Gli ordini professionali sul Prg: |"Adottarlo con urgenza" - Live Sicilia

Gli ordini professionali sul Prg: |”Adottarlo con urgenza”

Stamattina, gli Ordini degli Architetti, degli Ingegneri e l’Ance di Catania, hanno affrontato la questione Piano Regolatore Generale, prendendo una posizione netta sulla necessità di fare in fretta. ". Il volto urbanistico di Catania - spiegano - ha deficit ormai insopportabili che vanno compensati"

pianificazione urbanistica
di
7 Commenti Condividi

CATANIA – “No” alla strumentalizzazione politica del Piano regolatore generale. “No” a ulteriori rinvii della sua adozione che si ripetono da oltre vent’anni. La posizione degli Ordini degli Architetti, degli Ingegneri e dell’Ance di Catania è netta e decisa: sono indispensabili passi in avanti per il bene dell’intera città e di chi la abita, mantenendo alti i valori della rigenerazione urbana del patrimonio esistente e del consumo zero del territorio. Con lo scopo di fornire immediate soluzioni alle criticità, i rappresentanti delle tre categorie hanno presentato un documento di contributi e riflessioni tecniche alla nuova proposta di Prg attualmente al vaglio del Consiglio comunale e in attesa di approvazione. All’incontro è intervenuto il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli che ha colto positivamente l’invito degli Ordini e dell’Ance e la loro proposta di accelerare le procedure di adozione, di competenza del Consiglio.

«Se la Catania del calcio è oggi in grado di spiccare il volo verso l’Europa, lo stesso non si può dire della nostra città dal punto di vista urbanistico – ha dichiarato il presidente degli Ingegneri Carmelo Maria Grasso – Catania è inesorabilmente all’ultimo posto della “classifica” regionale dei comuni che hanno adottato il Prg. E se consideriamo che la Sicilia possiede la più vecchia legge urbanistica d’Italia, ciò significa che il capoluogo etneo è il fanalino di coda a livello nazionale. Sono dati che inchiodano le amministrazioni alle proprie responsabilità: bisogna dotare con urgenza la città di un adeguato strumento».

Gli obiettivi che accomunano i professionisti etnei «sono condivisi nell’interesse dell’intera collettività e non di singoli – ha continuato il presidente dell’Ance Nicola Colombrita – le contestazioni di natura populista sono frutto di schieramenti politici, non oggettive: opporsi al Prg per appartenenza ideologica equivale a mettere in mezzo a una causa di divorzio i figli innocenti, e dunque i cittadini catanesi. Il volto urbanistico di Catania ha deficit ormai insopportabili che vanno compensati con un’espansione necessaria degli spazi, ma quest’ultima sarà possibile solo dopo che l’esistente e il centro storico avranno riconquistato la dignità perduta, vincendo le sfide di una competizione internazionale sempre più difficile».

«Nel complesso delle sue elaborazioni, il nuovo Piano costituisce una valida proposta – ha aggiunto il presidente degli Architetti Luigi Longhitano – coerente con gli indirizzi e gli obiettivi che si propone, chiara nella disciplina degli strumenti attuativi dei processi di trasformazione. Ci riserviamo tuttavia, in quanto “addetti ai lavori”, di ribadire in maniera esclusivamente costruttiva delle perplessità su alcuni punti, poiché, come accaduto per il contributo offerto per la revisione del Regolamento Edilizio comunale, ci sentiamo parte attiva del corpo sociale della città. Auspichiamo una nuova architettura contemporanea per gli edifici, e migliori standard di vivibilità e percorribilità delle strade. La bellezza di Catania non appartiene solo al suo passato ma può svelarsi anche nel futuro».

Insieme a questa loro spinta anche l’appello del sindaco di Catania Raffaele Stancanelli – rivolto ai presidenti del Consiglio e della Commissione Urbanistica – di «farsi carico dell’onere e dell’onore di approvare in tempi brevi il nuovo Piano già studiato dagli esperti. Gli emendamenti proposti dai professionisti sono condivisibili, nonché un chiaro segnale di come l’Amministrazione abbia voluto improntare il dibattito su questo tema attraverso il dialogo con le forze della città».

Queste, in sintesi, le osservazioni dei due Ordini e dell’Ance Catania, redatta da una commissione paritetica composta da Angelo Buccheri (Architetti), Giuseppe Platania (Ingegneri) e Bruno Maccarrone (Ance).

Rigenerazione urbana. Si ritiene di importanza strategica correlare le possibilità edificatorie all’interno delle Aree Risorsa con gli interventi di recupero e rigenerazione della città esistente, trasferendo parte delle volumetrie esistenti e premiali generate dal Piano, dal centro urbano alle predette Aree. In tale modo sarà possibile recuperare spazi pubblici all’interno della città costruita con conseguente minor necessità di reperire nuovo suolo da destinare a servizi pubblici nelle più periferiche Aree Risorsa. Inoltre si propone di prevedere all’interno delle Norme Tecniche di Attuazione (Nta) la possibilità di operare per sub comparti, provvedendo alla redazione di nuove Schede norma in sede di Prescrizioni esecutive e riconoscendo le volumetrie premiali anche per i fabbricati abbandonati.

Verde agricolo produttivo in centro urbano. Si propone che tra le funzioni previste dal Piano all’interno delle Aree Risorsa trovino allocazione quelle destinate a ospitare serre e orti urbani (community garden), in armonia con gli orientamenti che vedono nella reintroduzione del verde agricolo produttivo una delle strade più interessanti per la sostenibilità ambientale della città contemporanea.

Aree Risorsa. Ferme restando le incongruenze delle risultanze della relazione “L’economia del piano” rispetto alle schede norma, si propone di ridurre sensibilmente i tempi del crono programma attuativo.

Centro storico. Si propone di individuare le aree non ricomprese nei piani di recupero, in cui è possibile effettuare interventi di ristrutturazione urbanistica. Inoltre, appurato che alcuni piani di recupero sono notevolmente estesi con proprietà estremamente frammentate, si propone in sede di Prescrizioni esecutive la redazione di Schede norma per consentire l’intervento per sub comparti.

Strategia intermedia. Si propone che, contestualmente all’adozione del Prg, venga approvata una delibera consiliare di interpretazione autentica dell’art. 10 delle vigenti Norme Tecniche di Attuazione, che consenta gli interventi di ristrutturazione edilizia in Centro Storico. Tale delibera renderebbe immediatamente applicabili le previsioni del nuovo Piano all’interno del centro storico, nel rispetto del requisito della doppia conformità richiesto dalla normativa vigente.

Nota di richiamo al Regolamento edilizio comunale. Si ritiene opportuno evidenziare che le Norme del nuovo Prg, richiamano un Regolamento che di fatto non è compreso tra gli elaborati trasmessi dall’Amministrazione al Consiglio per l’adozione del Piano. Si presume quindi che il nuovo Regolamento sarà quello già esaminato dalla Commissione consiliare urbanistica e opportunamente emendato.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Cittadini , se a oggi il prg non è ancora approvato è chiaro che c’è qualcosa di poco limpido…… ma non vi preoccupate a breve entrerà il m5s e come per il Parlamento faremo luce su tutto !!!!!!!

    Chissà perchè i catanesi architetti o ingegneri che siano, considerano Catania città di montagna tanto da potere non implicare il piano portuale con quello generale.
    Nel frattempo continuano le devastazioni sulla Plaia, che saranno giustificate ai loro figli con “non c’ero, non ricordo…allora si usava così…”.

    “Recentemente è stata approvata la Circolare Arta 15 Ottobre 2012, nella quale viene espressamente riportato che gli studi di microzonazione sismica finanziati nell’ambito del Piano nazionale per gli interventi di prevenzione del rischio sismico, dovranno essere recepiti negli strumenti urbanistici vigenti così come disposto dall’Art. 5, comma 3, delle Opcm, rispettivamente, 3907/2010 e 4007/2012. Delle risultanze di tali studi dovranno altresì tener conto sia gli strumenti urbanistici in fase di redazione, sia quelli che saranno redatti successivamente all’avvenuta trasmissione ai comuni interessati dagli studi medesimi. Auspico dunque che nello studio geologico del Prg di Catania siano recepite le nuove norme emanate in relazione ai rischi sismico e idrogeologico.
    Carlo Cassaniti, geologo

    Scusate ma l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali perché non è stato invitato ??? Visto che si è parlato di verde agricolo è sostenibilità dell’ambiente ? A quale titolo ne hanno parlato i rappresentati degli ordini degli ingegneri e degli architetti ?

    Al concittadino Cassaniti ed al suo corretto intervento: basti pensare al commissario portuale che prevede sulle banchine 554.000. mc. di edifici multipiano di uso portuale improprio che impediranno le vie di soccorso e di raccolta per la popolazione in caso di evento sismico.

    Non poteva che ssere così. Parere favorevole al PRG da parte di ordini e costruttori. Tutti all’arrenbaggio….più cemento per tutti!!!! Povero lungomare, povera piazza Europa. Confcommercio resisti, lotta, non permettere questo scempio. Vi tireranno le pietre addosso, ve ne diranno di tutti i colori. La posta in gioco è alta. Ma resistiate. Voi di Confommercio, voi del viale Rapisardi, gli unici a scoperchiare la pendola. La vostra lotta è giusta. Non fate deturpare piazza Europa ed il lungomare. Siamo con voi, la città è con voi.

    Fatemi capire, quindi ingegneri e architetti sono favorevoli al fatto che, ad esempio, nelle aree del vecchio ospedale Garibaldi, dello stadio Cibali, a Ognina e altrove ci siano spazi liberi si possa cementificare? Ahhh certo, tanto questi tizi vivono nelle belle ville di San Gregorio o in qualche casa barocca del centro storico..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *