Immigrazione, sbarco a Pozzallo | Fermati sette scafisti egiziani - Live Sicilia

Immigrazione, sbarco a Pozzallo | Fermati sette scafisti egiziani

Il peschereccio, trasportava 177 uomini, 36 donne e 38 minori, tra cui alcuni neonati. L'imbarcazione, salpata dalla Turchia, era stata soccorsa giovedì scorso dalla motonave portacontainer turca "Natalia A" che il giorno successivo era arrivata a Pozzallo.

a bordo 252 migranti
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Sette egiziani sono stati fermati dalla polizia di Stato perché ritenuti l’equipaggio del peschereccio sul quale viaggiavano 252 migranti, compresi molti minorenni e alcuni neonati, arrivati ieri a Pozzallo. Il provvedimento è della Procura di Ragusa e ipotizza il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Le indagini sono state eseguite dalla squadra mobile che quest’anno ha già fermato complessivamente 188 ‘scafisti’.

I sette egiziani fermati sono Khaled Mohammad, di 41 anni, Ali Isa, di 27, Faraj Nassar, di 24, Mohammad Ibrahim Abouazzai, di 53, Islam Saleh Mohamed, di 22, Talaat Ismail, di 21 e Mouhamed Abd El Makssoud, di 39. La loro imbarcazione, un peschereccio, trasportava 177 uomini, 36 donne e 38 minori, tra cui alcuni neonati. I sette fermati – il comandante, il vice, gli addetti ai motori e due cuochi – sono stati individuati dopo 18 ore di indagini da Squadra Mobile, Sco, carabinieri e Guardia di finanza. L’imbarcazione con a bordo i migranti, salpata dalla Turchia, era stata soccorsa giovedì scorso dalla motonave portacontainer turca “Natalia A” che il giorno successivo era arrivata a Pozzallo. Gli investigatori hanno accertato che i migranti hanno pagato 6.000 dollari a testa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Portateli al centro per l’impiego ma ditegli che non ci sono soldi ne lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *