Due strade per Crocetta - Live Sicilia

Due strade per Crocetta

L'elezione del presidente dell'Ars sarà il primo bivio importante per la coalizione di Crocetta. Due le opzioni: mantenere un dialogo con tutte le forze politiche o cercare un rapporto privilegiato con lombardiani e Grande Sud. Ai nomi già sentiti si aggiunge anche l'ipotesi clamorosa di una conferma di Cascio. Sullo sfondo i patti romani per le elezioni politiche che potrebbero portare tra qualche mese a un allargamento della coalizione

Le scelte del presidente
di
53 Commenti Condividi

PALERMO- Francesco Cascio potrebbe succedere a se stesso alla presidenza dell’Assemblea regionale siciliana. E non è fantapolitica. Il nome del presidente uscente di Sala d’Ercole è uno dei papabili nei più segreti conciliaboli in corso in vista del primo appuntamento della nuova Assemblea, che sarà anche il primo test per la ricerca di una maggioranza che le urne non hanno consegnato alla coalizione vincitrice. Un appuntamento che sarà anche un primo bivio per capire quale strada imboccherà la coalizione di Rosario Crocetta sul fronte dei rapporti con gli altri partiti.

L’ipotesi A è quella che il neogovernatore aveva prospettato in campagna elettorale e che ha ribadito dopo la vittoria. Nessun patto stabile con altri partiti, ma un governo di minoranza che cerca in Aula il consenso sui singoli provvedimenti. Uno scenario possibile se all’Ars non si innescherà un clima di guerriglia, ma prevarrà il senso di responsabilità e di collaborazione nell’interesse dei siciliani. Il Movimento 5 Stelle ha già fatto capire di essere disponibile a un confronto senza barricate e preclusioni. Ma anche nel Pdl si levano voci come quella di Francesco Cascio, che a Live Sicilia ha spiegato il suo orientamento verso un’apertura al confronto con Crocetta. Apertura che qualcuno ha collegato, sottovoce, proprio al tentativodi Cascio di restare al suo posto.

Uno scenario, quello del dialogo “ecumenico”, che piace soprattutto a quanti vogliono ridimensionare il potere di trattativa del blocco sicilianista di Raffaele Lombardo e Gianfranco Miccichè, disinnescando il presunto “patto della crocchè”. E non è un caso che a caldeggiare questo genere di scenario ci sia stato, tra i primi, il leader confindustriale Ivan Lo Bello, che Lombardo considera il nemico numero uno.

Diversi nella coalizione crocettiana gradirebbero una soluzione di questo tipo. Nell’Udc, ad esempio, lo squadrone dell’ex Mpa non gode di grandi simpatie e lo stesso vale per almeno un paio di correnti del Pd. E anche la Confindustria di Antonello Montante, ritenuto non lontano da Rosario Crocetta, dopo i veleni del caso Venturi dovrebbe non essere entusiasta di un riavvicinamento alla stanza dei bottoni da parte di Lombardo. Tanto che lo stesso Montante non ha perso tempo a lanciare un appello ai partiti “a lavorare tutti insieme”.

È in questa prospettiva che potrebbe maturare l’ipotesi di una conferma di Francesco Cascio sullo scranno più alto di Sala d’Ercole. Lasciare all’opposizione la presidenza dell’Ars sarebbe un segnale di apertura al dialogo buon viatico per una legislatura di collaborazione in pieno spirito montiano. Al momento dell’ipotesi si parla, anche se bisognerà capire se nel Pdl il nome di Cascio, anche dopo le bordate al partito e ai dirigenti, riscontrerà un gradimento tale da assicurare in Aula i voti degli alfaniani. Tra i quali Cascio si è conquistato diverse antipatie.

C’è poi il secondo scenario, quello del patto di ferro con la pattuglia sicilianista di Miccichè e Lombardo. Un percorso che avrebbe tra i suoi sostenitori, ovviamente, l’anima del Pd che nella precedente legilsatura è stata più vicina a Lombardo, ossia la corrente di Antonello Cracolici. Che potrebbe essere un candidato alla poltrona di presidente dell’Ars, da eleggere anche grazie ai voti di Grande Sud e Mpa. Obiettivo complicato, in realtà. Perché con un presidente della Regione del Pd, logica di coalizione vorrebbe che la presidenza dell’Assemblea andasse all’Udc. Che potrebbe schierare due nomi: il messinese Giovanni Ardizzone e Lino Leanza, che ha spinto la lista centrista a Catania fino a un risultato quasi insperato. L’ex numero due dell’Mpa avrebbe il profilo di uomo del dialogo e l’esperienza per guidare l’Aula, ma anche le quotazioni di Ardizzone sono molto alte. Se invece prevalesse la strada che punta a cementare il patto con Grande Sud e Partito dei siciliani, l’alternativa a Cracolici è rappresentata dall’autonomista Nicola D’Agostino e dall’arancione Michele Cimino.

Le decisioni definitive non si prenderanno a Palermo, ma a Roma. Perché l’eventuale intesa con Grande Sud e Partito dei siciliani si inquadrerebbe in un accordo romano, che sarebbe già stato chiuso prima delle elezioni da Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini. L’accordo prevede il transito in blocco della coalizione guidata da Miccichè alle Regionali nella Lista per l’Italia di sapore montiano a cui lavora il leader dell’Udc. È questo il contesto più ampio nel quale inquadrare la vicenda siciliana.

Quando finiani, miccicheiani e lombardiani confluiranno in un unico soggetto insieme all’Udc, lo scenario siciliano cambierà. Soprattutto se questo rassemblement centrista, come ormai pare scritto, si alleerà dopo le elezioni con il Pd per governare l’Italia. A quel punto, è difficile immaginare che l’Ars non si assesterà di conseguenza. Ma saremo già all’estate, stagione ideale per un bel rimpasto di governo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

53 Commenti Condividi

Commenti

    Crocetta, Please!!! Basta ‘POLTRONISMO’!!!! Apriti aglia ttivisti che sono la forza che meglio si sposa a governare: L’a tua esperienza e la genuinità della loro inesperienza insieme. Con una donna alla presidenza diventa la ricetta perfetta!! ASCOLTAMIIIIIIIIIIIIII

    B u f f o n i !
    N O – V O T O
    alle politiche !

    Ecco perché la gente ha preferito stare a casa domenica. Le beghe e le costruzioni per il,futuro porteranno a perdere di vista l’obiettivo che sono i siciliani e i loro problemi. Devo ammettere che forse è meglio fare come i grillini, ho votato Micciche ma ora dico forza m5stelle

    Forse meglio “NO VOTO” in massa.

    CROCETTA SCEGLI MICCICHE’ PER GOVERNARE,NON TE NE PENTIRAI………….

    Siete stati eletti ” tutti” per fare gli interessi dei siciliani ; quindi a parte gli interessi personali e di coalizione mettetevi nella direzione giusta per farli.

    “L’accordo prevede il transito in blocco della coalizione guidata da Miccichè alle Regionali nella Lista per l’Italia di sapore montiano a cui lavora il leader dell’Udc. È questo il contesto più ampio nel quale inquadrare la vicenda siciliana.”

    Quindi, se l’ intuizione di Salvo Toscano è giusta vi sarebbe un accordo PD, UDC, MPA, FLI, GRANDE SUD , per prender per FESSI i Siciliani e consegnarli a MONTI ancora per 5 anni ?

    Allora, a questo punto, l’ UNICA alternativa sarebbe VERAMENTE la costituzione di un vero e proprio PARTITO del NON VOTO !

    A questo punto i Siciliani dovrebbero ribellarsi e chiedere di tornare al voto subito !

    Per mandare immediatamente a casa questi lacchè di Bersani, Casini e MONTI !

    Le due ipotesi, ambedue oscene! Governare coi seguaci di Lombardo e i cortigiani di questi presenti nel pd, fa orrore! Povero Pd, ha venduto l’anima al “Diavolo”!
    La prossima volta sparirà….ora è al 6%! Alle prossime sarà “c’era una volta”!
    Crocetta dovrebbe cercare accordo nel rispetto del voto…con il M5S! Potrebbe portare avanti la politica dei tagli alle spese scandalose, altrimenti che si dimetta assieme a tutti gli eletti, per un semplice motivo. L’attuale Assemblea Regionale non rappresenta la maggioranza dei Siciliani. Il Non Voto intenzionale è stato del 52,6%….questa è la vera maggioranza!

    Il M5S È il primo partito, scelto alle urne dai siciliani e tutte le beghe se li discutono tra loro? Ma che democrazia èquesta? Allora è maledettamente vero che bisogna mantenere la politica incomprensibile, così da allontanare sempre di più i cittadini e loro, la casta, continuare affare i loro sporchi interessi.

    Crocetta, ti abbiamo votato per la tua storia personale, per il tuo prestigio e per la tua capacità, non vanificare tutto sentendo i partiti che ti hanno sostenuto. Tra i nomi che circolano e tra i volti visti in qualche tua convention, c’erano persone impresentabili. Vai avanti da solo, fai capire ai partiti che ti hanno sostenuto che sono importanti, ma per la squadra devi prendere in considerazione persone di alto profilo ed al di fuori di ogni sospetto magari attingendo tra le migliaia di professionisti e manager stimati al nord o all’estero. In questo modo nessuno ti potrà obiettare nulla, altrimenti saremo costretti nuovamente ad una ingovernabilità e ad elezioni anticipate. Se sbagli, meglio che sbagli da solo ma con l’appoggio del popolo che ha voluto te e 20 deputati grillini, non vuole nè Crisafulli, nè Leanza, nè Caio nè Sempronio ma solo persone oneste e capaci che possano portare professionalità ed esperienza.

    Per favore ancora NO VOTO. Ma non avete visto il risultato. Avete favorito i soliti noti. ANDATE A VOTARE M5S.

    Grazie ai 15 eletti del M5S risparmieremo 150.000 al mese. Se fossero stati di più ci saremmo risparmiati tutti i “balletti” che adesso ci saranno e avremmo risparmiato più soldi per finanziare il micro credito alle piccole aziende.

    Del No Voto se ne fregano. Ricordatelo ad aprile.

    Presidente Crocetta non tradisca i siciliani. Faccia accordi con tutti ma non con chi ha rovinato la Sicilia.
    Non con Lombardo. Non dia continuitá al disastro.
    Premi invece chi si è opposto in tutti i modi all’Attila che ci ha governato finora pensando solo al suo tornaconto e alla fine ha pure piazzato suo figlio all’ARS mentre i siciliani siamo alla disperazione.

    per Claudio C 23:40

    Gli elettori del M5S stanno aspettando di vedere come si comporteranno i 15 DEPUTATI M5S riguardo al FOLLE SPRECO di denaro pubblico che CROCETTA medita di porre in essere per soddisfare le PRETESE dei suoi amici, nominando ASSESSORI PSEUDO-TECNICI loro amici o parenti

    Spesa prevista : oltre 15 MILIONI di EURO, letteralmente BUTTATI al VENTO !

    D’accordo con Claudio C, il non voto favorisce il vecchio sistema, CHI NON VOTA E’ UN LORO COMPLICE!
    Avreste dovuto avere il coraggio di muovere il vostro culo dalla scrivania ed andare al seggio per votare chi si oppone al sistema, le alternative le avevate per tutti i gusti: Cancelleri, Marano, Sturzo, Di Leo.
    Adesso non potete lamentarvi, la prossima volta, cioè molto presto, trasformate il partito del non-voto in uno tsunami che spazza via tutto il vecchio, resteranno pochi ruderi politici abbarbicati alle poche clientele che ancora imperterrite, per ignoranza e miseria gli daranno il voto.

    Crocetta stai fallendo ancor prima di iniziare. Sei , sarai prigioniero dei partiti e delle faide interne che ti hanno sostenuto. I Siciliani non hanno capito che votare Crocetta ha significato il disastro totale. Siamo solo agli inizi figuratevi che succederà nei prossimi giorni. Dureranno da natale a S.Stefano.

    Mi piace il commento di Alex, è giusto che Lombardo venga isolato, anzi deve essere isolato da tutta la politica siciliana, altrimenti non cambierà mai nulla.

    Cascio resta Presidente???Questa si che è rivoluzione caro Crocetta..citando il gattopardo hanno cambiato tutto per non cambiare niente!Ma poi quanti ancora non si sono resi conto degli sfracelli che ha fatto all’Ars Cascio?ci sono due segretari generali (neanche a Roma); indennità del capo di gabinetto lievitata; concorsi interni in sfregio alla legge; conti pignorati per miopia amministrativa (prima volta nella storia) e indagini tributarie in corso sui fondi riservati della Presidenza!Dovrebbero cacciarlo ed invece lo confermano..meno male che ci sono i Grillini che vigileranno per fermare questo ennesimo inciucio!

    Fantapolitica!!!!!
    C’è una sola opzione realisticamente praticabile: un accordo di governo stabile coll’appoggio esterno di MPA.
    Del resto Miccichè e PDL sono inaffidabili e sgraditissimi ai sostenitori di Crocetta.
    I grillini inutili a sè e agli altri.

    Se fosse stato eletto Cascio avrebbe già occupato tutte le poltrone fino agli sgabelli dell’ARS. La formazione culturale di Crocetta è un’altra: riconosce la fondamentale importanza dell’opposizione alla quale spetta il compito di controllare, studiare e verificare che ogni singolo provvedimento del governo corrisponda solo ed esclusivamente all’interesse della comunità siciliana. Ad onor del vero va detto che anche il movimento 5 Stelle è intransigente sul bisogno di assoluta trasparenza. Inoltre va sempre ricordato che i partiti si trovano completamente spiazzati e se vogliono riprendere il loro ruolo di tramite possono così recuperare la fiducia persa. Quindi la parte dell’opposizione è insostituibile perché mette la parola fine alla rissa e tiene lontani dal procedere a colpi di maggioranza, ma siamo sicuri che il nome di Cascio o di Cracolici siano la proposta giusta? Chi vuole sinceramente svelenire il clima di Palazzo dei Normanni deve pur dare un segnale di concreto affidamento e sicurezza che fino ad oggi è mancato. Crocetta non ha preclusioni, la sua storia lo prova, ma alla leale apertura si abbina una netta intransigenza verso il gattopardismo.

    Prima di riflettere sui possibili scenari futuri, vorrei fare il punto della situazione.

    Abbiamo un sindaco “antimafia doc” che, eletto con il 29% degli aventi diritto al voto, va ancora in tv a sbandierare un successo che non ha più avuto, non tenendo conto del forte assenteismo che contraddistinse la sua “vittoria”.

    Abbiamo un presidente della Regione “antimafia doc”, ma politicamente contrapposto al sindaco, che sostiene, bontà sua, che avrà una maggioranza bulgara.

    Sappiamo con certezza che la mafia non ha votato. Almeno così ci hanno assicurato insigni commentatori, quelli che se ne intendono e che frequentano i salotti buoni del piccolo schermo. E d’altra parte, se sono stati eletti due signori “antimafia doc”, mi pare che sia una tautologia.

    Rassicurata da questa analisi, con animo fiducioso mi accingo ad osservare i primi passi del nuovo Governatore. E mi viene, però, in mente Anna Finocchiaro, suo marito, Giarre… Pensiero fastidioso…

    Ora andrà meglio, sono sicura. Lombardo non c’è più. Sì, lo so, c’è l’UDC, ci sono sempre Cracolici e Lumia, quest’ultimo deputato “antimafia doc” ma di altro tipo, però spero che Crocetta riesca a dare un esempio di buon governo. Sono ottimista? Forse illusa? Non so ma, osservando meglio mi pare che tutti abbiano lo stesso colorito. Sì, è il metallo delle loro facce: il bronzo.

    Dall’ editoriale di “Live Sicilia” offerto al commento si legge :
    “Le decisioni definitive non si prenderanno a Palermo, ma a Roma. Perché l’eventuale intesa con Grande Sud e Partito dei siciliani si inquadrerebbe in un accordo romano, che sarebbe già stato chiuso prima delle elezioni da Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini. L’accordo prevede il transito in blocco della coalizione guidata da Miccichè alle Regionali nella Lista per l’Italia di sapore “MONTIANO” a cui lavora il leader dell’Udc. È questo il contesto più ampio nel quale inquadrare la vicenda siciliana.”

    Se questo è vero, se l’ accordo CROCETTA-LUMIA-CRACOLICI-LOMBARDO-DINA è anche l’ “antipasto” di una SVENDITA di una Sicilia disperata senza PRODUZIONE e senza LAVORO al profetto di Casini che vuole consegnare l’ Italia ( e la Sicilia ) a MONTI per ALTRI 5 anni, allora queste Elezioni Regionali sono state una gigantesca TRUFFA perpetrata sulla buona fede dei Siciliani !

    Altro che RIVOLUZIONE !
    Altro che AUTONOMISMO !

    La RICONSEGNA dell’ Italia al Governo MONTI metterebbe la Sicilia DEFINITIVAMENTE in ginocchio determinando la per forza di cosa un’ ondata MIGRATORIA verso l’ estero di decine e decine di migliaia di giovani DISOCCUPATI e fallimenti a ripetizione per imprenditori e commercianti !
    Infatti il GOVERNO MONTI si è rivelato una JATTURA per gli Italiani che PRODUCONO e LAVORANO ma anche per pensionati e disoccupati ( salvo che per le Banche e gli Speculatori )
    Monti NON ha fatto quadrare proprio un bel NULLA
    Anzi sta peggiorando le cose spingendo gli Italiani a contrarre nuovo debito pubblica ( vedi l’ OSCENO invito delle TV di stato ad acquistare BTP )

    Monti ha solo STROZZATO il popolo e ha aumentato la DISOCCUPAZIONE e ha FRENATO la PRODUZIONE
    Monti è solo il GARANTE degli interessi della Speculazione Finanziaria ( infatti ha ADDIRITTURA esentato dal pagamento dell’ IMU le Banche ! ) ed è al servizio della ricca OLIGARCHIA PARASSITA

    Infatto, mentre STROZZAVA i pensionati NON ha trovato il coraggio d’ istituire la TASSA PATRIMONIALE sulle ricchezze da SCANDALO, non ha posto un tetto agli IMMORALI Stipendi e Pensioni d’ ORO

    E neppure ha avuto il coraggio di aumentare l’ IVA sui beni di LUSSO ( cosa che avrebbe permesso di far pagare le tasse ANCHE a mafiosi, delinquenti, magnaccia e speculatori ) recuperando un gettito fiscale INGENTISSIMO !

    Ecocco cos’ è Monti : una NULLITA’ come economista !

    Per cui, se CROCETTA = MONTIè meglio tornare a Votare DOMANI !

    quanti commenti troppo scomposti, diamo tempo e fiducia e badiamo comunque alla sostanza!

    Finiamola con l’ostracismo nei confronti del Partito dei Siciliani. Lombardo e’fuori dai giochi. Oggi si apre un nuovo corso politico per la Sicilia ed i suoi rappresentanti. Niente inciuci ma una sana opposizione costruttiva, al fianco dei Grillini con un vero e proprio attacco ai privilegi dei Politici e dei Dirigenti. Il PdS e’ pronto. Sentite le dichiarazioni di D’Agostino e Picciolo , il nuovo corso del Partito. Altro che inciuci….vedrete, vedrete!

    per Elina 10:21

    Magari fosse come dici tu !
    Potrebbe anche essere la resurrezione dell’ ormai affossato disegno meridionalistico dell’ ex MPA

    Vuol dire che proverò a sperarci, anche se ci credo proprio POCO che l’ MPA vada all’ opposizione con il M5S………………….

    @Elina… si, credici, credici!

    Il problema è che a Crocetta servono i voti per governare e che le decisioni importanti non si prendono con un governo di minoranza!

    Ho sentito Crocetta a “Ballarò e portando a conclusione le suo parole, non dovrebbe chiedere l’appoggio a Lombardo, suo predecessore … vedremo!

    il partito del non voto vuole abbattere il mostro con una pistola ad acqua! quando si renderà conto che c’é un bazooka a disposizione (leggasi m5s)?????

    Crocè dai una mano ai siciliani ad emergere….passa alla storia

    Siamo nella fase delle schermaglie e le dichiarazioni contano fino ad un certo punto. Ma intanto alcune cose sono già certe:
    1. il governo deve avere una larga maggioranza. Ricordiamoci che questo sarà il primo governo che dovrà tagliare con la mannaia, perchè ormai la situazione della regione è vicina alla bancarotta. Un governo di minoranza sarebbe solo un disperato ripiego.
    2. l’assessorato sanità, cioè il maggior centro di spesa regionale è blindato con Lucia Borsellino. Chiunque parteciperà al governo sà già che la mangiatoia è finita, anche perchè la spending rewue non dà scampo.
    3. le elezioni nazionali saranno forse l’anno prossimo, mentre il problema siculo è attuale. Quindi è esclusa ogni interferenza romana ipotizzata dall’articolo.
    4. Crocetta dispone di 38 seggi + il suo. Gliene mancano 7 almeno.
    5. Le uniche forze che possono colmare il divario numerico sono MPA (10), PDL (12) e grillini (15).
    A questo punto, la mia opinione è che non ci siano concrete alternative ad un governo con l’appoggio esterno dell’MPA. Infatti non vedo proprio un accordo col PDL (non gradito da PD e UDC) o coi grillini (sia perchè inaffidabili, sia perchè si sono tirati indietro).
    Non vi piace? Nemmeno a me. Ma non possiamo andare in bancarotta e quindi ingolleremo il rospo.

    @ Deprimiti: la soluzione c’e ma tu non la vedi perché ragioni con le categorie della conservazione dello status quo.
    L’alternativac’e’ ed e’ il cambiamento rivoluzionario (pacifico, speriamo) del sistema. La prima spallata e’ stata assestata, la seconda, ben piu forte, si avrà con le elezioni politiche a marzo (e gli italiani sanno ribellarsi meglio dei siciliani), infine il governo Crocetta avrà vita breve, rimarrà prigioniero delle sue contraddizioni e dei numerosi inciuci che dovrà fare per sopravvivere, si ritornerà alle urne in 6-12 mesi e a quel punto dovrebbe esserci la spallata definitiva al blocco di potere delle vecchie forze politiche dal Pd al Pdl, attraverso Udc, Mpa, ecc. A meno che Crocetta non riesca a rompere tutti gli schemi, ottenere l’appoggio dei grillini e di alcune parti del Pd, ma mi sembra uno scenario troppo fantapolitico!

    ..sarebbe gravissimo governare con chi ha portato la Sicilia all’imbarbarimento. Crocetta pensaci!
    SVEGLIAMOCI E’ TEMPO!!!!

    DEPRIMITI 12:03

    Ma neanche per idea !
    E perchè mai si dovrebbe dare l’ Assessorato alla Sanità alla Lucia Birsellino ?
    Con un’ aggravio di Spesa Pubblica di oltre UN MILIONE di Euro ?

    Vi sono Deputati eletti dal popolo per questo
    Se davvero Crocetta vuole allontanare il MALAFFARE dalla Sanità e vuole dialogare con il M5S dia quell’ Assessorato ad uno del M5S chè questi ragazzi certamente non sono meno preparati della Lucia Borsellino che, in fondo, è una semplice laureata in FARMACIA !

    @deprimiti
    sono d’accordo con te sulla situazione che descrivi nei 5 punti.
    spero però che la cosa si sviluppi in maniera differente da come prevedi.
    premesso che ho votato Crocetta pres. e simbolo m5s, spero che i grillini ci ripensino e facciano un accordo di governo con Crocetta. sarebbe un cambiamento epocale contrasssegnato da una giunta di rottura e di rigore. E rigore ne occorre tanto.
    devo ammettere che mi lascia un pò perplesso questa posizione di chiusura di m5s, anche perchè mi piacerebbe, in linea di principio, che si consultasse la base.
    Staremo a vedere…..

    i siciliani hanno dimostrato che vogliono cambiare ora il presidente crocetta deve fare il resto speriamo bene

    per alexx 13:28

    Se Crocetta non è un parolaio ma vuole veramente cambiare le cose allora faccia una Giunta alleandosi SOLAMENTE con M5S dando loro Assesorati come la Sanità ( che è già un covo di RACCOMANDATI e dove sono previsti lavori EDILIZI per MILIARDI che fanno gola a MASSONI e MAFIOSI ) e dia loro oltre che qualche altro Assessorato nonchè la Presidenza dell’ ARS
    In nessun caso la Sanità deve andare alla Lucia Borsellino perchè costei rappresenta Massimo Russo

    Vediamo se CROCETTA se “la fida” ovvero se è solo un “pupo” nelle mani di Lumia, Cracolici, Dina, Miccichè e compagnia cantante !

    In fondo dovete capire che M5S è il PRIMO Partito della Sicilia !

    Cucu’ !!!
    Buongiorno patriottici, lagnosi, ignoranti, pettegoli, presuntuosi salvatori della patria.
    Avete consegnato la Sicilia a Crocetta e Grillo.
    Che dio ci protegga.
    Siete un popolo di “capre”.
    E questi ci portano dritti alla rovina.
    La colpa e’ vostra che li avete sostenuti!
    Adesso state ZITTI.
    Capre.

    per Urca 13:55

    “Avete consegnato la Sicilia a Crocetta e Grillo”

    Magari !
    Magari avessimo consegnato la Sicilia SOLAMENTE a Crocetta e Grillo !

    Il fatto è che temo che DIETRO a Crocetta vi siano, oltre che i “camerieri di Monti, anche il peggio del peggio dell’ “affarismo” massonico-mafioso dell’ isola

    Forse quello stesso AFFARISMO al quale la Sicilia TU l’ avresti voluta vedere consegnata !

    per urca
    in effetti possiamo dire che fino ad oggi la sicilia è stata riposta in buone mani. ma fammi il piacere almeno si fa un tentativo per cambiare si prova, che si doveva fare si doveva lasciare tutto invariato? ma ti sei accorto come questo governo ha messo in ginocchio l’isola?

    Ma sogno o son desto ?

    Cancelleri RIFIUTA la Presidenza dell’ ARS per il M5S ?
    Ma è impazzito ?

    Come si fa a rifiutare di prendere la PRESIDENZA dell’ ARS che, com’ è noto è ASSAI più un posto di CONTROLLO che di POTERE ?

    E solo impreparazione quella di Cancelleri ?

    O sotto c’ è qualcosa di molto più grave e “inconfessabile ?


    L’analisi è interessante. Ma credo che l’opzione privilegiata è l’intesa con
    i lombardiani, derivante dal patto di ferro che ha originato la nuova governance

    @ ZOSIMO
    Mi pare che vedi le cose più per come speri che per come stanno. Renditi conto che c’è una bella differenza! Io parlavo dello scenario prossimo venturo in Sicilia. Cosa accadrà tra un anno non lo sa nessuno. Dubito però che i grillini possano conquistare il 50,1% dei consensi nazionali, come tu affermi con fideistica certezza. Staremo a vedere.

    @ ALEXX
    E’ un fatto che i grillini si sono tirati indietro (spiace anche a me) e non da ora. Ricordati la battuta, abbastanza infantile, di Cancellieri sulla stretta di mano a Crocetta. Ora saranno all’opposizione e magari la stringerà a Miccichè!
    Ti chiedi chi ha deciso la linea di M5S siciliano? Lo sappiamo tutti: Grillo da Genova, per motivi che nulla hanno a che fare colla realtà siciliana . Anche per questo penso che i grillini siciliani sono inaffidabili, in quanto soggettivamente ed oggettivamente inidonei ad un utile confronto politico.

    @ ALEXX
    e ti chiedi chi ha deciso la linea del movimento in Sicilia? Ma sei davvero così ingenuo?
    Il COMICO Beppe Brillo! Ma l’hai letto la notizia di oggi che il guru-istrione ha rimproverato una certa Salsi, attivista grillina bolognese, per essersi presentata in TV a “Ballarò” ad esprimere le sue opinioni? Una gran “cazziata” anche offensiva in termini personali. E’ questa la “rivoluzione democratica”: gli slogan si urlano a comando e….Vaffa.
    Illusi-grillini, prendetene atto: il primo che vi considera bambini decerebrati è proprio il vostro amato profeta.
    AHAHAHAH

    Tutta colpa dell’assioma a senso unico del “non poteva non sapere”. Che oramai, appunto per legge, vale soltanto nei confronti di Berlusconi e dei suoi amici. E’ così e bisogna rassegnarsi. Certo non è facile abbassare i pantaloni e tenersi a disposizione del Rutelli di turno, con toga o senza toga. Ma, dato che le cose stanno così e fino a quando non sarà varata una riforma che taglia le unghie adunche a senso unico della Magistratura, conviene rinunciare perfino a difendersi, per non aiutare involontariamente il predatore democratico. Già perché, per quanto è lungo e largo lo Stivale, impunità è l’unico sinonimo di democratico. A sinistra, i leaders e i mezzi leaders non rubano mai, semmai sono i loro collaboratori disonesti a sgraffignare a loro insaputa, avendo loro, i sinistri leaders e i mezzi leaders, per costituzione, il dovere e l’obbligo di non sapere. Per gli altri, per tutti gli altri, dall’ultima ruota del carro al leader massimo, per il solo fatto di esercitare la politica sull’opposta sfonda, invece è obbligatorio il “sapere”. Ineluttabilmente obbligatorio. Oggettivamente obbligatorio. Ma se si è arrivati a questo punto di degenerazione della Legge, se i democratici sono diventati antropologicamente diversi da tutti gli altri politici, la colpa è soltanto della Magistratura tutta, che ha cassato ai figli del fu Pci il peccato originario. E gli angeli, lo sanno anche i bambini, sono spiriti puri. Certo, c’è anche un sottocapitolo che parla del fatto che anche Lucifero era un angelo, ma questa è tutta un’altra storia che ai magistrati a scuola non l’hanno insegnato. Ne loro mai si sono preoccupati di colmare la lacuna, non essendo materia di studio per il concorso in magistratura.

    Cimino e’ una persona preparata competente trasparente. A me da palermitano piacerebbe come Presidente dell’Assemblea, ha una squadra di giovani eccezionale

    Per l’arcangelo
    Ma chiffari unnà…. per favore smettila e datti all’agricoltura, anzi no, fai una cosa, fatti nominare tu Assessore così, sono sicuro, salverai la Sicilia. Sei soltonto un qualunquista.

    per michele 17:01:35

    Ma chi sei : un altro cameriere di Monti ?

    E poi, con ammucchiate di questo genere, si chiedono perchè Grillo va avanti !

    ..se fosse vero Corcetta ricevera’ cio’ che meriterebbe a quel punto : a casa a far l’operaio.
    Non voglio crederci.
    Sono solo illazioni

    @ MOVIMENTO 5 FELLE – Grillo ha fatto benissimo a criticare la partecipazione ai talk show. Non sono il solo a dirlo leggi l’articolo di Massimo Gramellini di oggi su La Stampa
    Poi se fosse stato il solito “barone” di partito non avrebbe criticato pubblicamente ma avrebbe massacrato in privato la Salsi.

    Poi non comprendo il tuo livore nei confronti dei milioni di italiani che appoggiano il M5S ancora non hanno fatto alcun danno, praticano la democrazia diretta e rispettano le leggi. Può essere che sei uno di quelli che sono stati mandati a casa?

    Siccome la stampa è fatta da giornalisti ed i giornalisti sono uomini e gli uomini dovrebbero operare per il bene comune, particolarmente in una situazione di rischio fallimento per la Sicilia, invito i giornalisti di Livesicilia (ed in particolare il deluso Toscano) a cessare per un pò di essere SCHIERATI (tutta la casta dei giornalisti è percepita come tale, se non come metaforicamente frequentatrice del foro italico panormita e del passiatore etneo) ma ad essere UOMINI e SICILIANI quindi finendo di dare dignità ai perdenti quando denigrano il vincente per partito preso.

    Loro siano opposizione, ma non menagrami. Viene prima la Sicilia rispetto a Musumeci o Micciché.

    Credo che da siciliani dobbiamo augurare che Crocetta governi senza i perdenti di queste elezioni, quelli che hanno portato la Sicilia al fallimento, cioè Micciché (che per il 61 – 0 dovrebbe essere additato come nemico del popolo ma invece ancora esiste ed ha pochi proseliti ma li ha) e Musumeci (mr. sotovuoto spinto).

    Spero che da siciliani onesti i cd. grillini appoggino Crocetta, che è una persona per bene, e marginalizzino la gentaglia che istituzionalmente lo appoggia, (dall’UDC a Cracolici), rendendo infimo il ruolo dell’UDC, partito dal quale ci si può aspettare solo il peggio, visti i presidenti della regione che ha espresso.

    Toscano prevede combricole con i fidi Micciché o Lombardo, sarebbe bello deluderlo con l’aiuto dei grillini o grilletti. Micciché e Lombardo hanno divorato la Sicilia, meritano solo ll’oblio o la galera e comunque non un ruolo di governo.

    Ma Toscano, da giornalista giovane all’anagrafe, ma vecchio dentro, palpita per loro.

    Grillini, dimostrate di avere una personalità e di non essere la “negghia” che sembrate essere. Anche per fottere Toscano. Ci resterà male, ma pazienza, viene prima la Sicilia.

    E da siciliano di Cascio e del suo ghigno ne ho abbastanza. Che vada a lavorare, cosa che non ha mai fatto finora.

    Così come ne ho abbastanza di certi giornalisti marchettari e privi di spunto.

    Ovvio infine che domani mattina non leggerò questo commento. Troppo diretto. Ma l’ho salvato 🙂

    @Deprimiti: prima di tutto non sono ne’ un elettore ne’ un militante di M5S ma ne riconosco il potenziale rivoluzionario. Io sono di estrema sinistra, tanto per capirci, e la mia non e’ solo una speranza ma la constatazione dei processi che sono in atto e che travalicano l’orizzonte siciliano e italiano. Il vostro orizzonte e’ invece legato al passato e non riuscite a comprendere che il vecchio sistema di potere e’ ormai instabile, dopo le picconate che il vero potere mondiale, cioè la grande finanza, sta assestando ai vecchi stati nazionali e all’Unione Europea. La vecchia classe politica e’ incapace di dare le risposte adeguate a questa nuova situazione e quindi ha perso credibilità sia rispetto a questi “padroni dell’universo” sia ai cittadini che dovrebbe rappresentare. Ma il vero dramma e’ che questi politici e la loro cerchia, non sanno vedere tutto questo, non ne sono capaci, sono convinti che questo sistema si perpetuerà in eterno. Ma noi, come cittadini piu consapevoli, non possiamo certo andargli dietro, anzi dobbiamo essere parte di un processo rivoluzionario che si liberi delle vecchie caste, ricostruisca una partecipazione democratica reale e dal basso e si prepari ad affrontare lo scontro con i disegni della grande finanza planetaria. Questo sarà lo scenario futuro (e non lontano) chi non lo da vedere oggi non sara poi preparato domani per affrontarlo e lo subirà.

    purtroppo la presenza di cracolici e lumia, indica solo una strada la presenza in maggioranza del gruppo di miccichè e lombardo, praticamente coloro che hanno finito di distruggere la sicilia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.