Lo sgombero e la paura alla Noce | Gli abusivi che aspettano il Tar - Live Sicilia

Lo sgombero e la paura alla Noce | Gli abusivi che aspettano il Tar

Lo sgombero di ieri, al civico 5

Il tribunale si pronuncerà i primi di novembre. "Intanto tremiamo ad ogni rumore".

PALERMO
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – “Abbiamo perso quel minimo di tranquillità che avevamo, non dormiamo più”. La decisione del Tar arriverà tra venti giorni: la camera di consiglio è stata fissata per l’8 novembre, ma nel frattempo, in via Savagnone, la paura delle tredici famiglie abusive al civico 8 è sempre più forte. All’indomani dello sgombero dello stabile in cui è stata aggredita Stefania Petyx, l’attesa si fa angosciante: “Tremiamo ad ogni rumore – dicono – dopo quello che è successo viviamo nell’ansia, temiamo di dover lasciare questo posto da un momento all’altro”.

La paura è arrivata nel tardo pomeriggio del 15 ottobre, con le ordinanze emesse dal Comune che imponevano di lasciare l’immobile entro ventiquattro ore: “Era stato previsto un termine brevissimo – spiega l’avvocato Santo Botta, a cui le famiglie si sono rivolte – l’indomani ho quindi depositato il ricorso al Tar informando anche gli uffici comunali di competenza, chiedendo di soprassedere all’esecuzione forzata in attesa della decisione del tribunale”.

Alla base del ricorso, il numero di famiglie e di minori che si trovano all’interno del palazzo, in cui gli abusivi hanno effettuato dei lavori per renderlo vivibile. “Chiediamo la sospensione dell’ordinanza – spiega il legale – perché queste persone non hanno alcuna alternativa. Si tratta di nuclei familiari numerosi, in cui si trovano decine di bambini, alcuni sotto i tre anni. Ci sono anche donne in gravidanza e due disabili. Lo sgombero immediato avrebbe potuto provocare gravi problemi. Inoltre, bisognerà accertare la legittimità degli atti amministrativi”.

Il palazzo alla Noce è stato occupato tra maggio e giugno. Inizialmente le famiglie erano otto, poi altri senzatetto hanno trasformato gli ex uffici in alloggi. “Siamo una grande famiglia – dicono – ci aiutiamo a vicenda. Ci siamo dati da fare per pulire questo posto, per permettere ai nostri figli di avere un tetto, mandarli a scuola e farli studiare. Abbiamo preso sin da subito le distanze da chi ha agito con la violenza, ripetiamo che questi comportamenti non ci appartengono. Non possiamo pagare tutti le colpe di chi ha sbagliato”.

Lo sgombero potrebbe infatti ugualmente avvenire, il Comune di Palermo prevede l’esecuzione tra il 22 e il 23 ottobre: “Si concorderà con la questura e la polizia municipale la data di inizio delle operazioni. L‘immobile già liberato è presidiato dalle forze dell’ordine al fine di evitare nuove occupazioni. Una volta ultimato lo sgombero, si procederà alla riconsegna dei locali alla proprietà”

In attesa della decisione del Tar, la tensione nello stabile è tangibile: “Dopo quello che è successo non ci resta che la speranza. Dal Comune ci è stato pure detto che se vogliamo possiamo trasferirci in un’altra città, ci pagherebbero il biglietto. Ma non è di certo una soluzione, noi non vogliamo essere costretti a lasciare la nostra città perché nessuno riesce a trovare un’alternativa. Siamo in graduatoria per un alloggio popolare da oltre quindici anni, alla base di tutto, il problema è proprio questo”.

Intanto, è proprio l’amministrazione comunale a fornire dettagli sulla situazione contrattuale dei sue stabili di via Savagnone, edifici per i quali viene pagato un canone di affitto ad una società in amministrazione giudiziaria. “Lo stesso immobile è stato detenuto in regime di affitto fino al mese di settembre del 2012 – spiegano – quando è stata data la formale disdetta a seguito della delibera di Giunta che imponeva la riduzione dei costi per fitti passivi. Il costo del canone di affitto a favore della società “Palermo Centro” in amministrazione giudiziaria, è di 357.000 euro annui oltre Iva per tutti gli immobili di via Savagnone che nel tempo hanno ospitato una postazione  anagrafica e diversi uffici. Il trasferimento successivo alla disdetta del contratto è stato difficile per la mancanza di immobili immediatamente disponibili dove collocare gli uffici e per la presenza di un voluminoso archivio di pertinenza”.

Ciò – proseguono – ha di fatto reso necessario che l’Amministrazione continuasse a detenere gli immobili in regime di occupazione (con il medesimo costo). Il pagamento – precisano – avviene su base semestrale e solo per il periodo di effettiva occupazione dell’immobile da parte del Comune. Una parte dell’immobile è stata materialmente liberata dalla Postazione Anagrafica Decentrata nel 2016 e il primo dicembre del 2016 è stata proposta la riconsegna parziale dei locali occupati dalla stessa. Ciò è stato rifiutato dall’amministrazione giudiziaria ritenendo imprescindibile la riconsegna anche dell’immobile occupato dagli uffici dell’Area Tecnica in quanto il contratto sottoscritto in origine era unico. Successivamente alla individuazione di locali idonei per il definitivo trasferimento degli uffici rimasti, si è data comunicazione alla proprietà, dell’intenzione di procedere alla riconsegna totale ad inizio di giugno di quest’anno, ma i locali sono stati subito occupati, come è stato accertato dalla polizia municipale. Si sottolinea – concludono dal Comune – che l’occupazione è avvenuta quando ancora i locali non erano stati del tutto liberati dall’archivio, in presenza di armadi, faldoni e materiale cartaceo ancora da trasferire”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    per ogni giorno di ingiustificato ritardo paghino i burocrati, vedrete come tutto si risolve in un lampo

    Guerra fra poveri, queste famiglie palermitane vanno aiutate con la stessa priorità già assegnata alle famiglie Rom, degli Immigrati e dei Richiedenti Asilo.

    Mettono in mezzo il Tar x gente che occupa abusivamente un edificio mah.

    Questa ammissione tardiva dell’amministrazione comunale è il segnale di una “cultura” che in questa città si è affermata in questi anni.
    Negare tutto e poi, quando le prove sono schiaccianti, ammettere che forse ….erano vere le accuse,
    Dopo i fatti che hanno coinvolto la brava giornalista Stefania Petix e il suo cameramen, il sindaco dichiarò pubblicamente che l’immobile era privato e che il comune era “estraneo” alla vicenda. Ora si scopre che il comune paga l’affitto di questi immobili occupati. Forse per il nostro sindaco i cittadini palermitani non sono “maturi” per conoscere la verità?

    invece di parlare di poveri vai a vedere le persone li dentro e ti accorgerai che magari qualcuno ha un’attività abusiva(lavaggio), prende la rei ed aspetta il reddito di cittadinanza

    357mila euro? Ma per quanti mq? Quanti sono gli appartamenti? In quella zona con 400 euro mese ci affitti un appartamento di 100mq! Di cosa stiamo parlando? Magari magari c’è qualcuno che si sta facendo i bagni con affitti fuori mercato?

    Intervenga la Procura della Corte dei Conti nei confronti di polititi e dirigenti.

    Come mai i dirigenti di ingozza o e non pagano mai. Avessero restituito i locali avessero impedito le occupazioni. Io le famiglie disastrate non li toccherei caro Orlando, i comune anche se non sono zingari o extracomunitari, dovrebbe farsi carico e i dirigenti he dovrebbero pagare con trattenute sul premio di risultato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.