Fuoriuscita di olio | Nessun pericolo immediato - Live Sicilia

Fuoriuscita di olio | Nessun pericolo immediato

Nella tarda mattinata dello scorso 2 novembre è stata registrata la perdita di una sostanza oleosa ancora da identificare intorno al relitto della Costa Concordia. A causare l'incidente sarebbero state quasi certamente le pessime condizioni del mare nei giorni a cavallo della festa di ognissanti. Lo sversamento in mare è durato poche ore ed è stato tenuto sotto controllo da Guardia Costiera e Protezione Civile. E' escluso il disastro ambientale.

COSTA CONCORDIA
di
0 Commenti Condividi

GROSSETO – Una vasta chiazza di una sostanza oleosa, non ancora identificata, è apparsa nella tarda mattina del 2 novembre scorso intorno alla fiancata sinistra della Costa Concordia. La perdita, causata  dalle pessime condizioni del mare nei giorni tra il 30 ottobre ed il primo di novembre, si è comunque arrestata a tarda notte. Per il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, la situazione sembrerebbe sotto controllo, ma ribadisce che serve trasparenza e non bisogna nascondere nulla.

A diffondere notizie altrettanto rassicuranti è stata anche Maria Sargentini, presidente dell’Osservatorio per la rimozione della Costa Concordia. Secondo il presidente Sargentini le verifiche fatte per capire l’origine dello sversamento sono ancora in corso ma i mezzi per il disinquinamento sono stati subito attivati per prelevare ed analizzare i campioni della sostanza oleosa.

Gli addetti ai lavori escludono categoricamente che si possa trattare di carburante poiché già pompato fuori dalla nave nel marzo scorso. Si ritiene invece che il liquido sconosciuto possa essere proprio olio proveniente dalla sala macchine o un lubrificante delle parti meccaniche.

La causa dello sversamento, secondo l’osservatorio, è la mareggiata dei giorni scorsi. A fronte di un evento caratterizzato da onde di oltre quattro metri non si registrano fenomeni di scivolamento, sebbene gli strumenti abbiano registrato una variazione di quasi tre gradi attribuibile però ad una deformazione dello scafo. La Protezione Civile ha confermato i dati sottolineando che la mareggiata ha dimostrato la solidità delle misure “antiscivolamento” adottate sul relitto.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *