Lumia: "Il Pd sia di tutti" - Live Sicilia

Lumia: “Il Pd sia di tutti”

Intervista dopo lo strappo
di
16 Commenti Condividi

Peppino Lupo è il nuovo segretario regionale dei democratici, e a ventiquattro ore dai dissapori che hanno preceduto l’elezione del capo del Pd siciliano, Beppe Lumia, candidato in corsa al ballottaggio, spiega i motivi della sua uscita di scena. E auspica l’unità del partito.

Senatore Lumia, perché ieri avete abbandonato la sala?
“Ci sono diversi motivi. Innanzitutto, si sono violati i regolamenti interni. Se si era scelto di dare la parola soltanto ai candidati al ballottaggio, allora Mattarella non avrebbe dovuto parlare. Dal momento in cui è stato dato il microfono a Mattarella, era giusto aprire il dibattito e fare argomentare anche Crocetta e Cracolici. L’altra motivazione che ci ha spinti ad andare via è stata l’impossibilità di integrare i progetti politici così come, invece, ha fatto Bersani con i programmi di Franceschini e Marino”.

Qualcuno ieri vi ha accusati di aver recitato un copione premeditato?
Non c’è stata alcuna premeditazione. Con la scelta di ieri abbiamo impedito che nel Pd avvenisse una regressione. E quello che sta avvenendo in queste ore ne è la prova”.

Cosa sta succedendo in queste ore?
C’è una grande attenzione su quello che è accaduto, da parte della base”.

E da parte dei vertici del partito?
Ancora niente. Noi ci aspettiamo che il nuovo segretario sia il segretario di tutti e apra il confronto progettuale”.

Qualora quest’apertura non ci fosse?
Non penso. Io immagino che l’apertura ci sarà”.

Lupo ha chiesto pubblicamente a Cracolici di rimettere il suo mandato a disposizione del partito…
“Noi impediremo che si compia un atto scellerato. Cosa si vuole fare? Punire Cracolici per avere portato avanti un programma d’innovazione all’interno del gruppo? Oppure per avere contribuito a dividere il Pdl? Credo invece che sia necessario sedersi insieme e avviare un confronto politico sui programmi, sull’innovazione, sulle alleanze”.

… A proposito di alleanze: ieri le sono state nuovamente rivolte accuse in merito a sottese alleanze con Lombardo.
Allora. Una cosa è dire che bisogna criticare Lombardo. Un’altra è volerlo mandare a casa, magari per favorire l’Udc di Cuffaro. Il Pd in questo momento deve favorire le divisioni interne al Pdl, smettere di essere un partito marginale e consociativo e guardare all’innovazione politica su tutti i fronti, dalla sanità, alla privatizzazione dell’acqua, alla questione dei rifiuti”.

Niente inciuci, quindi…
“Noi diciamo no. Sia a Cuffaro che a Lombardo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    “Noi diciamo no. Sia a Cuffaro che a Lombardo”.
    Allora la cosa piu giusta da fare è mozione di sfiducia al Lombardo bis.
    Senza inciuciare con nessuno , dare subito un segnale al popolo siciliano, questo è il vero cambiamento della politica, fare le scelte nei momenti giusti, i tempi sono maturi.

    Parliamo del tempo così facciamo prima? Oggi qui ha piovuto, ma adesso c’è un pallido sole!

    On. Lumia Lei cosa pensa degli elettori del PD?
    Che siano poco attenti alla politica , oppure che hanno capito tutti e si sono stancati di vedere un PD subalterno a Lombardo, magari per qualche posticino in Giunta e magari qualche direttore di quà e di là?
    Basta noi siamo un grande partito popolare e se dobbiamo entrare nella Giunta Regionale ci dobbiamo entrare dalla porta principale e non dal buco della serratura.
    Via da questo Governo,via dagli inciuci, “gli elettori del PD non li gradiscono” via da Lombardo che con noi nulla a che fare e spartire, sfiduciamoli e andiamo al voto , con nuove alleanze per vincere le elezioni.
    Basta con il Governo Lombardo.
    Questo pensa la maggioranza del PD ,e in democrazione la maggioranza detta le linee guida, chi non ci stà….. se ne vada pure via.
    Un caro saluto

