Da 'salotto' a luogo di bivacco | Sgomberati i portici - Live Sicilia

Da ‘salotto’ a luogo di bivacco | Sgomberati i portici

Polizia di Stato, agenti della Municipale e operatori della Rap hanno proceduto alle operazioni in piazzale Ungheria e via Mariano Stabile. I giovani senza tetto si sono allontanati volontariamente.

Palermo, piazzale ungheria
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – Quello che un tempo era ‘il salotto’ di Palermo era diventato un luogo di bivacco di alcune persone senza fissa dimora. Dopo un esposto di protesta di alcuni cittadini la Polizia di Stato insieme a quella Municipale e operatori della Rap, hanno proceduto allo sgombero dei portici di piazzale Ungheria e via Mariano Stabile. I giovani senza tetto si sono allontanati volontariamente, accettando di recarsi presso alcune strutture di accoglienza cittadine dove troveranno assistenza.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Meglio tardi che mai! … Fusse che fusse la vorta bona! … e che ci vuole per fare le cose che vanno fatte!!! In fondo non si chiede altro.. solamente che si faccia quanto dovrebbe essere fatto con carattere di ordinarietà e non come intervento straordinario.
    Se ci fosse un effettivo controllo del territorio da parte di chi dovrebbe operare in questo senso si bloccherebbe sul nascere qualsiasi illegalità scoraggiando in tal modo il proliferare di altri comportamenti analoghi che inducono a pensare che vengano tollerati. Non si deve intervenire sol perché c’è un consistente numero di cittadini che si lamenta, perché allora guai ad essere uno solo … puoi stare fresco!

    E come ogni domenica (oggi) a Ballarò, presso piazza Napoleone Colajanni e una infinità di vie limitrofe ormai, il mercatino dell’indecenza e della delinquenza regna sovrano. Perché non venite a sgomberare questo? Non si può toccare? Come mai?

    TRA UN PAIO DI GIORMI SARA’ COME PRIMA

    Infatti, a Palermo l’enfasi per un provvedimento dura due massimo tre giorni.

    Finita l’estate, ricomincia lo schifo. Nell’ultimo week end, tutte le strade del centro sono state pattugliate da un ESERCITO DI POSTEGGIATORI ABUSIVI.
    Una macchina della Polizia Municipale s’é fermata in via Libertá e gli ho chiesto se é normale che in una strada a traffico limitato (divieto di sosta) com’é la via Mazzini, sia possibile che ci siano macchine e motori posteggiati ovunque. “É possibile”?
    Mi hanno guardato e se ne sono andati.
    Almeno gli assenteisti non li vedi, ma questi due…e gli paghiamo pure lo straordinario festivo?

    Un po’ come l’ordinanza sui venditori ambulanti. Venerdì pomeriggio erano tutti lungo la via Maqueda ad esporre la loro meravigliosa mercanzia. Hanno atteso i tre mesi estivi (per altro mesi di magra) e sono rispuntati come i funghi

    oggi è lunedì5 ottobre, mi reco in piazzale Ungheria dove lavoro e ci sono nuovamente i barboni , ad osservarli un gruppo di burocrati del Comune….sicuramente interverranno!

    Questa è Palermo! Proclami, commemorazioni, richieste di aiuto a S.Rosalia per la liberazione dalle nuove pesti (perché chi dovrebbe farlo non sa come fare), ascolto dell’inno nazionale con mano sul cuore…insomma nelle sceneggiate e nei colpi di teatro non sono secondi a nessuno, ma per le cose pratiche che servono a fare funzionare la città si ritrovano ben lungi dall’essere secondi. Ne è la riprova quest’ultima inchiesta: chi doveva controllare lo ha fatto di seguito a segnalazione altrimenti sarebbe incorso in omissione di atti di ufficio e con tutto ciò riscuote sempre la massima fiducia… ci sono sempre gli intoccabili? neanche a dare un segnale alla città così..per occhio di mondo!!!

    Oggi 6 ottobre, anche oggi il barbone ha “arredato” la sua stanza da letto davanti le vetrine della banca….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *