Palermo invasa dai rifiuti ingombranti, nasce il "mercatino della munnizza"

L’invasione dei rifiuti ingombranti | Nasce il ‘mercatino della munnizza’

La provocazione di un cittadino che ha apposto una singolare insegna sopra un cumulo di spazzatura nel centro storico
DILLO A LIVE SICILIA
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Se ai soliti sacchi abbandonati in giro per la strada si aggiungono grandi elettrodomestici e mobili, perché non lanciare un “mercatino della munnizza”? A segnalare la provocazione a Live Sicilia è Fabrizio Sanfilippo, presidente dell’associazione di volontari Rinascita ambiente, che in piazza Giovanni Meli ha apposto una singolare ‘insegna’ sopra uno dei tanti cumuli di rifiuti che invadono la città.

Una mossa che arriva “dopo tante richieste alla nostra amministrazione comunale di eseguire uno sgombero urgente dei rifiuti urbani – dice Sanfilippo -. La situazione è diventata davvero drastica, in vari punti del centro storico si trova di tutto: televisori, frigoriferi, lavatrici e qualche pezzo di arredamento che viene abbandonato durante la notte”.

“Tutto questo accade alle spalle della chiesa di San Domenico – sottolinea l’ideatore dell’originale mercatino – dove riposano le spoglie di illustri siciliani, non in ultimo il giudice Giovanni Falcone, e dove a breve verrà deposta l’urna del professore Sebastiano Tusa”.

Il presidente di Rinascita ambiente ricorda che l’associazione “tempo fa si è occupata di rimettere in sesto Monte Pellegrino, liberandolo dai rifiuti e rimuovendo anche le carcasse che stavano al di là del belvedere di Santa Rosalia. Malgrado la situazione – conclude – Rinascita ambiente continua a lavorare e sensibilizzare in ambito ecologico con le sue attività di volontariato senza scopo di lucro”.

DILLO A LIVE SICILIA: raccontaci la città inviandoci le tue segnalazioni su Facebook, dal traffico agli assembramenti, dai rifiuti agli intoppi amministrativi. Entra nella nostra pagina ufficiale e diventa parte del giornale dei siciliani che non stanno a guardare.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Orlando per fortuna che lo sapeva fare, sa di questa situazione?

    Non si è capita la finalità dell’iniziativa del comune nel lasciare li la munnizza. Fare morire l’albero con la munnizza sotto, quindi togliere la cancellata, forse allargare con qualche operaio Coime, quelli bravi a fare dissuasori nelle panchine, lo spezio e piazzare li una bella pista ciclabile.

    E’ il risultato di una struttura amministrativa fatiscente priva di un solo progetto realizzabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *