Dopo 30 anni in Sicilia|gli Argenti di Morgantina - Live Sicilia

Dopo 30 anni in Sicilia|gli Argenti di Morgantina

ARCHEOLOGIA
di
1 Commenti Condividi

Rientreranno definitivamente il prossimo 3 dicembre ad Aidone, in provincia di Enna, i cosiddetti Argenti di Morgantina, sedici raffinatissimi pezzi d’argento dorato d’epoca ellenistica trafugati 30 anni fa dai tombaroli nelle campagne intorno al capoluogo. I reperti, conosciuti anche come il Tesoro di Eupolemos, furono venduti sottobanco nelle aste clandestine internazionali da esperti d’arte antica e infine acquistati dal Metropolitan Museum di New York nel 1984, dove sono stati esposti fino allo scorso anno.

Gli argenti, rientrati in Italia all’inizio del 2010, torneranno ad Aidone dopo una tournee coordinata dall’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana cominciata la primavera scorsa al Palazzo Massimo di Roma, proseguita al Museo Salinas di Palermo e conclusasi a Shangai in occasione dell’Expo. Nel museo archeologico di Aidone gli argenti saranno esposti insieme agli Acroliti di Demetra e Kore, tornati in Sicilia nel dicembre, e dalla prossima primavera avranno accanto la Venere di Morgantina. In programma il prossimo 3 dicembre anche un convegno archeologico internazionale organizzato in collaborazione con il Comune di Aidone e la Soprintendenza di Enna nel corso del quale i maggiori studiosi della storia di Morgantina e dei suoi scavi ripercorreranno le tappe dei vari ritrovamenti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Bene, una parte del nostro patrimonio che ritorna. Spero che sia l’inizio di altri rientri o ritrovamenti (la natività di Caravaggio per esempio), senza contare il ritrovamento di tante opere d’arte o di luoghi paesaggistici di estrema bellezza perduti o in via di dissolvimento in casa nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.