    “Allora. Una cosa è dire che bisogna criticare Lombardo. Un’altra è volerlo mandare a casa, magari per favorire l’Udc” …che vuol dire?
    Che si può criticare il governo lombardo ma non troppo,praticamente una critichetta,niente di stroncante,senza costringerlo all’angolo,potrebbe anche dimettersi e dimostrare nei fatti che la proposta pd-finocchiaro sarebbe stata migliore,no sia mai!
    E poi,non capisco perchè fare opposizione,come si dovrebbe,porterebbe lombardo ad andare a casa? A rigor di logica vorrebbe dire che ci sarebbero le condizioni per portarlo ad appalesare un fallimento e conseguenti dimissioni però è meglio evitare,chissà potrebbe avvantaggiarsene l’udc?
    Non capisco,ma il ruolo del perdente pd è fare opposizione curando gli in teressi primari dei siciliani o fare da balia protettrice a lombardo?
    E poi siamo così sicuri che il Presidente plenipotenziario Lombardo abbia bisogno di essere protetto da un indebolito,defilato,processato,minoritario Cuffaro?
    Lumia cortesemente trovi altri alibi per attaccarsi a poltrone e prebende che Lombardo gli da,grazie!

    Sinceramente, Lumia, pur apprezzando il suo passato, non capisco questa ostinazione a voler far galleggiare l’attuale governo regionale. Con la scusa di temere Cuffaro? Boh…

    La verità è che Lumia ha preso impegni ben precisi con Lombardo e Miccichè, impegni che ora teme di non potere mantenere. La nomina di Venturi come assessore all’Industria era la conquista dell’avamposto. Era l’anticipo che Lombardo aveva dato in attesa di acquistare l’intero pacchetto. Solo che le cose sono andate diversamente. Lumia credeva di vincere. E credeva soprattutto che mai e poi mai Lupo avrebbe chiesto le immediate dimissioni di Cracolici, suo compare nella svendita del Pd a Lombardo. Invece Lupo li sta stringendo all’angolo. Così si fa chiarezza. Se gli inciucisti vogliono passare di là si accomodino pure. L’unica cosa che non possono più fare è tenere il piede in due scarpe.

    Sen.Lumia sia da subito coerente e coseguente:ritiri immediatamente gli assessori che fanno capo a lei dalla giunta Lombardo e tolga l’appoggio al Sindaco attuale di Termini Imerese.Così solo darà prova di fare “progettualità e innovazione”.Saluti

    dopo le parole di Angelicum credo ci sia poco da aggiungere….
    hai centrato perfettamente il problema… il sen. Lumia adesso perde di credibilità agli occhi dei suoi attuali interlocutori politici (Lombardo e Miccichè).. e sa benissimo che il suo doppiogiochismo è stato scoperto e non ha più alcuna possibilità di garantire coperture politiche a chicchessia..
    e poi non si capisce perchè a Roma i due capigruppo si sono dimessi e qui invece ci si rifugia dietro assurde posizioni di principio per non voler rinunciare alla tanto ambita “poltrona”… che tristezza… e poi gridano di essere diversi… ma diversi da chi??? la diversità si dimostra non si proclama…
    non si deve votare la sfiducia a Lombardo perchè altrimenti cresce l’UDC di Cuffaro… ma Sen. Lumia…. crede davvero di poter prendere in giro chi legge queste sue affermazioni??? non è più dignitoso portare avanti le proprie posizioni senza mascherarle dietro comportamenti ambigui che non fanno altro che far perdere di credibilità a Lei e alla politica in generale…????

    Non capisco perchè il sen. Lumia debba avere la scorta. Anch’io sono contro la mafia ma non ho nessuna scorta. Contro la mafia cosa ha fatto di concreto l’on. Lumia? Ha prodotto solo carte e nulla più! E’ un professionista dell’antimafia e nulla più. Aveva ragione Veltroni quando non voleva candidarlo.

    Per la verita è stato minacciato. Saluti

    On. Lumia, l’atteggiamento ieri tenuto non fà parte certo d’un copione recitato ma assolutamente male interpretato!…Lei e Cracolici avete sostenuto un governo che sebbene sia sotto il simbolo dell’autonomia è un imbroglio! e poi Lei dice di non volere sostenere Berlusconi, ma cosa fà sostenedo Lombardo che ultimamente intrattiene più rapporti lui con Berlusconi che il PDL? non le sembra un paradosso fare le affermazioni della suddetta intervista? o forse si sente di non poter mantenere altri inciuci? se non ci sta si dimetta, gente sobbillatrice di certo il PDL non ne ha di bisogno, faccia un’atto coerente delle sue idee, anzichè Lei, come tutti, di stare attaccati alle poltrone, vada a casa!oppure insieme a miccichè,cracolici e lombardo fondate il partito degli spacca tutto, vi si addice!

    Basta…… noi del PD diciamo basta…,basta con le prepotenze di Lumia e Cracolici, si attenessero scrupolosamente alla linea del partito oppure si possono accomodare.
    Se sono delusi si facciano il loro partitino e vediamo cosa sono capaci di fare…
    Il PD è un grande partito, e non possiamo sputtanarci concedendo a questa Giunta la possibilità di galleggiare.Devono affondare, stringiamoli all’angolo, senza se… e senza ma…..
    E poi smettetela di fare riferimento sempre all’UDC di Cuffaro, a noi non interessa più Cuffaro.E’ storia passata.
    Mandiamo via questo Governo che stà portando la Sicilia verso il baratro economico e politico.
    Un caro saluto alla segr. del PD

    I livorosi e rancorosi sostenitori di Lupo&Mattarella, che tanto hanno delle gloriose truppe cammellate di democristiana memoria e ai quali va la gratitudine della mafia per i loro attacchi a Lumia, potrebbero almeno leggere la mozione Lumia, e riflettere su quanto riportato da diversi organi di stampa: “Tra gli “antilombardiani” doc al seguito di Lupo – che vantano però un forte feeling con l’Udc di Totò Cuffaro¬spiccano soprattutto l’ex segretario regionale Francantonio Genovese (che a Messina, per la sua nomination alle primarie, gli ha portato 8.500 voti, quasi la metà dei 19 mila raccolti in Sicilia), ed il senatore ennese Mirello Crisafulli, grande amico dell’ex governatore Cuffaro, nella buona e cattiva sorte (come risulta dalle comuni implicanze giudiziarie). Crisafulli, deciso a sbarrare la strada a Lumia, è stato il “regista” occulto della candidatura di Bernardo Mattarella in Sicilia, all’ultimo momento appioppato alla Bindi. Lo stesso Mattarella deve il suo ingresso all’Ars¬ – essendo stato il primo dei non eletti ¬all”‘inciucio” tra gli ex “petali” della Margherita e gli udicini di Rudy Maira, che nella Commissione Verifica poteri gli hanno consentito di subentrare ad Anna Finocchiaro in base ad una opinabile “interpretazione” della normativa alquanto lacunosa. Sponsor dell’operazione sarebbe stato il senatore alcamese Nino Papania – il nome di Papania, grande elettore di Lupo (gli ha portato il 55% di voti alle primarie) è saltato fuori per le “relazioni pericolose” intrattenute con Filippo Di Maria (legato al boss Nicola Melodia), arrestato nel recente blitz antimafia. Di Maria, suo “factotum”, gli curava la villa a Scopello ed era suo grande elettore (tanto che alle precedenti “primarie” come risulta dalle intercettazioni, avrebbe portato un mare di voti a Latteri). Il senatore del Pd – che in passato ha già patteggiato la pena per voto di scambio…”

    Ma Lumia, di sicuro Lei ci legge o qualcuno ci legge per conto Suo… potrebbe pure dirci qualcosa.. non dico necessariamente di sinistra, ma qualcosa… certo è che il suo sottile filo – lombardismo e questa storia per cui l’assessore di Confindustria sarebbe vicino a Lei non è stato compreso da nessuno della base mi pare e pure dai siciliani in genere.

    Pure Lupo non mi pare sia uno per cui valga la pena di vivere, tutt’altro anzi, si parla di Opus Dei, pure Lei Lupo, ci dica chi è e che vuole fare, dica qualcosa, possibilmente pure Lei di sinistra… anzi la faccia, mandi a casa il governo, subito, se vuole avere credibilità.

    In che baratro la sinistra siciliana è precipitata… Sicilia terra davvero irredimibile… Bersani, mandali a casa e commissaria il partito….

    Mi sa tanto che il senatore LUMIA ha tanta paura di rimanere senza poltrona.

    Qualcuno mi spiega l’intervento di “Vincenzo” perchè francamente non l’ho capito! Non mi risulta che genovese, crisafulli e papania abbiano procedimenti a carico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.