"Il Vaccino e la trombosi: mi hanno amputato la gamba" - Live Sicilia

“Il Vaccino e la trombosi: mi hanno amputato la gamba”

Atroci sofferenze, sei interventi chirurgici. Poi ha dovuto scegliere se salvare la gamba o morire
14 Commenti Condividi

PALERMO – “Prima il vaccino con Astrazeneca, poi una terribile trombosi, con sei interventi chirurgici, 20 giorni di sofferenza, mi hanno amputato la gamba e adesso vorrei giustizia”. Maurizio Carra, giornalista, classe ’56, chiede ai vertici dell’Asp di Palermo “giustizia”. (segnalazioni a redazione@livesicilia.it)

Nessuno può, in questo momento, stabilire se esista un nesso di causalità con la vaccinazione Astrazeneca. Ma il racconto della sua sofferenza è tutta in quelle cartelle mediche, in quei certificati, che iniziano con il riscontro dell’inoculazione della prima dose di Astrazeneca e completano la serie con l’amputazione della gamba.

Adesso è nella morsa della burocrazia: “Per la visita di invalidità – dice a LiveSicilia – mi hanno detto all’Asp che è necessario attendere un anno e mezzo, al momento stanno smaltendo le richieste del marzo 2020”.

Com’è iniziato il suo incubo?

“Sono stato vaccinato nel mese di marzo, ho scelto di farlo subito, insieme a mia moglie. Ci occupiamo di turismo e per noi sarebbe stato basilare superare il pericolo di questa pandemia continuando a lavorare. Sapevo che il vaccino Astrazeneca era già discusso, quando è stato il mio turno nell’hub vaccinale della Fiera, ho chiesto al medico di avere il vaccino Pfizer, che si riteneva, allora, un po’ più sicuro dell’altro. Purtroppo non soffrendo di patologie particolari mi hanno inoculato Astrazeneca”.

Poi cosa è accaduto?

“Inizialmente alcuni fastidi, dopo alcuni giorni ho iniziato ad accusare forti dolori.

Un aumento dei dolore al piede, un annerimento delle unghie. È emersa la necessità di esami più approfonditi. Si era formato un blocco in una arteria, appena dietro il ginocchio, che impediva la possibilità di far defluire il sangue. Questo ha provocato una mancanza di ossigenazione delle parti finali”.

Come sono intervenuti in ospedale?

“Quando sono andato al pronto soccorso di Villa Sofia sono stato scaricato in codice verde, sono andato al Civico e hanno compreso la gravità della situazione.

Il pomeriggio stesso hanno tentato il primo intervento. Ne ho avuti 6 interventi. Scoprivano sempre trombosi, dopo i primi risultati positivi, trovavano nuove ostruzioni e se ne formavano altre. Venti giorni di operazioni”.

Come ha saputo quello che stava accadendo?

“Ho seguito con grande lucidità tutto il percorso chirurgico. Poi il primario mi ha detto che era necessario salvare la mia vita.

Ho dato la mia autorizzazione all’amputazione, hanno chiamato mia moglie, per avere l’autorizzazione, data la terribile situazione in cui ero precipitato. A quel punto mi sono ritrovato in una situazione di emergenza psicofisica e burocratica. Al di là di tutte le cure che ho avuto anche grazie all’assistenza dell’Asp e a una dottoressa di altissimo profilo, Rita Abate, mi sono scontrato con tutto il resto della burocrazia dell’Asp, che non mi ha mai comunicato nemmeno se potevo o no, fare una seconda dose di vaccino”.

All’Aifa cosa le hanno detto?

“L’Aifa mi ha detto che tutte le determinazioni dovevano essere curate dall’Asp

“La domanda di invalidità civile giace da due mesi in attesa della visita dell’Asp. Mi hanno detto che dovrei aspettare un anno e mezzo, perché stanno esaminando le richieste di un anno fa”.

Lei non è un no vax?

“Assolutamente no, ho anche chiesto di completare il ciclo vaccinale, non è il mio medico di base che può assumersi questa responsabilità”.

Qual è la cosa che le fa più rabbia?

“Essere una di quelle vittime dimenticate del vaccino Astrazeneca. Su questo vaccino hanno detto tutto e il contrario di tutto. È chiaro che siamo di fronte a una situazione di estrema gravità. Essere stato una cavia è un atto di inaudita gravità e il fatto che anche l’Asp non fornisca una risposta è gravissimo. Il fatto che una commissione medico legale esamini dopo un anno e mezzo le richieste di invalidità, ma ciò accade solo in Sicilia”.

Ha fatto una denuncia?

“Vorrei riuscire a non mandare nessuno in galera. Credo che non ci sia dolo tra i medici. Però è chiaro che le risposte le vorrei. Poi chiaramente deciderò. Chiedo giustizia in termini informativi, lo dico da giornalista. Anche in questo senso c’è molta carenza informativa. Si parla sempre di quel caso su 100mila che accada. Ma forse non è così, se tante persone che ho incontrato, io ne conosco 6 o 7”.

Qual è il messaggio che manda all’Asp?

“Mi sono sempre assunto le mie responsabilità e vorrei che chi è pagato molto più di me, fornisse delle risposte. Non si può ignorare il problema. Se poi la magistratura accerterà con serenità eventuali responsabilità da parte dello Stato o dei singoli, questo si vedrà, ma non è che non facendo nulla il problema si risolve”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    caro signore, la frase giusta è …**Adesso è nella morsa della burocrazia**… se vorrà risarcimenti, giustizia o altro girerà sia l’Inferno Dantesco ed anche quelli delje altre religioni, Stabiliranno che non c’è nessun nesso con il Vaccino etc, etc, PERO’ La cosa PRINCIPALE E’ che il VACCINO **NON E’ OBBLIGATORIO** è SU BASE VOLONTARIA, e lei ha compilato e firmato tanti foglietti dove si evince proprio questo e lei in ogni caso non la risarciranno, il suo altro incubo è già cominciato con la burocrazia.

    Sicuramente non si ricorderà di me, ma l’unica cosa che voflio dirle è tenga forte prof. Certo il colpo è duro da superare, ma lei ce la farà perchè è sempre stato un uomo molto forte. In bocca al lupo!

    Premesso che sono vaccinato.
    Io non credo che il blocco agli acquisti di Astrazeneca sia dovuto ai problemi di consegna…..

    Ma questo è pazzo??? Gli hanno appena amputato una gamba a causa della prima dose di vaccino e lui vuole fare anche la seconda?? Va bene che di gambe ne ha due, ma veda di conservarne almeno una!

    Ma lo vogliamo capire che sono vaccini sperimentali???? Ecco uno dei risultati… Ah già solo coincidenze…

    TUTTI IN SILENZIO VERO? A me viene da piangere sentendo queste cose

    “Vorrei riuscire a non mandare nessuno in galera. Credo che non ci sia dolo tra i medici” QUESTA PERSONA MERITA UNA MEDAGLIA, UNA PERSONA MERAVIGLIOSA NONOSTANTE COSA HA SUBìTO

    “Vorrei riuscire a non mandare nessuno in galera”…………………Egregio dott. Carra lei è decisamente troppo buono anzi è un santo se arriva a pensare questo dopo tutto quello che le è accaduto ed il calvario che ha dovuto subire.

    Ho un dubbio, il blocco degli acquisti di Astrazeneca è sicuramente dovuto ai problemi di consegna?

    Mi dispiace molto per quanto accaduto a questo signore e mi auguro che in qualche modo lo risarciscano per il danno subito, dettociò l’unica arma che c’è attualmente contro il covid e il vaccino perciò credo che sia giusto farlo perchè il gioco vale candela.

    La visita specialistica di un medico legale a mio parere è necessaria per capire e approfondire il quadro instauratosi e la sua evoluzione

    In effetti avevamo proprio bisogno di FURIO …. Verdone docet…. ma Magda?

    SE NON SI FOSSE FATTO FARE STO VELENO ,EHMM VOLEVO DIRE VACCINO A QUEST’ORA SAREBBE STGATO TRANQUILLO.A ME MANCCO SE MI PRENDEREBBERO CON LA FORZA MI FARE AVVELENARE.ME LA S…..O .TESTATA DI ZIDANE DOCRT INSEGNA E IO SONO SPECIALISTA.VIOLENZA MENTALE GENERA VIOLENZA

    Mi dispiace moltissimo per questo Signore e per tanti altri che sono in gravi condizioni ma ovviamente nessuna correlazione è la parola d’ordine,hanno creduto alle rassicurazioni di questi medici e politici, in realtà di questo siero sperimentale si sa molto poco e le cavie siete voi che vi fate iniettare questo prodotto chiamato vaccino e firmate una manleva per chiedere che la responsabilità sia solo del soggetto che chiede il vaccino.
    Notizia fresca fresca Bassettti dischiara che la variante Delta è un banale raffreddore e Crisanti invita alla terza dose dicendo che moriremo tutti.
    Volete credere a questi personaggi? fate pure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.