Don Rugolo accusato di pedofilia: al via il processo - Live Sicilia

Don Rugolo accusato di pedofilia: al via il processo

L'accusato non si è presentato e i suoi avvocati hanno presentato un certificato medico
TRIBUNALE
di
1 Commenti Condividi

ENNA – Nella tarda mattina di oggi, dinanzi al tribunale di Enna, si è aperto il processo con rito ordinario a carico del sacerdote quarantenne Giuseppe Rugolo, arrestato lo scorso 27 aprile ed accusato di violenza sessuale aggravata su minori.

Il processo di celebra a porte chiuse e quella di oggi è stata la prima udienza, dedicata all’ammissione di testi e prove, costituzioni di parti civili, eccezioni preliminari, e iniziata con la richiesta di rinvio, avanzata dai difensori di Rugolo, avvocati Denis Lovison e Antonino Lizio, che hanno presentato un certificato medico per il loro assistito. Il tribunale ha rigettato la richiesta

Rigettate tutte le eccezioni preliminari dei legali di Rugolo mentre sono state ammesse come parte civile, oltre alla vittima che lo ha denunciato, difesa dall’avvocato Eleanna Parasiliti Molica, i genitori del giovane minorenne all’epoca dei fatti, assistiti dal legale Giovanni Di Giovanni, l’Associazione Co. tu. le. VI con l’avvocato Prima Cammarata e la Rete l’abuso con l’avvocato Mario Caligiuri. Il legale della vittima ha chiesto che siano chiamate alla responsabilità civile la diocesi di Piazza Armerina e la parrocchia dove il prete celebrava. La prossima udienza del processo il 21 ottobre.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Non lo dico io che non sono affatto un uomo di chiesa ma lo ha detto proprio Sua Santità Francesco che la chiesa cattolica deve ancora fare i conti con un numero elevatissimo ed impressionante di casi di pedofilia, pederastia ed abusi sessuali anche nelle alte gerarchie. Tuttavia ammiro che un Papa come quello attuale ne parli e che soprattutto abbia già preso nel tempo provvedimenti contro addirittura cardinali ed alti prelati interessati da questo genere di deviazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *