La politica che fa i favori | E la gente? Li chiede... - Live Sicilia

La politica che fa i favori | E la gente? Li chiede…

Voglio vincere la prossima campagna elettorale? Per strada a fare lo spicciafaccende

DALI' A QUI
di
5 Commenti Condividi

“S’un fai accussì, voti unni pigghi”.

Parliamoci chiaro, la questione morale (che sarebbe il caso di riportare al centro del dibattito, purché scevra dai parossismi populisti degli ultimi anni) non riguarda solo politici e burocrati, riguarda la gente. Tutti. Siamo tutti coinvolti e responsabili, perché professiamo tutti un solo credo: lo scambio (e non per forza nel senso penalistico del termine).

Il burocrate che prende soldi, il politico che si fa offrire cene, la gente che vota a convenienza. Questa è la politica da queste parti, questa è la percezione delle istituzioni. Una desolante landa popolata di spietati cacciatori di profitto e approfittatori alla bisogna. Un continuo frullatore di richieste (delle più disparate) e di accondiscendenza. Un paese dei balocchi, dove i pochi ingenui fanno gli asini e gli scaltri rimangono scaltri.

Adesso tutti qui, a gridare allo scandalo, a leggere queste notizie con quell’aria un po’ basita e un po’ raccapricciata, pronti a proiettare sui profili l’indignazione. Ma quanti di voi, in una qualsiasi campagna elettorale, promettono il voto a una decina di candidati chiedendo qualcosa ad ognuno di loro? Quanti di voi, poi, vanno a bussare alla porta degli eletti (naturalmente tali grazie alla vostra plurima preferenza), per chiedergli qualcosa? Quanti di voi hanno detto, almeno una volta nella loro vita: “per questo cornuto non ci voto più, ci addumannavu na coittesia e mi lassó n’tririci”? Quanti di voi scambiano un diritto per un favore ed un dovere per una concessione?

Io lo so bene, l’ho vissuto nelle tante campagne elettorali che ho perduto e lo vivo quotidianamente nell’esercizio del mio incarico in un ente pubblico. Ho visto consiglieri di circoscrizione alzarsi alle 4 del mattino per prendere il turno all’Inps. Ho visto politicanti pagare bollette (non certo, o non sempre, per filantropia) oppure acquistare biglietti dello stadio. Ho visto assessori finanziare inutili progettini col bilancino tanto per accontentare tutti. E vedo il mio cassetto farsi ogni giorno sempre più ricolmo di curricula.

Voglio vincere la prossima campagna elettorale? Semplicissimo: per strada tutto il giorno, a fare lo spicciafaccende (col telefonino sempre in mano perché devi rispondere a tutti … “il numero sempre quello è …”); e poi nelle stanze giuste a gabbare il consenso dei grandi elettori con qualche posto di lavoro dato ad hoc (“anche interinale va bene, dottore, il grosso è entrare, poi …“); poi ci mettiamo qualche affaruccio, perché le campagne costano, ed è fatta. Eccovi servito l’ennesimo consigliere, deputato o quello che volete. Sì, proprio quello che volete, proprio quello che vuole la stragrande maggioranza della gente, che se ne strafrega del bene comune e vuole dalla politica e dal sistema solo il bene proprio. E guai a dire “no, sta cosa non si può fare”, perché se t’azzardi a rispondere così hai il malo carattere e ti scordi degli amici.

Per carità, siamo tutti clientelari, se clientelare vuol dire aiutare o agevolare una persona vicina nei limiti del lecito e dell’opportuno; ma fare della clientela un esercizio sistemico, assoggettarsi alla cultura dello scambio in modo così totalizzante da renderlo una pratica quotidiana, no. Palermo è la capitale della cultura cettoqualunquistica, è la mammella che allatta senza sosta la borghesia con i soldi e i borgatari con i voti. E su questo pantano attecchisce più facilmente il malaffare, la mala politica, la malavita.

Ecco perché la questione riguarda tutti.

Quanto ai burocrati, poi, il problema non è la corruzione (quello è un problema che riguarda l’uomo), il problema è la burocrazia stessa, lenta, talvolta pavida talaltra spregiudicata, arzigogolata, elefantiaca, bizantina. A questo dovrebbe pensare la politica, peccato che è impegnata a fare favori e a risolvere il problema dei suoi elettori; e questi, finché avranno i loro problemi risolti, continueranno ad esserne elettori. E la ruota gira …


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Grande Verità, siamo colpevoli tutti…

    Al Sud questa è stata sempre la norma.

    Aggiungo: Forse oggi meno clientelismo.

    scusasse ma se la politica fa funzionare la burocrazia poi gli amici che bisogno hanno di chiedere i favori ai politici…la macchina s’inceppa e qualcuno rischia di non essere più eletto…o no?

    E’ nato prima l’uovo o la gallina? Va avanti chi ha santi in Paradiso questo detto lo ritengo illuminante. In un sistema democratico, ritenuto il meno peggio dei sistemi atti ad amministrare uno stato, il popolo dovrebbe eleggere i propri rappresentanti sulla base di criteri positivi oggettivi e universalmente riconosciuti, quali onestà, correttezza, morale ecc..Poi in virtù dell’assunto, sopra riportato, viene stravolto tutto. Prima chi era posto al comando fungeva da faro, da guida per il suo popolo. Oggi queste figure carismatiche in politica mancano. Si possono ritrovare nella società nascoste e poco visibili perché infastidiscono. A chi ci governa e ai media da lui governati non fa piacere avere qualcuno che lo possa additare senza timore di possibili ritorsioni. Trovo il suo scritto privo di quella dirittura morale che Le dovrebbe essere connaturata, visto il suo ruolo. Se i diritti posseduti da ogni cittadino fossero rispettati e onorati quale favore dovrebbero venire a chiederLe ? La mala politica è il primo male e la mala burocrazia è, spesso, la figlia di tale male. Chi viene a chiederLe un ” favore ” o non ha diritto a chiederlo o lo ha. E se è così la domanda è un’altra, perché avendone diritto viene a chiedere un favore ? E se non ha diritto perché viene ? Veda mio padre mi ha insegnato a non chiedere se non quanto mi è dovuto e a dare quanto dovuto al prossimo. Così vivendo non mi sono mai sentito in debito con nessuno se non per motivi affettivi, quelli si difficili da rendere appieno. La sua morale fa acqua e la cosa peggiore è che Lei ne è consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.