Folle fuga nella notte di Palermo - Live Sicilia

Folle fuga nella notte di Palermo

Scene da film poliziesco nella notte palermitana. Due ragazzi di 17 anni sono stati protagonisti di un lungo inseguimento con i carabinieri. Sono sfugiti all'alt di un posto di blocco e hanno speronato più volte la gazzella dei carabinieri daneggiando via via diverse auto posteggiate
Protagonisti due 17enni
di
1 Commenti Condividi

Scene da film poliziesco nella notte palermitana. Due ragazzi di 17 anni sono stati protagonisti di un lungo inseguimento con i carabinieri. Sono sfugiti all’alt di un posto di blocco e hanno speronato più volte la gazzella dei carabinieri daneggiando via via diverse auto posteggiate.

Alle 2 e 30 di stanotte una pattuglia dei carabinieri inpegnata in un posto di controllo all’altezza di viale Campania. I due alla vista dei militari hanno premuto sull’accelleratore e forzato il posto di blocco sfuggendo alla paletta alzata del militare. I due minori in fuga, su un’auto risultata poi risultata rubata, sono stati raggiunti dalla pattuglia ed è scattato così un lungo inseguimento, durante il quale l’auto guidata dal giovane ha danneggiato alcune vetture parcheggiate. La corsa si è conclusa in via Resuttana dove l’ennesimo tentativo di speronare l’auto dei carabinieri ha fatto perdere il controllo della vettura al giovane. L’auto rubata è andata a schiantarsi contro due autovetture in sosta. Ma nonostante la botta, i due, usciti dal mezzo, se la sono data a gambe. Ma sono stati bloccati e denunciati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Andrebbero spaccati manganelli in testa altro che denuncia. Cioè dopo tutto sto casino che hanno combinato gli fanno solo una denuncia? quelli stasera saranno di nuovo a bordo di un’altra auto rubata…sanno di rimanere sempre impuniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *