Giambrone confermato al Massimo |Bonisoli firma il decreto di nomina - Live Sicilia

Giambrone confermato al Massimo |Bonisoli firma il decreto di nomina

Si chiude il braccio di ferro con il ministero dei Beni culturali

Palermo
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – Il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli ha firmato il decreto di nomina di Francesco Giambrone a sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo. Due giorni fa il Consiglio d’indirizzo della fondazione lirica aveva ribadito all’unanimità la scelta dell’uscente Giambrone, già designato lo scorso 1 agosto. Il ministro, lo scorso 13 agosto, in una lettera al sindaco di Palermo Leoluca Orlando, aveva invitato il Cdi a riconsiderare la designazione, considerando che Giambrone è fratello di Fabio, vicesindaco de Comune di Palermo, uno dei soci della Fondazione.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Tanti auguri di buon lavoro a Francesco Giambrone, un grande Sovrintendente che è stato giusto e doveroso confermare.

    Paradossale il fatto che Bonisoli non sapesse che Francesco Giambrone era già sovrintendente ancora prima che il fratello Fabio divenisse vice-sindaco…

    Si saranno accorti che oggi non è fratello del vicesindaco.

    Figuriamoci, questo è il Paese dove conta il”a chi appartieni”. Vergogna, il Teatro Massimo, uno degli Enti lirici più prestigiosi d’Europa, non può bandire un concorso per sovrintendente perchè è feudo del sindaco Orlando. Palermo non è una città normale.

    @ Sig. MARZIO BILLI : Non capisco queste fake news, dettate dal solito livore. Non è che il Massimo è feudo di questo sindaco, ogni sindaco durante il suo mandato è di diritto presidente della Fondazione Teatro Massimo e il consiglio sceglie il sovrintendente, non è previsto alcun concorso. Il prossimo sindaco sarà a sua volta presidente della Fondazione, il consiglio sarà rinnovato e così anche il sovrintendente. Così ha fatto Cammarata nei suoi 10 anni di mandato, esiste uno statuto, non c’è nessun mistero.

    Francesco e Fabio Giambrone non sono fratelli, anzi , non sono nemmeno parenti e non si conoscono nemmeno .
    Lo ha sentenziato solennemente il sindaco Orlando, dall’alto del suo potere eterno e assoluto e della sua indiscussa infallibilità.
    E visto che la parola del nostro sindaco è dogma il ministro Bonisori , per non essere accusato di eresia e di altre infamanti accuse, ha preso atto e ha immediatamente firmato.

    La nomina dei manager nella pubblica amministrazione è sempre politica, è così in tutta Italia. In questo modo è premiato il censo e l’appartenenza a scapito del merito e dell’impegno. A Palermo abbiamo un cardiologo al Massimo, un geriatra al Conservatorio, stavamo per avere un architetto al Politeama, e così via. Questo sistema, tranne rare eccezioni, produce risultati in linea con la qualità della nostra classe politica; la sanità e le cosiddette partecipate ne sono un fulgido esempio.

    Furbone, quando è stato nominato, Fabio NON era vicesindaco!

    Consiglio d’indirizzo totalments al maschile…….le donne servono solamente quando c’e da votare…….bravi Orlando, Musulmeci e Bonisoli….rappresentazione zero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.