Lo stupro di Mondello | L'accusa? "Inverosimile" - Live Sicilia

Lo stupro di Mondello | L’accusa? “Inverosimile”

Nessun segno di violenza esterna sul corpo delle ragazze e racconto inverosimile delle vittime. Ecco perché il Riesame ha scarcerato il magazziniere e il salumiere accusati di abusi sessuali.

LE MOTIVAZIONI
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – “Appare del tutto inverosimile che immediatamente dopo uno stupro la vittima telefoni proprio all’autore del reato – piuttosto che ad un parente, ad un amico o alle forze dell’ordine – per chiedere qualsiasi tipo di aiuto”. Così scrivono i giudici del Riesame nella motivazione che manda in frantumi, almeno per il momento, una pesante accusa di violenza sessuale.

Una telefonata, dunque, mina la credibilità delle due amiche ventenni, una siciliana e l’altra tedesca, che denunciarono di avere subito violenze sulla spiaggia di Mondello. Ai poliziotti raccontarono di quei due ragazzi conosciuti in discoteca. Di un’allegra serata con qualche bicchiere di troppo diventata presto un incubo. Dell’aggressione e degli abusi subiti in spiaggia. E di quella telefonata ora richiamata dai giudici. Subito dopo le violenze, una delle due vittime cercò, infatti, di contattare uno dei presunti aggressori al telefono che le aveva dato prima.

Il 26 settembre scorso il Tribunale del riesame ha scarcerato, dopo venticinque giorni di cella, Maurizio Mortillaro, magazziniere di 32 anni, e Antonino Mangano, salumiere di 35. Il collegio presieduto da Maria Elena Gamberini – Emilio Alparone relatore – giunge a conclusioni opposte a quelle di chi aveva chiesto e convalidato l’arresto. “Si tratta di circostanze che rendono necessario – si legge nella motivazione – un ulteriore approfondimento investigativo e che allo stato, impongono l’annullamento della misura cautelare per carenza di gravi indizi di colpevolezza”.

Di quali “circostanze” si tratti lo spiegano gli stessi giudici del Riesame: “Va rivelato che (a parte il ritrovamento di un profilattico all’interno della vagina, oltre all’abbondante presenza di sabbia, elementi di per sé non incompatibili con la consumazione di atti e rapporti sessuali consenzienti) non è stata accertata la presenza di alcun segno di violenza esterna sul corpo delle ragazze”. Il riferimento è al referto dei medici del Policlinico che visitarono la ragazza siciliana, rilevando la “assenza di escoriazioni ed ecchimosi agli arti superiori e inferiori al dorso”. Escoriazioni che furono, invece, trovate sull’amica tedesca oltre a un piccolo taglio al labbro. Su questo punto il Riesame scrive: “Non è allo stato emersa la natura e la causa del piccolo ematoma e delle aree escoriate”.

In questa fase processuale hanno avuto ragione gli avvocati Rocco Chinnici e Giacomo Greco. I legali della difesa hanno sostenuto che i rapporti erano consenzienti. Che i due uomini erano andati via abbandonando in spiaggia le ragazze solo perché avevano chiesto loro dei soldi in cambio dei rapporti sessuali. E poi, il richiamo alla telefonata. Quella telefonata che ha reso “del tutto inverosimile” agli occhi dei giudici il racconto delle due ragazze.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    ….ecco detto. Ecco fatto! Se alla fine dell’iter processuale sará confermata l’insussistenza delle accuse…che le calunniatrici paghino duramente.

    Mamma mia caro Lo Verso allora lei insiste. Mi ricordo ancora le polemiche dopo il suo articolo sui verbali. Venne messo quasi in croce per avere scritto un pezzo di fredda Cronaca. Ora diranno che li ha scarcerati lei.

    A volte il mondo della Magistratura è veramente un “cabaret” ( amaro )

    Il primo Giudice li ha sbattuti in galera senza pensarci due volte
    Il secondo Gidice li libera sostenendo che le convinzioni assunte del primo Giudice erano “inverosimili”

    Mah !

    E pensare che un giudice se l’era bevuta! Spero che la lezione serva a qualcuno. Troppo alcool, troppe oche e tacchini notturni in libera uscita.

    Dove sono finiti i torquemada della prima ora?

    Leggano bene i giustizialisti della prima ora

    Il primo giudice dovrebbe pagare di tasca sua i danni ai due ragazzi !!!
    Quei ragazzi sono rimasti ben 25 giorni chiusi in cella e adesso che li hanno trovati innocenti se ne usciranno con un bel ‘scusateci, è stato un errore!!’
    Ebbene sì, i giudici non pagano mai pegno !! loro hanno il sacro potere di giudicare le persone per come pensano loro e di quello che ne scaturisce dopo, non ne hanno nessuna colpa!!

    W LA MAGISTRATURA……

    classiche che prima ci stanno e poi inguaiano la gente. gettatele in galera per calunnia

    Il profilattico nella vagina lo hanno trovato dopo 25 giorni? E la telefonata pure? Queste circostanze andavano immediatamente vagliate dalla Magistratura, perchè i due amici in tal modo non sarebbero finiti in carcere. Con quale metro si valuta e dove risiede il buon senso? Chi ripagherà i due presunti violentatori dell’immagine che gli è stata ingiustamente attribuita e dei 25 giorni di carcere?

    Due domande per i lettori:
    Il posto di lavoro dei due malcapitati, oggi fortuna preziosissima, viene conservato?
    Se nel frattempo fossero stati rimpiazzati dai loro datori di lavoro cosa succederebbe?

    avevo capito subito che erano 2 escort, hanno simulato la violenza perchè gli uomini avevano consumato è dovevano pagare, ..2 stronze.

    su questo stesso giornale, si erano sprecati i commenti sulla colpevolezza dei due e sulla brutalità degli uomini. Anche se il racconto – sin da subito – faceva acqua da tutte le parti. Correttamente Eugenia Nicolosi aveva invitato a riflettere. Speriamo che si arrivi alla verità, che probabilmente non sta neanche tutta dalla parte dei due ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.