Ferrarotto verso la chiusura |Incerte le cure ai disabili - Live Sicilia

Ferrarotto verso la chiusura |Incerte le cure ai disabili

Preoccupazioni per l'Odontoiatria speciale. L'appello del dottor Giuseppe Riccardo Spampinato.

Cura disabili
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – Dicono che sia “il primo al mondo per numero d’interventi”. L’Azienda è “Policlinico – Vittorio Emanuele”, l’ospedale è il Ferrarotto: si tratta del reparto di Odontoiatria speciale riabilitativa nel paziente disabile. In altre parole, di dentisti pronti alla cura degli utenti affetti da patologie gravissimi e disabili (psichici, psichiatrici, Hiv, oncologici, etc.) e quindi di difficile gestione. Persone che difficilmente possono essere ospedalizzate e che spesso sono accompagnate in sala operatoria dai parenti più stretti per tenerli calmi. Andando di pallottoliere, l’unità diretta da Giuseppe Riccardo Spampinato, macina 170 interventi al mese, circa 1800 nel solo 2017 e più di 18 mila da quando è stato inaugurato il plesso. “L’unico reparto attrezzato per questo tipo di utenti, una punta avanzata di civiltà che pone la sanità vicino al paziente…”, riferisce con una certa malinconia Spampinato. Sì, perché il futuro dell’unità è incerto. L’intero blocco dovrebbe essere trasferito all’interno dell’ospedale di Acireale, dove una volta c’era il ricovero delle suore. L’atto deliberativo per i lavori di ristrutturazione deve ancora essere firmato, dopodiché dovrà partire il cantiere e nel mezzo può succedere di tutto.

Intanto, però, il complesso del Ferrarotto va verso il travaso in zona Policlinico e la chiusura definitiva. L’intero reparto di ematologia è già stato trasferito, quello di cardiologia è pronto a farlo. Uno scenario desolante che fa il paio con una vicenda finora fin troppo accidentata. Doveva essere infatti l’ospedale San Marco l’approdo definitivo per l’Odontoiatria speciale, era tutto già programmato. Per disegnare il progetto del reparto ci avevano messo tre mesi, alla fine però tutto tempo perso. “Di fatto i locali non esistevano”. Poi è arrivato il riordino della rete ospedaliera regionale, nello schema del marzo scorso l’unità scompare. “Mi hanno detto che si è trattato di un refuso”, dice Riccardo Spampinato. Perché? “Non costiamo nulla, ecco il problema. Costiamo circa 467 mila euro l’anno, appena l’0,5% del bilancio aziendale”. Sta dunque qui il paradosso che consegna all’incertezza di reparto molto speciale.

L’appello del direttore del direttore è quello quindi che le sorti di un presidio di siffatta umanità sia salvaguardato e che i tempi della nuova allocazione non siano dilatati fino all’esasperazione soprattutto dei pazienti. Ma anche che la fase attuale di transizione non sia lasciata all’improvvisazione o all’isolamento. Perché tra la chiusura del Ferrarotto e l’apertura ad Acireale, il rischio paventato è una lunga marcia nel deserto a fronte di un’utenza possibile stimata a circa il 6% della popolazione complessiva. “Chiediamo sensibilità e attenzione. Pensi – ci dice ancora Spampinato – che un giorno ci siamo ritrovati senza aghi per l’anestesia locale nella farmacia ospedaliera. Con cuore qualcuno li ha comprati. E per questo ho rischiato anche la denuncia, perché non potrei accettare l’ingresso di materiale esterno. Ma non potrei fare altrimenti, non posso rispedire a casa i pazienti per un disguido simile”. Perché tutto ciò? “Perché in questa fase di disimpegno, è la burocrazia che sta venendo meno”.

“Siamo assolutamente vicini al dottor Spampianto e ai suoi pazienti, e prossimi a una risoluzione. Sia noi, che l’assessore Razza, ma anche la deputazione acese, tutti assai sensibili alla vicenda”, fa sapere a LiveSicilia Franco Luca, direttore sanitario dell’Asp di Catania. “Stiamo immaginando il percorso più adatto affinché il trasferimento del reparto possa avvenire nel modo migliore possibile e nel rispetto dell’utenza. Entro un anno ipotizziamo il completamento dei lavori e il trasferimento dell’unità al terzo piano dell’Ospedale di Acireale. Intanto stiamo ragionando a una fase bridge per il travaso dei servizi”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    e assurdo che un reparto come questo sia trasferito altrove visto che non ne un reparto comune ad altri perchè la gente che si presenta in questo reparto a molte difficoltà e non penso che sulla città di Catania non vi sia un plesso che possa opsitare questo reparto di odondoiatria disabile penso che amministrazione della città di Catania faccia qualcosa per queste persone se no trasferendo il reparto ad Acireale sara un altra beffa per le persone disabili.grazie

    ho letto l’articolo riguardante il reparto di odontoiatria speciale e mi sento impotente perche’ mia figlia,ragazza Down,lamenta mal di denti ed io non so cosa fare .QUELLO CHE MI LASCIA PERPLESSA E’ IL FATTO CHE IL REPARTO E’ PRODUTTIVO, FUNZIONA E ALLORA PERCHE’ C’E’ LA VOLONTA’ POLITICA E NON DI MUOVER SI SOLO ALL’ULTIMO MINUTO NON PENSANDO ASSOLUTAMENTE AGLI UTENTI ,CHE SI RIVOLGONO AL FERRAROTTO PERCHE’ IN UNO STUDIO DENTISTICO PRIVATO,NEMMENO CI POSSONO METTERE PIEDE,PERCHE’ NON ATTREZZATI COME MAMMA DI UNA RAGAZZA DOWN CHIEDO DI PENSARE A QUESTE PERSONE E DI ORGANIZZARSI QUANTO PRIMA PERCHE’ I NOSTRI FIGLI ABBIANO COME TUTTI IL DIRITTO DI CURARSI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *