Mdp lancia Claudio Fava | "Rappresenta la rottura col passato" - Live Sicilia

Mdp lancia Claudio Fava | “Rappresenta la rottura col passato”

La nota del coordinamento regionale dei bersaniani. Corradino Mineo si sfila.

Verso le Regionali
di
24 Commenti Condividi

PALERMO – Art.1-Mdp propone Claudio Fava come candidato governatore in Sicilia per la sinistra. È quanto si legge in un documento del movimento. “Per la candidatura a presidente della Regione della coalizione che stiamo componendo insieme a SI – sottolineano Angelo Capodicasa, Mariella Maggio e Pippo Zappulla – in questi giorni le diverse personalità scese in campo le riteniamo egregie e di assoluto prestigio, tra queste quella di Claudio Fava, oltre al profilo politico e programmatico idoneo per presentare ai siciliani la nostra proposta e il nostro progetto di rottura con il passato, per parlare senza demagogia ai bisogni e ai drammi dei siciliani e con soluzioni coerenti senza pasticci ed alchimie politiche, ci pare abbia un importante e non trascurabile significativo legame con la nostra terra”. “Ci appare positiva la disponibilità che sembra cogliersi da alcune sue dichiarazioni e riteniamo di avanzare a Sinistra Italiana, al variegato e mondo della sinistra, alla società civile siciliana, a tutti coloro che intendono essere protagonisti del progetto di cambiamento di cui siamo portatori, il nome di Claudio Fava quale candidato unitario alla presidenza della Regione” “Naturalmente, questo nostro orientamento per Mdp, diverrà decisione solo dopo che si saranno espressi gli organismi e il coordinamento regionale che sarà convocato nei prossimi giorni”. 

E intanto il senatore di Sinistra italiana Corradino Mineo smentisce la sua candidatura: “Io non vedo né candidature né ho intenzione di autocandidarmi a nulla”, ha detto ai microfoni del Giornale Radio Rai rispondendo a chi gli chiedeva se fosse pronto a candidarsi in Sicilia, spiegando al contempo però di essere critico nei confronti dell’operazione portata avanti dal sindaco di Palermo Orlando. “Sono stato molto interessato al tentativo di Orlando. Mi pare però che questa operazione mostri la corda, che non sia innovativa, che metta insieme pezzi di classe politica che non hanno dato una buona prova in passato. Quindi – dice Mineo – appoggio questo “no” che le forze della sinistra stanno dicendo”. Una linea, quella scelta da Orlando, che secondo il senatore di SI risulta fragile perché “non puoi riprendere – dice Mineo – parti delle classi dirigenti che hanno governato con Crocetta e con Cuffaro e metterle insieme per non perdere, perché così si perde”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

24 Commenti Condividi

Commenti

    Ho sempre ammirato l’uomo a prescindere dalla forza politica a cui appartiene e che lo appoggia. Parla in modo pacato, chiaro e dice cose sensate. Spero vivamente che riesca a governare la Sicilia e faccia funzionare l’apparato burocratico della Regione in modo intelligente e costruttivo per il bene dei siciliani. Auguri.

    Pare una briscola in 5 a chi dichiara più punti in mano

    Non sono di sinistra pero’ se si candidasse Claudio Fava il mio voto lo darei subito. Bella persona.

    La proposta di Mdp di candidare l’onorevole Fava non è altro che la contromossa all’accordo fatto al Nazareno da Alfano per tenere insieme AP nella prospettiva di una intesa elettorale con il PD.

    E qui finisce la storia del “modello Palermo” e l’ambizione di replicare il successosu scala regionale. Ad Orlando che non intende mollare la candidatura del rettore Micari, resta la buona compagnia degli Alfano, D’Alia e Cardinale. E cammin facendo si accorgerà che fare la “lista dei territori” sarà una gran fatica e il nome di Micari (abbastanza sconosciuto!) terrà lontani i candidati che dovranno stare più che preoccupati della possibilità di raggiungere il quorum.

    Fino ad ora gli unici ad avere una coerenza politica. Quasi quasi li voto.

    La solita candidatura di rottura, lanciata per perdere sapendo di perdere. Come sempre, Fava ci mette la faccia e gli altri della lista sperano di assicurarsi qualche posto in assemblea. Il sacrificio di Fava verrà ricompensato con un candidatura sicura alle prossime nazionali. Intanto questa mossa indebolisce il centrosinistra e agevola solo i populisti, il voto di protesta non lo intercetterà sicuramente Fava ma bensì i 5S.

    Fava è vecchio come gli altri, protagonista della stagione del consociativismo. Unica soluzione: 5 stelle

    ll compito di Mpd e SI è molto difficile perché si tratta di ricucire lacerazioni e conflitti prodotti da un lungo periodo di malgoverno giunto a questa rovinosa decadenza. Ora bisogna aprire una nuova stagione immettendo nella scena politica tutte le risorse intellettuali e umane, in primis i giovani e le donne. Se riusciremo a potenziare la dimensione culturale dell’impegno politico avremo lo strumento più efficace per governare il futuro.

    Avevo 23 anni e Fava era già candidato con la Rete di Orlando alle regionali. Sono passati 30 anni ed ancora sento parlare di lui. Bel rinnovamento nella politica siciliana. Boh!!!!!

    manca solo la candidatura di Miccichè poi è la rivincita dell’ultima votazione.

    RITORNO AL FUTURO!!!

    p.s.: Fava è una brava persona purtroppo col governo e con l’amministrazione non quadra (ha anche distrutto il partito di cui è stato segretario regionale)

    FAVA ? …. di fuca !!! anzi di fughe. MA Allora meglio Crocetta con tiket Faraone.

    Bella scelta le cose giuste…mi viene ri chianciri!

    Ma chi voterà? sua moglie.

    Un santino sbiadito dell’universo comunista.
    possibilità di successo pari a quelle che domani le dighe siciliane saranno al colmo.

    Solo se è residente in Sicilia

    Ma Fava è stato eletto al nord, dalle nostre parti ha sempre perso per quel gusto assurdo di voler essere minoritario

    Non astenetevi dall’andare a votare perché questo genera di protesta non serve a niente. Tanto il solito gruppetto di candidati sarà eletto lo stesso e faranno quello che hanno sempre fatto. Non potrete più protestare e dire la vostra perché NON AVETE VOTATO. E farete il gioco di chi non vorreste al governo.

    fava?ma chi e’,e’piu popolare nino u ballerinu

    Ancora….??? Certo che si e’ proprio a corto di idee !!

    Si sarà ricordato, stavolta, di trasferire per tempo la residenza in Sicilia?

    per me oltre crocetta neanche fava è cosa di fare il presidente della regione

    e allora chianci e vota armao

    piragna, no, la tua

    Sicuramente più popolare di te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *