Il presidente Napolitano ricorda Rocco Chinnici - Live Sicilia

Il presidente Napolitano ricorda Rocco Chinnici

L'ANNIVERSARIO
di
1 Commenti Condividi

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione del ventinovesimo anniversario del vile attentato in cui, il 29 luglio 1983, persero la vita il giudice Rocco Chinnici, gli addetti alla sua sicurezza, maresciallo Mario Trapassi e appuntato Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi, in un messaggio ha espresso alla signora Caterina Chinnici e ai famigliari di tutte le vittime il suo pensiero commosso e partecipe, rinnovando la gratitudine sua personale e di tutta la Nazione.

“Il ricordo di Chinnici, magistrato di grande valore e coraggio – scrive il Capo dello Stato – richiama il lavoro paziente e la lungimirante scelta di una strategia moderna di investigazione per combattere con efficacia il fenomeno mafioso nelle sue radici più profonde, nei suoi interessi economici e nei suoi legami internazionali. Il primato della legalità, per il quale magistrati come Rocco Chinnici hanno perso la vita, resta patrimonio collettivo e baluardo essenziale per una convivenza civile libera dal ricatto della criminalità organizzata”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Tratto da Misilmeri Blog.it
    La vergogna di essere sciolti per la terza volta per infiltrazione mafiosa, l’amarezza di scoprire che questi numeri li trovi soltanto nei santuari di camorra e n’drangheta, uno smarrimento generale di tutta la società civile.
    Sono questi i motivi che ci hanno portato a ritornare sulla nostra decisione, presa per motivi di opportunità qualche giorno fa ed invitare tutte le forze sane di questo paese domenica alle ore 21:30 presso la piazzetta Rocco Chinnici, per un sit-in silenzioso, per guardarci negli occhi, per ripartire.
    Portiamo con noi un fiore o una candela da mettere accanto al busto di Rocco Chinnici, uno di quei misilmeresi di cui andare orgogliosi.
    Un modo per ricordare e ricordarci che Misilmeri non è mafia, ma è ben altro.
    Ci auguriamo che questo invito susciti la volontà di partecipare anche a tutti coloro che solitamente non partecipano a queste iniziative.

    P.s. Ma voi Misilmeri quando lo mettete in prima pagina solo quando arrestano qualcuno?
    ROCCO CHINNICI E’ MISILMERESE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *