"Crocetta sia prudente| con i precari" - Live Sicilia

“Crocetta sia prudente| con i precari”

Secondo il capogruppo del Pid occorre dare certezze "ai venticinquemila siciliani in attesa di una sistemazione definitiva, evitando annunci che possono causare smarrimento".

parla toto cordaro
di
15 Commenti Condividi

PALERMO – “Ai precari siciliani in forza negli enti locali dobbiamo certamente la proroga dei contratti entro la fine dell’anno. Sui criteri di stabilizzazione e utilizzo invito il presidente Crocetta ad essere prudente prima di proporre soluzioni legate al mondo dell’imprenditoria privata”. Lo afferma Toto Cordaro, capogruppo del Cantiere Popolare-Pid all’Ars.

“Ciò non soltanto perché è in atto una situazione che comprime quel settore – aggiunge – ma anche perché nel recente passato la Regione siciliana non ha concesso alcuna tutela alle nostre imprese che sono ancora in attesa della spettanze economiche pregresse per oltre 1,5 miliardi. Il rischio in questo caso sarebbe quello di una norma manifesto senza agganci alla realtà fattuale”.

Per Cordaro “è più convincente pensare ad una legge di settore da approvare nei primi mesi del 2013″. “Ai venticinquemila siciliani in attesa di una sistemazione definitiva – conclude – dobbiamo dare più certezze ed evitare annunci che possono causare ulteriori incertezze e smarrimento in tante famiglie siciliane”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    riflessione attenta e da campagna elletorale, mi sarebbe piaciuto sapere dall’ on. Cordaro cosa lui potrebbe proporre come soluzionevsenza dare eventuali proposte diverse dal Presidente Crocetta che quantomeno le ha fatte!
    Ricordo ai lettori che l’ on Cordaro ha gia’ sistemato tutti i suoi familiari in Regione

    On. Cordaro, ma lei conosce i suoi elettori?
    Mi spiego meglio, dato che lei e’ stato sostenuto da un partito intero (compreso Romano in primis) senza aver mai fatto una riunione, mi chiedo se lei ha mai conosciuto a parte la sua famiglia, altri elettori…lei Cordaro difende solo gli interessi suoi e di Saverio Romano.
    Buon Natale solo ai politici onesti, cioe’ NESSUNO!

    Leggo commenti dai quali di percepiscono solo cattiveria e preconcetti, mai che ci si riferisca ai contenuti, e meno male che si avvicina il Natale…..

    ricordo a chi facesse finta di dimenticarlo, che l’on. Cordaro nella precedente legislatura era all’OPPOSIZIONE nonostante fosse stato eletto in una coalizione di maggioranza e che adesso, …invece, è di nuovo all’OPPOSIZIONE!!!!

    Non capisco tutto sto livore, forse proprio perchè si tratta di un cavallo “di razza”.

    Io conosco Cordaro, l’ho votato convintamente essendo certo non solo della sua preparazione (ce ne fossero) ma soprattutto della sua onestà.

    Per il resto auguro Buon Natale a tutti, anche a chi è avvelenato dalla cattiveria, con la speranza che trovino il proprio equilibrio.

    Il Pid-cantiere popolare è un partito alla deriva e ormai si è ridotto a poche decine di sostenitori. La mala politica condotta da tutti i vertici del partito ha portato al totale annientamento di tutto l’elettorato. Vanno avanti sempre le stesse persone e non c’è mai spazio per nessuno… Adesso ci saranno le elezioni nazionali e vedremo, ancora una volta, la disfatta di tutto il cendro-destra ed in particolar modo del partito che fa riferimento all’On. Saverio Romano…

    mi appello a chi ha votato le idee del PID, facendo una riflessione aperta! ci abbimo creduto sostenendo a sindaco l’On Caronia poi le elezioni per il rinnovo dell’ ARS, conclusione eccola:
    Coradro-Avanti-Ribaudo, che dire di piu’

    io sono una contrattista ex art 23, precaria dal 1989, ben 23 ani, e in scadenza il 31dicembre , tra 7 giorni. Ho 53 anni, pensate che quella di crocetta sia una soluzione?.. dopo tutti questi anni non credo.. pensate che io sia una fannullona? venite alla segreteria della ragioneria del policlinico, dove lavoro da 12 anni, e vedete se sono una fannullonna…. non fate dei precari tutto un fascio come degli impiegati pubblici tutto un fascio. ul marcio cè ovunque, anche nel privato, quello fa parte della persona. Ora mi chiedo chi si sta interessando dei precari che vanno a casa e che sono al policlinico di palermo???? siamo 30 amministrativi e il mio caro Commissario Ing. La Rocca ci sta mandando a casa perchè non vuole recepire le circolari della dott. Corsello.. ogni scusa per lui è buona per non voler capire!!! e intanto siamo a casa.. CHIEDO AIUTO A CHIUNQUE POSSA AIUTARCI……….

    Gli elettori della Caronia hanno ancora il dente avvelenato per la sconfitta? Ma lo sanno che se la Caronia vorrà diventare senatore dovrà essere votata anche da chi critica? Poi perchè nominare sempre gli stessi? Enea per 10 anni assessore senza esser stato nemmeno rieletto l’ultima volta, Bruscia per 5 anni assessore attività produttive e considerando i voti presi poteva benissimo dedicarsi ad altro. Finitela, fate più figura!

    Cara Irene, mi dispiace per la precarietà del tuo lavoro ma dimmi un po’ ti rendi conto che la gran parte dei 25 mila precari si trova ad occupare un posto (non sarà il tuo caso, parlo degli altri) che non è mai stato assegnato con un regolare concorso e che pertanto si è commessa un’ingiustizia nei confronti di tanti giovani che non hanno potuto conquistare il posto con il MERITO? Pertanto consiglio ai precari di rivolgersi al politico di turno che li li ha messi e non cercare solidarietà presso coloro che la scelta del politico l’hanno subita per non dire di peggio!

    Mi risulta che CORDARO è stato eletto con più di 9 mila voti,non da quattro amici o familiari ! Avete sentito il suo intervento in aula alla prima assemblea dell’ ARS un altro pianeta ! Bravo CORDARO!!!!!

    PID= 6 %

    FATEVENE UNA RAGIONE

    90zero46… potrei darti ragione, gran parte dei precari è il frutto dei politici di turno. Però credimi, tu non ci crederai ma io sono della prima annualità, 1989, di art. 23 ho superato una graduatoria per titoli (studio disoccupazione carico familiare e reddito) allora fatta dall’assessorato al Lavoro per l’occupazione giovanile. Non sono nata come successivamente sono nati una serie di precari. Ma ricordati della legge 85 o del DL 23 degli anni 80/90 loro sono entrati tutti alla Regione e al Comune, ti ricordo la Resais e tante altre forme di precari entrati negli enti pubblici. Ma mi dici chi è entrato nell’ente pubblico per concorso?? io che ci lavoro posso confermarti che sarà solo una minoranza il 10%, e poi credi nei concorsi?? perchè quelli non sono pilotati dai politici? te lo posso assicurare, forse credo di avere più esperienza di te, o ho 2 figli grandi, uno di 31 ani e 1 di 27 laureati uno in ingegneria elettronica, tu pensi che io creda ai concorsi?? Quei pochi che ci sono stati sono stati banditi ad oh perchì doveva entrare, e poi vedi che sono i figli di…. devo crederci ancora!!!! mi fa piacere che tu ci creda che per te la speranza di credere che va avanti solo chi ha capacità, non è così si va avanti per raccomandazione. Fatti un giro negli uffici e vedi che ci sono impiegati con cariche dirigenziali solo per appoggi e poi di fatto magari non ti sanno fare neanche un fax, e il lavoro gli e lo svolge il preacario che per amore di lavorare in silenzio lavora per lui. Credimi vivo questa realtà da 23 anni, da fuori tutto è diverso

    Concordo assolutamente con quanto ha dettagliatamente illustrato Irene nel suo commento verso 90zero46. I concorsi degli anni ottanta o novanta possono essere narrati solo da chi li ha vissuti di persona. Ed è proprio così…entravano sempre i raccomandati, anche nelle forze pubbliche. Quindi, come ben dice Irene, se siete giovani è giusto sperare e credere ancora a certe cose ma quando un giorno ci si sveglia e si capisce come vanno veramente le cose…si prende una brutta delusione!
    Quindi non accanitevi tanto con la categoria dei precari (tengo a dire che non sono precario), PERCHè I FAVORITISMI, LE RACCOMANDAZIONI, IL CLIENTELISMO sono sempre esistiti ed esisteranno sempre. Tutto è comandato dalla Politica: ricordatelo!
    La conclusione è che non serve a nulla fare la guerra tra i poveri…

    Marco credimi anche io ho 2 figli, e uno dei miei ragazzi non so quante volte ha partecipato ai concorsi a tempo che bandisce l’univeersità, e dopo che paghi il versamento di 10 euro e ti presenti prova solo delusione e sai perchè?? perchè vede la realtà.. frequentando l’università poi viene a scoprire che il vincitore era già al lavoro lì perchè figlio di un dipendente o di… è tutto organzzato e i ragazzi non hanno niente di pulito da vedere.. e quindi sia da precaria che da madre di figlio disoccupato e laureato ti dico che cè uno schifo e un ingiustizia infinita.. vince sempre il più forte…

    Ti capisco Irene…è così! Anche nel campo universitario ne so qualcosa perchè ho amici che hanno trascorso tanti anni lì per via degli studi ed altri ci lavorano. Ma questa è la realtà che si vive in qualsiasi ambiente, in tutta la società. Dobbiamo farcene una ragione, reagire, rimboccarci le maniche e fare da noi e non piangerci addosso e guardare sempre negativamente con cattiveria o invidia il prossimo ne con commenti di poco gusto. Questo sicuramente non risolve i nostri problemi ne quelli del paese. Per il resto non prendertela tanto per i commenti che leggi. E’ anche comprensibile che al di fuori sembra tutta un’erba di cui farne un fascio ma è vero che certe dinamiche, se non si è del giro, non si possono comprendere, figuriamoci a dimostrare solidarietà. Tutti coloro che parlano di meritocrazia scopriranno, con il tempo, che non è figlia dei concorsi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.