Il boss col reddito di cittadinanza| Anche Scotto prendeva il sussidio - Live Sicilia

Il boss col reddito di cittadinanza| Anche Scotto prendeva il sussidio

Gaetano Scotto

Lo ha dichiarato lui stesso durante l'interrogatorio.

PALERMO
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Il boss Gaetano Scotto, arrestato ieri con l’accusa di associazione mafiosa, percepisce il reddito di cittadinanza. Lo ha dichiarato lui stesso oggi durante l’interrogatorio di garanzia davanti al gip. L’inchiesta che lo coinvolge, coordinata dalla dda di Palermo, ieri ha portato in cella otto mafiosi del clan dell’Arenella guidato secondo gli inquirenti proprio da Scotto. Il capomafia, coinvolto nell’indagine sulla strage di Via D’Amelio, era stato scarcerato nel 2016. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Bravi il partito dei 5 stelle, bravi , bravi, questo è il cambiamento! non c’è un’operazione di polizia dove parte degli arrestati ed indagati percepiscono il reddito di cittadinanza, bravi ed ancora avete la faccia tosta di gridare onesta, onesta, non un vaffa ma tanti vaffa meritano GRILLO, DI MAIO, CASALEGGIO, FICO, DI BATTISTA, e tanti grillini che hanno tradito gli italiani con i loro proclami.

    Il guaio sai qual’è, che c’è ancora dagli ultimi sondaggi un 12% di elettori italiani che crede in loro. Posso capire le donne affascinate dalla bellezza mediterranea dell’adone Luigi Di Maio ma gli altri?

    per prima cosa servirebbe fare presentare a tutti i percettori del reddito di cittadinanza il certificato penale e sospenderlo a tutti coloro che hanno avuto condanne.

    Si aboliamo pure le pensioni di invalidità visto che esistono i falsi invalidi……. ma cosa andate dicendo, mica tutti i percettori di reddito di cittadinanza sono mafiosi, forse uno ogni 50.000

    No, ma molti sono delinquenti, perlomeno intellettualmente. Per non parlare del danno fatto da chi si sottrae al lavoro per l’effetto perverso di questa misura assistenziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.