"La Sicilia, papà, Schifani... Ora vi dico chi è 'Scateno'"

“La Sicilia, papà, Schifani… Ora vi dico chi è ‘Scateno'”

Il 'Catemoto' come non l'avete mai visto. Dalla politica al privato.
INTERVISTA CON CATENO DE LUCA
di
7 Commenti Condividi

“Mi chiede dei miei genitori e vuole sapere perché li cito sempre? Mio papà e mia mamma sono la mia forza, la mia ricchezza. Prima di partire, passo sempre da loro, da Fiumedinisi e li saluto e li bacio”.

Onorevole Cateno De Luca, che succede? Le trema la voce?
“Purtroppo sì”.

E perché ‘purtroppo’, ‘Scateno’, al secolo Cateno De Luca da Fiumedinisi? Siamo tutti figli e la voce trema a tutti. Ma questa intervista vuole andare oltre il luogo comune. Oltre il marketing, gli sberleffi, il linguaggio e le battaglie aspre della politica. De Luca è a Roma e pubblica selfie in quantità, mentre risponde. Ecco la sintesi di dieci minuti di chiacchierata telefonica con un uomo che, a torto o a ragione, si sente investito di una missione epocale: salvare la Sicilia. In coda c’è posto per le emozioni private, perché si chiude come si è aperto: con papà e mamma.

Lei, davvero, vuole salvare la Sicilia?
“Certo, è nel mio cuore. Chi non farebbe di tutto per il proprio cuore, per ciò che ama”.

Che ci fa a Roma?
“Sono qui, nei posti in cui c’è la caccia ai neo-eletti peones e si organizzano i gruppi. Il 3 dicembre ci sarà la conferenza nazionale di Sud chiama Nord e devo incontrare tante persone. Abbiamo realizzato un grande risultato e andiamo avanti”.

Avanti verso cosa?
“Ci saranno le amministrative nella primavera del 2023, le europee nel maggio 2024. Non ci faremo trovare impreparati, siamo qui”.

Lei, alle regionali, è arrivato secondo. Un risultato lusinghiero. Ma, ci scommetto, è più arrabbiato che contento perché non ha vinto. Giusto?
“Un po’ sì, lo confesso. Io avevo una strategia per vincere, per massimizzare il risultato elettorale. Giocavo per la vittoria, non per il secondo posto. Quindi mi sento sconfitto. Ma ho analizzato la situazione e ho capito perché”.

Perché?
“Le elezioni anticipate e l’election day sono stati micidiali. Avrei avuto bisogno di qualche mese in più. Ho dovuto chiudere le liste con candidati senza voti e questo l’ho pagato”.

E fra qualche anno? Ritenterà?
“Allora non mi sono spiegato. Il mio obiettivo è diventare governatore della Sicilia e lo sottoscrivo. Voglio fare il presidente della Regione. Ora metteremo su il nostro governo di liberazione…”.

Un governo ombra?
“Per niente e rimarrete sorpresi dalle persone che ne faranno parte. Un governo di liberazione che incalzerà il governo eletto, con un taglio istituzionale. Conosciamo i problemi della Sicilia e conosciamo pure le soluzioni”.

Però, lei è notissimo per gli show su Facebook, per i ‘vaffa’, sia pure cucinati in casa…
“E poi parlo con gli industriali, con i professionisti, con chi ha grosse responsabilità. E, dietro ‘Scateno’, scoprono che c’è Cateno. Non un soggetto folcloristico, ma un amministratore serio e consapevole e lì scattano gli applausi. A Schifani prometto…”.

Si contenga, per piacere.
“…A Schifani prometto che sarò lì per fare in modo che lui e il suo governo onorino le cambiali sottoscritte con i siciliani. Non lo lascerò tranquillo, lo pungolerò. In questo senso saremo i suoi migliori alleati. Porteremo in aula le nostre proposte e ci confronteremo. Altro che ombre!”.

Si aprono spazi nel Pd. Perché non prova a insediarsi al comando? E’ una battuta, naturalmente.
“Sa perché Schifani prende tanti voti? Glielo dico io: perché il Pd non esiste. Per l’assenza del Partito Democratico e della sua candidata. Niente di personale con Caterina Chinnici, ma è così. E non metto impegno in una cosa démodé che ha ormai consumato il suo tempo. Portiamo avanti idee nuove per il bene del territorio”.

Lei, di recente, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook una foto del saluto a suo papà e non è la prima volta. Perché?
“Perché mio padre e mia madre sono tutto. Lui si chiama Nino ed era un muratore. Ha lavorato a Milano, viveva in una baracca di quindici metri quadrati senza bagno. Mia mamma si chiama Nunziata. Quando posso, vado in campagna per stare un po’ con loro. Perché loro sono…”.

Onorevole, si commuove ancora?
“Sì”.

Non dica ‘purtroppo’.
“Va bene, non lo dico”. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Cateno, una brava persona e genuina! come dovrebbero essere tutti quelli che fanno politica per interessi collettivi…. e non per i propri!

    Quindi il circo ( COL PAGLIACCIO) si è spostato a Roma

    Ancora Cateno continua ad essere sottovalutato. Ma i fatti dimostrano che ha avuto risultati clamorosi e ha fatto tremare il sistema oligarchico dei soliti noti. Lui adotta il sistema dei Romani dividi et impera. Gli oligarchici non danno spazio a nessuno e tra l’altro non hanno meriti e competenze. Cateno ha dimostrato sul campo di essere molto capace.

    Una domanda come mai De Luca è sempre presente nelle vostre pagine ogni giorno?

    Caro Roberto, ti avevo già detto che Cateno è un grande uomo. Aspetteremo cinque anni e saremo ancora più determinati.

    @ ilmonello :
    forse saranno i suoi interessi, io (e non solo io) non mi sento rappresentato da gente così.
    oltre lo show, di pessimo gusto peraltro, il nulla cosmico.

    Anche io posso dire chi e Scateno , sicuramente non e la persona limpida che tanti descrivete , dico di più , le persone o ditte che si scontrano contro il suo potere vengono escluse a partecipare a qualsiasi gara , parliamo di cosa pubblica non privata , se poi si controlla cosa ha fatto a Fiumedinisi il dado e tratto .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *