenza. Quindi, la riorganizzazione, seppure da qualcuno definita tardiva, è necessaria per ridistribuire secondo le vere necessità dell’amministrazione tali incarichi; prediligendo le aree tecniche rispetto alle aree amministrativa, considerando che la razionalizzazione della spesa pubblica impone l’impossibilità di nuove assunzioni. Inoltre, il bando per le nuove assegnazioni potrà motivare chi finora ha svolto egregiamente il proprio ruolo a continuare per il bene Comune. Si spera quindi che i requisiti richiesti attengano ai curricula e alla reale professionalità maturata e non essere selezionati per altri criteri che possono essere così esemplificati il colore degli occhi, le misure delle scarpe o la tessera sindacale.

    Da p.o. (ex a quanto pare) non posso che concordare con Orlando, bisogna riorganizzare, ma davvero, eliminando le alte professionalità politicizzate e mettendo realmente a concorso le p.o. laddove necessitano…ma…potevi pensarci per tempo caro Orlando… e perché partecipare solo a 2 selezioni? bloccare gli incarichi perché non sei riuscito ad entrare con tutta la coda? VIVA CAMMARATA CON TUTTE LE SUE GIUNTE!!! adesso si ce lo hai fatto rimpiangere davvero.

    Sindaco che si improvvisa organizzatore dell ente,…. ma se non ha saputo neanche mettere su una giunta competente figuriamoci cosa vuole combinare lui e il suo suggeritore eccellente,un ennesimo buco nell acqua prova della propria inadeguatezza già ampiamente dimostrata nella rotazione dirigenziale

    @ onesto
    non dubito della sua onestà, sig, onesto, ma non è che lei è “leggermente” ingenuo? immaginare, e peggio affermare, che le posizioni organizzative siano prerogativa dirigenziale, è: mondo oltremodo fantastico…

    @ sandocan sei un “signore”!

    @ Pare vero
    lo dico con estremo disagio, ma temo che i dirigenti del comune (in larga parte) non sappiano oltre che non vogliano lavorare. Aggiungi poi, una Giunta di “tecnici” (viene da ridere già solo a scriverlo) inconcludenti e inadatti al ruolo, ed ecco che: stanno radendo al suolo la città. Non si muove foglia, non una iniziativa che vada nel vesrso auspicato dalla cittadinanza. Lo stato comatoso elevato a scelta amministrativo/politica. Solo sterile propaganda (vedi palermo città della cultura, dello sport, dell’amore, della pulizia, della e della, ecc. ecc.) utile solo per fornire i titoli di qualche giornale amico, e per continuare ad esistere nella carta geografica della Nazione. Povera Palermo…

    Finalmente si cambia

    Finalmente la CISL va a casa o trova una nuova escamotage per infinocchiare ancora tutti

    CARACALLA SCILIPOTICO CHI PROPONE?
    ALMENO LO FACESSERO CONTENTO UNA SECONDA VOLTA

    Prima di parlare, andatevi a leggere cosa chiedevano per fare la posizione organizzativa.
    Il bando era molto selettivo, lasciando fuori coloro che avevano esperienza ed anzianità.
    Per me era tutto calcolato, difatti non ho fatto la domanda perché a priori mi avevano stroncato tutte le possibilità. MI sento DELUSO , SCORAGGIATO e mi fanno sentire anche un po’ FALLITO nell’ambito del mio lavoro. In più, ultimamente, mi hanno defenestrato dalla nomina del PEO, una progressione economica disonesta nei confronti di chi lavora onestamente.
    Tutto ciò è demoralizzante come le valutazioni dei dirigenti, per il personale, dettate dalla legge brunetta, che andrebbe annullata in tutta la sua specifica.
    NON CREDO DI MERITARMI CIO’ ,non mi sembra l’ora di andare in pensione anche con poco , in quanto mi sono sconcertato di tutti questi avvenimenti.
    Con molto rammarico.

    prima di nominare i nuovi dirigenti sarebbe il caso di svolgere una piccola indagine nei settori ove si cela il maleaffare e precisamente CENTRO STORICO; EDILIZIA PRIVATA , SPORTELLO UNICO, CIMITERO, LAVORI PUBBLICI; MANUTENZIONE, PATRIMONIO ecc. ecc.
    In questi uffici quasi tutti i DIRIGENTI semi dirigenti ed impiegatucci cercano di arrotondare integrando il lavoro presso l’ufficio di appartenenza con una mascherata (non troppo) attività privata, affidata ad amici e parenti compiacenti; che si concretizza nel creare una serie di ostacoli barriere e problematiche fittizie agli utenti.
    La scelta pertanto andrebbe fatta escludendo coloro i quali _ed è risaputo_ svolgono una seconda attività sotterranea ed illegale.
    Primo punto pertanto la esclusione da qualsivoglia incarico colro i quali sono più o meno autorizzati a svolgere una attività extra-comunale.
    Secondo escludere coloro che pongono paletti alla sburocratizzazione dell’apparato comunale vedi EDILIZIA PRIVATA mancata accettazione della SCIA sportello unico ecc.
    Andrebbero premiate le professionalità oggi negli uffici tecnici tanti geometruncoli si spacciano per ingegneri ed architetti.. e tanti onesti e capaci professionisti laureati si vedono costretti a svolgere compiti inadeguati alla loro professionalità.
    ORLANDO SVEGLIATI…….

    Parlare di meritocrazia in una città dove la stragrande maggioranza di dirigenti si trova in posti di potere non per meriti ma per clientelismo, è una offesa per quei dipendenti che con il loro onesto lavoro vengono sfruttati ed utilizzati per il raggiungimento dei loro obiettivi.
    P.O. , PEO e quant’altro quasi sempre agli stessi, con titoli e riconoscimenti creati ad oc affinchè tizio, caio e sempronio possano superarli.
    E i sindacati? da anni stanno a guardare ed alimentare clientelismi che spesso hanno un ritorno per i loro attivisti.

    Ma perché sono state azzerate le alte professionalità e le posizioni organizzative dei comunali e non lo sono state le “posizioni di responsabilità” del personale coime? Forse perché vi avrebbero …. Fatto vedere loro o perché per il proprio figlio prodigo si sacrifica pure il vitello grasso?

    Sono pronto a scommettere 100 euro contro un EURO che gireranno la frittata e saranno sempre i soliti a mangiare nella tavola precedentemente imbandita per loro.
    Caro sindaco ANNACATI gli attributi e dimostra che non fai parte anche tu in questa farsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *