Esenzione ticket, Asp: |"A giugno tesserini a casa" - Live Sicilia

Esenzione ticket, Asp: |”A giugno tesserini a casa”

Sui disagi registrati per le file inerenti per l'esenzione del ticket, l'azienda sanitaria provinciale di Catania invia una nota: "Entro il 30 giugno - scrivono, - tessere a domicilio o tramite il medico curante". Allo sportello dovranno presentarsi solo gli utenti disoccupati.

 

 

LA NOTA UFFICIALE
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – Esenzione ticket, un’ulteriore rassicurazione per tutti quegli utenti iscritti al portale Sogei – a Catania circa 180mila – arriva dall’Asp etnea: «Per andare ulteriormente incontro alle esigenze dei cittadini – sottolinea il Commissario Straordinario Gaetano Sirna – entro il 30 giugno 2013 l’Azienda sanitaria di Catania invierà i tesserini direttamente a casa o li consegnerà attraverso i medici di medicina generale».

Come comunicato in precedenza, infatti, agli sportelli dovranno presentarsi soltanto gli utenti in stato di disoccupazione – una piccola percentuale rispetto al bacino d’utenza a cui si riferisce la nuova normativa – e non tutti coloro che già beneficiano dell’esenzione e la cui posizione è registrata presso il sistema della società di Information and Communication Technology del Ministero dell’Economia e delle Finanze. «Per evitare eventuali code o disagi, comunque, abbiamo già programmato questo servizio, che richiederà di certo un ulteriore sforzo logistico – continua Sirna – in considerazione del fatto che, a seguito dell’entrata in vigore dei nuovi ticket sanitari, l’utente potrebbe trovarsi disorientato e non conoscere le procedure».

La precisazione arriva a seguito di un comunicato stampa del Codacons, in riferimento ad alcune code createsi negli sportelli di Catania e Palermo: «Lo ribadiamo, le nuove procedure prevedono che il medico prescrittore riporti, su richiesta dell’utente, il codice di esenzione sulla ricetta, prelevandolo dall’elenco degli esenti – continua Sirna – nonostante questo anche chi era già iscritto nel portale Sogei si è recato agli sportelli per chiedere il rinnovo, ma ha ricevuto rassicurazioni sulla consegna della tessera nei tempi stabiliti dalla legge. Con questa nuova comunicazione, su indicazione dell’assessore regionale, vogliamo ulteriormente snellire questa delicata fase transitoria, con l’obiettivo di portare a regime le nuove disposizioni».

Tessere a domicilio o tramite il curante, dunque, per tutti coloro che hanno già una posizione reddituale definita. Un servizio ancora più ampio, senza oneri a carico dei cittadini.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Risparmiare sempre sulla pelle del cittadino,prima si sbranano l’ente poi cercano il risparmio,i tesserini li dovevano rilasciare i patronati,solo cosi si rispettavano i cittadini.

    …allo sportello dovranno farne richiesta solo gli utenti disoccupati.. DISOCCUPATI..? bravi grande iniziativa per snellire le file agli sportelli, ma vi rendete conto che i richiedenti e proprio lo stragrande numero sono proprio i disoccupati ? ecco perchè oggi qualcosa non mi tornava… dopo essere arrivato in via pasubio chiedo informazioni allo sportello delle informazioni ( facendomi spazio tra centinaia di utenti che razzolavano in attesa nei vasto salone e fin quasi all’uscita dove si trova l’uff. di informazioni, e alla mia richiesta di come procedere per attivare il mio rinnovo ticket mi viene detto che i numeri elimina coda sono finiti ma che comunque da lunedi sarebbero arrivate a casa o richieste al proprio medico le relative esenzioni e tutto on line.. vado via quasi contento e dispiaciuto per l’ignoranza generale… tutta quella gente che non ha voluto attendere che nei giorni prossimi la cosa si sarebbe così risolta… comunque non mi resta che collegarmi per capire i dettagli ed ecco la sorpresa allo sportello sono andati la stramaggioranza di utenti che sono i soliti o semmai crescenti disoccupati, ecco che ora i conti mi tornano io resto il solito cittadino ligio con un po di cultura ma disoccupato e il solito ignorante di turno ma che occupa una scrivania dirigenziale si inventa uno sterile quanto inutile sistema per snellire le code che si formavano prima e che continuano a formarsi a tuttoggi a lui dico denunciami… incapace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *