Mafia, gli anni della mattanza: pentito killer condannato - Live Sicilia

Mafia, gli anni della mattanza: pentito killer condannato

L'assassino dell'avvocato Serafino Famà accusato di quattro delitti.
LA SENTENZA DEL GUP
di
0 Commenti Condividi

Agguati, vendette, regolamenti di conti, lezioni mafiose macchiate di sangue. Tra gli anni 80 e 90 bastava poco per diventare un bersaglio da eliminare. Giuseppe Maria Di Giacomo è stato tra i killer più spietati della mafia catanese. Uccideva per motivi futili e abbietti. Ha ordinato anche l’omicidio dell’indimenticabile avvocato Serafino Famà. 

Negli anni ha confessato decine di delitti. Per un periodo boss di vertice dei Laudani, Giuseppe Di Giacomo è finito alla sbarra per altri quattro omicidi. Il pentito è stato accusato dalla pm Antonella Barrera (che ha chiesto 12 anni e 8 mesi) dei delitti di Italo Benito Quinzio avvenuto nel 1992, di Filippo Trivetti commesso l’estate del 1993, di Salvatore Pappalardo e di Salvatore Castorina, entrambi ammazzati nel 1987.

Il gup Oscar Biondi lo ha condannato a 10 anni di reclusione. Sulla pena bisogna considerare il rito abbreviato e la sua posizione processuale di collaboratore. 

Il pentito killer è stato anche condannato al risarcimento del danno a favore delle parti civili costituite da liquidarsi in sede civile. “La famiglia del Castorina – parte civile nel procedimento – esprime soddisfazione per una sentenza che, sebbene arrivi dopo oltre trent’anni dai fatti, riconosce che il Castorina Salvatore e’ stato una vittima di mafia”, commenta l’avvocato Gian Marco Gulizia. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.