Idv, terremoto in Sicilia| Di Pietro caccia i ribelli - Live Sicilia

Idv, terremoto in Sicilia| Di Pietro caccia i ribelli

Di Pietro commissaria l'Idv in Sicilia e di fatto esautora Fabio Giambrone, braccio destro del sindaco di Palermo Leoluca Orlando che guida la fronda interna dei dissidenti. Pioggia di dimissioni nel partito. Lascia anche il segretario provinciale Pippo Russo.

RAFFICA DI DIMISSIONI
di
34 Commenti Condividi

PALERMO – Antonio Di Pietro commissaria l’Idv siciliana ed esautora così il segretario isolano Fabio Giambrone, già senatore e braccio destro del sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Una decisione arrivata in mattinata e che fa seguito alla deliberazione dell’esecutivo nazionale che prevedeva l’espulsione e il commissariamento per la fronda interna dei dissidenti guidata proprio da Orlando. A subire il commissariamento, oltre alla Sicilia, anche Lazio, Basilicata e Calabria, ovvero quelle regioni che non hanno accettato la decisione di convocare il congresso a giugno chiedendo, invece, l’indizione di primarie aperte e la nascita di un nuovo soggetto politico di stampo liberale e democratico.

“Abbiamo tenuto un congresso regionale nel 2010 – dice Giambrone a Livesicilia – che valeva per tre anni e che mi ha scelto con il 91 per cento dei consensi. Di Pietro ha ritenuto di dover commissariare chi ha manifestato un dissenso rispetto a come far ripartire il partito. Noi abbiamo detto no a vecchie liturgie come quelle dei congressi e dei tesseramenti, perché nel frattempo il mondo è cambiato. Dobbiamo pensare semmai a come aprire il partito, puntare in alto con le primarie. Io resterò nell’Idv con la mia battaglia di coerenza, insieme a tanti altri dirigenti locali”. “Ciò che il bruco chiama la fine del mondo – ha detto invece Orlando – il mondo lo chiama farfalla”.

La notizia, però, starebbe già scatenando le prime conseguenze: si sarebbero dimessi, infatti, il segretario provinciale di Palermo Pippo Russo, quello di Trapani Enzo D’Alberti e il commissario catanese Gino Porrovecchio. L’esecutivo ha nominato come commissario proprio Di Pietro, mentre sul territorio i referenti rimarranno i vicesegretari regionali Salvatore Messana, ex sindaco di Caltanissetta, e Giovanni Iacono, segretario provinciale di Ragusa e candidato sindaco della città iblea.

Un terremoto che arriva al termine di un lungo braccio di ferro tra dipietristi e orlandiani, con i primi (guidati da Messana e Ignazio Messina) pronti a restare fedeli all’ex pm, puntando al congresso, e i secondi che prima si sono riuniti in un hotel palermitano e poi, domenica scorsa, hanno cominciato a strutturare a Roma la Rete 2018.

AGGIORNAMENTO ORE 16:01
Il segretario provinciale di Palermo di Italia del valori, Pippo Russo, si è dimesso: “La notizia del commissariamento della carica di segretario regionale Idv della Sicilia – dice in una nota – è la conferma formale dell’impossibilità di sostenere all’interno del partito un progetto di cambiamento della politica e della classe dirigente che non sia l’usurato strumento, soprattutto per una forza ormai ridotta all’1%, dei congressi e delle tessere. In tale situazione ritengo incompatibile la mia permanenza in Italia dei Valori. Rassegno pertanto le mie dimissioni da segretario provinciale di Palermo di Italia dei Valori”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

34 Commenti Condividi

Commenti

    Chissà come faranno a spartirsi il loro cospicuo pacchetto di 18 voti.

    Ecco, al solito, Di Pietro non si smentisce mai: dopo aver ridotto in briciole un partito che godeva dell’8% dei consensi appena qualche mese fa, adesso silura gli uomini migliori, coloro che con la testa e con i fatti hanno contribuito all’ascesa dell’IdV e a compiere le azioni concrete sul territorio.

    Questo è l’epilogo di una bella storia, fatta di azioni, progetti, passione e contatto reale con la gente. Sono un ormai ex attivista siciliamo dell’Italia dei Valori, credo in quello che ho visto fare nel territorio dagli (ex) uomini del partito, credo nelle persone con cui ho condiviso in questi anni azioni e battaglie sociali. Persone con le quali spero ancora di poter condividere tante altre lotte per il bene della collettività, ma al di fuori dell’IdV, un partito ormai alla deriva, allo sbando.

    Di Pietro, inutile nascondere la tua assoluta leadership dietro false dimissioni, poi guarda caso congelate, inutile ridimensionare il simbolo togliendo il tuo nome, sei e sarai sempre un despota e quest’ultima notizia che leggiamo ne è la prova.

    Non sono certo i voti che non hanno che interessano agli iscritti all’IDV! Ma il patrimonio immobiliare e il conti correnti bancari dell’IDV!! E per meglio capirlo, leggasi alla voce finanziamento ai partiti!
    Tutta cà è a sciarra!!! Beddi spicchi di mennula!!!

    Aspettiamo con fiducia e speranza un nuovo progetto e soggetto politico che, insieme alla parte migliore che oggi è finalmente uscita dal partito, possa contribuire al reale cambiamento.

    Posso solo dire che l’uscita dei segretari è una decisione che aspettavamo da tempo, per chi come me li conosce, non potevano prestarsi al gioco di poltrone che ormai è sfacciatamente scolpito nei volti e nelle scelte di chi è rimasto…

    Apprezzo sempre la coerenza di Pippo Russo. Bravo!

    Altra tacca sulla colt dei 5 Stelle.

    Ma cosa hanno fatto?

    adesso pippo russo ed i suoi fedeli si riuniranno in ascensore e faranno un nuovo partito auguri

    caro black, noi siamo due dei 3.200 elettori di Pippo Russo mai stati in idv…ce lo indichi per cortesia un ascensore che ci accolga tutti? Grazie. Anna e Claudio

    Mi associo alla richiesta di Anna e Claudio, anche io con la mia famiglia ho votato Pippo Russo e non avevevamo mai votato italia dei valori. Aspetto di sapere in quale ascensore mi devo infilare.

    E se questi sono i migliori…

    Una bella storia immobiliare sgamata dalla Gabbanelli.
    E Orlando, giá allenato, abbandona la nave.

    Epperó, la folla delle grandi occasioni!

    Finalmente l’IDV potrà risorgere anche in sicilia e a Palermo.
    Giambrone porterà con se i suoi 7 voti ed orlando destinato al declino vagherà tra un movimento e un altro.

    sbagliato di due zeri e una virgola tra il 3 e il 2 😀

    quello piu’ lontano dalla vera palermo 😉

    Come la si pensi si pensi la scelta di Pippo Russo di dimettersi è una grave perdita per Italia dei valori, non solo per i consensi che ha saputo raggiungere alle scorse regionali ma soprattutto per suo modo di fare politica legato ai valori e al rapporto gentile con la gente, per come l’ho conosciuto io. Una persona veramente per bene e di grande spessore. Gli auguro di continuare ancora a fare politica come la fa lui.

    Pippo Russo entra in IdV per raccomandazione perchè Orlando non lo voleva manco a brodo!
    E’ sempre stato un occupante di poltrone.

    Mi spieghino cortesemente cosa ha fatto Pippo Russo per la nostra città?
    O ancora meglio mi spieghino taluni cosa ha fatto questa giunta a guida IdV per la nostra città? Na beata m…..!
    In quanto a Di Pietro, chi è causa del suo male pianga se stesso! Sapeva benissimo chi erano i personaggi che si metteva dentro ma gli è convenuto e tutto sommato non sta perdendo niente!

    l’isola ferdinandea

    Italia dei valori è un partito che ormai non ha nulla da dire agli elettori. Ha fatto belle battaglie ma poi qualcuno di idv è stato trovato con le mani nella marmellata. Scomparirà totalmente. Io mi meraviglio che persone del calibro di Leoluca Orlando e di Pippo Russo abbiano tardato a trarne le dovute consclusioni. Ha fatto bene quindi Russo a dimettersi. Piuttosto, ma Orlando si è dimesso dal partito? Ne sapete qualcosa?

    Meglio in ascensore che in bagno come faresti tu.

    Orlando fuori Palermo,politicamente non conta nulla,nè lui,nè il suo partito (meno male)

    non ho capito come dovrebbero operare al di fuori di congressi e tessere…….tipo grillo e movimento 5 stelle?

    gli uomini migliori? con la testa e coi fatti? mah….

    parole tante, sulle azioni avrei qualche perplessità…….

    non ho capito come la fa lui la politica sara

    certo si poteva dimettere prima, ora mi sembra ovvio!!

    ah ecco cosa è stato il tremore sentito in questi giorni a casa…..ma …in tutta la Sicilia? una cosa davvero grave allora.
    Ho notato l’altra volta in tv che Obama non era del solito umore, e anche il Papa, all’ultima uscita, mi è sembrato un pò ansioso.
    Mi tocca fare loro una telefonata per dire “Ciò che il bruco chiama la fine del mondo – il mondo lo chiama farfalla”.
    Non sono tempi da scherzare questi, ogni piccola azione può contribuire alla salvezza dell’umanità…

    Dipendente? Amica? Parente?

    E l’intelligentissimo Giambrone e il fine politico Orlando, finora, non si erano accorti di nulla o campàvano di rendita appresso a Di Pietro, comparendo in tv sempre alle sue spalle?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *