Il politico, l'aborto e il boss | Un "sexgate" dietro il caso Basile - Live Sicilia

Il politico, l’aborto e il boss | Un “sexgate” dietro il caso Basile

Il patron di Ksm Rosario Basile

Un big della politica e il figlio di un capomafia sentiti dai pm nelle indagini sul patron di Ksm.

L'inchiesta
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – Vicenda privata sì, ma sfociata nel penale e con personaggi pubblici per protagonisti. Tra le “persone informate sui fatti” citate dai pubblici ministeri di Palermo ci sono anche un politico di rilievo nazionale e il figlio di un padrino di Cosa nostra. Sono stati sentiti dai magistrati nell’ambito dell’inchiesta che ha portato agli arresti domiciliari Rosario Basile. Era stato proprio il patron di Ksm a fare i loro nomi ai pm. Li aveva appresi dalla donna con cui aveva avuto un relazione dalla quale sarebbe nato un figlio. Il condizionale è giustificato dal fatto che la causa per il riconoscimento della paternità è ancora in corso davanti al Tribunale civile.

E così i carabinieri hanno convocato il politico e il figlio del boss, un ergastolano della vecchia mafia, che ha avuto pure lui guai con la giustizia. Non facciamo i nomi per ragioni di privacy, ma l’intreccio descritto dai loro racconti è stato oggetto di verifica da parte dei pm per valutare l’attendibilità delle persone sotto inchiesta e delle stessa donna che, secondo l’accusa, Basile avrebbe minacciato e calunniato per convincerla prima ad abortire e poi a rinunciare alla causa per la paternità. Ed infatti le due testimonianze fanno parte del fascicolo dell’indagine.

Il primo a rendere dichiarazioni, il 27 luglio scorso, è stato il politico. Aveva conosciuto la donna “circa 5 anni fa”. Le era stata presentata da un altro noto politico perché “voleva candidarsi alle elezioni forse comunali”. Quando i due si conobbero “lei mi disse subito che era fidanzata con il figlio” del boss e “che poteva avere i voti della mafia e che andava a trovare il compagno in carcere”.

Il politico decise di non candidarla e cercò di “convincerla che quel fidanzamento era da evitare”. Solo che, “poiché la ragazza era avvenente”, nel 2010 iniziò fra loro una “relazione episodica” che “durò circa tre anni”, fino a quando “lei mi disse che era rimasta incinta di me e allora la mandai da un ginecologo mio amico ad abortire”. Fu sempre il politico ad attivarsi per trovarle un lavoro: “Io chiamai Basile, a cui già in passato è capitato di chiedere questo tipo di favori, a cui chiesi se poteva darle una mano”. In realtà era “un modo per liberami di lei”. Voleva tagliare ogni rapporto dopo averne parlato con moglie. Da Basile il politico seppe poi della denuncia per tentata estorsione che, secondo il pm Siro De Flammineis, sarebbe stata strumentale per screditare la figura della donna ed evitare di riconoscere il figlio nato dalla loro relazione. “Basile non era propriamente un mio amico – mette a verbale il politico -, è un buon conoscente con cui abbiamo ottimi rapporti e che mi ha aiutato anche in campagna elettorale”.

Il 25 agosto è toccato al figlio del boss, che aveva avuto la relazione con la ragazza anni prima del politico, ricevere la convocazione: “Negli anni 2007-2008 ho frequentato questa ragazza in quanto era la mia fidanzata poi sono rimasto in buoni rapporti, consistenti in qualche sporadica telefonata di circostanza” e in una di queste telefonate la ragazza gli fece la confidenza di avere avuto una relazione “con un uomo, il suo datore di lavoro, dal quale aveva avuto un bambino… mi ha riferito di problemi legati al riconoscimento della paternità del figlio” e che “non lavorava più presso il proprio datore di lavoro a causa di queste vicende”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Si pero’, che schifo, ….una donna sta 3 anni con un uomo sposato,,poi abortisce,poi il figlio del boss, poi altro uomo sposato e magari nonno..uno a 70 anni,insomma..una ragazza sfortunata

    Pelo senza confini , verrebbe da dire dai colletti bianchi ai pupilli delle primule.

    E ora inizia il chiacchiericcio sui due politici coinvolti nel sexgate
    Come se non fosse già abbStanza disgustosa la storia

    Fortunatamente che in questo Mondo di squallida tristezza c’è qualcuno che ci strappa un sorriso.
    Grazie.

    Un mafioso , un politico sposato, un nonno ultrasettantino… Insomma.. No problem!

    …….scusate, ma questo signore cosi importante e potente nel 2007, alle amministrative per eleggere il consiglio comunale di palermo, sapete per caso chi fece votare..?

    Bisognerebbe anche capire come puo’ un soggetto legato al figlio di un boss svolgere mansioni legate alla sicurezza e alla prevenzione del crimine,perche i dipendenti della KSM sono,credo, quasi come delle guardie giurate,pertanto sulla base di quali requisiti morali e stata assunta una persona legata al figlio di un boss e di cui addirittura vanta la conoscenza?Schifo infinito..

    tutto questo polverone per un figlio non riconosciuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *