Meloni in Sicilia lancia la sfida al reddito di cittadinanza - Live Sicilia

Meloni in Sicilia lancia la sfida al reddito di cittadinanza

Bagno di folla a Catania accompagnata da Nello Musumeci e Renato Schifani.
23 Commenti Condividi

“Sì, all’utenza di cittadinanza. No al reddito di cittadinanza”. Giorgia Meloni affronta la folla catanese nella consapevolezza che la Sicilia è una delle terre che più ha beneficiato dello strumento simbolo del fu governo gialloverde. “Voglio mettere le cose in chiaro, non voglio levare niente a nessuno: ma voglio vedere sempre più giovani con un posto di lavoro a tempo indeterminati”. E applausi. 

Bagno di folla alle Ciminiere di Catania. Giorgia Meloni è accompagnata da due presidenti. Nello Musumeci, il presidente della Regione siciliana uscente, e Renato Schifani, già presidente del Senato e candidato governatore siciliano per il centrodestra. Il nome di quest’ultimo è stato deciso dopo una querelle al cardiopalma che ha visto far fuori nuovi del calibro di Stefania Prestigiacomo e Gianfranco Miccicché. Raffaele Stancanelli (grande assente). E Nello Musumeci.

Sulla mancata candidatura di quest’ultimo, Meloni ha voluto glissare platealmente. Segnale che in quei giorni sia accaduto davvero di tutto nel centrodestra non soltanto siciliano. La leader di Fratelli d’Italia sta già pensando ad altro. A battere il Paese regione per regione. Oggi è toccato alla Sicilia, con le tappe di Messina (mentre c’era anche Matteo Salvini) e, appunto, Catania. 

Il leitmotiv del comizio è una risposta punto per punto alle parole d’ordine del centrosinistra. “L’Italia e’ nelle condizioni in cui si trova per colpa degli ultimi 10 anni di governo. Letta scrive ‘viva le devianza’, un’affermazione un poco ‘tafazziana’. Li vedo molto in difficolta’, parlano di noi invece dei programmi”, ci scherza. 

“Ma noi non accettiamo provocazioni, perchè la violenza serve solo a mistificare. Se sei sicuro spieghi che puoi fare meglio, non dire che gli altri sono impresentabili”, ha aggiunto. 

“Oggi il mood degli artisti e’ ‘mi alzo e insulto Giorgia Meloni’. Secondo voi, e’ possibile che non ne esista uno che la pensi in maniera diversa? Secondo me no, e’ invece possibile che quelli che la pensano in maniera diversa non hanno il coraggio di dirlo. Non e’ che lo fanno perche’ pensano che questa sinistra democratica poi non li fa piu’ lavorare?”.

“Oggi c’e’ un sondaggio che ci da’ al 25% e per questo devo ringraziare tutti, perche’ questo partito, partendo dall’1%, non l’ho fatto io, ma grazie alla nostra classe dirigente e quegli italiani che ascoltano quello che diciamo”.

“Io sogno una Nazione nella quale tu per essere un buon docente non devi avere la tessera della Cgil, per fare bene il magistrato non devi essere per forza iscritto all’Anm. Sogno – ha detto ancora – una nazione in cui le persone che hanno dovuto abbassare la testa per tanti anni facendo finta che la pensavano in maniera diversa se no sarebbero stati tutti cacciati, possano dire come la pensano e non perdere il posto di lavoro. Io voglio un’Italia normale”.

Meloni ha voluto parlare soprattutto di temi economici. ”Al Paese – ha aggiunto – serve una strategia industriale. Non abbiamo investito nell’economia ‘blu’ perche’ non abbiamo investito sul mare e sulle sue infrastrutture. Il marchio Italia e’ il terzo marchio per riconoscibilita’ al mondo: nel mercato globale vinci con la qualità non con la quantità”.

“I cittadini non possono restare senza energia a casa. Chiamiamo tutti a raccolta e mettiamo a confronto tutte le nostre idee. Domani sono pronta ad andare in Parlamento per discutere del taglio del costo delle bollette. Lo Stato puo’ tagliare le imposte sulle bollette per esempio”.

Un assist, infine, a favore di Nello Musumeci. ”La Sicilia negli ultimi anni e’ prima in tanti posti: stazione appaltanti posti creati in terapie intensive attenzione categorie produttive, turismo. Quindi dobbiamo dire grazie a Nello Musumeci e siamo grati che abbia accettato l’offerta di candidarsi al Senato. Grazie anche a Renato Schifani che tiene coalizione compatta. E grazie a FdI perche’ se non fosse stato per noi questa coalizione non avrebbe corso unita, perche’ per noi la cosa piu’ importante battere la sinistra”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

23 Commenti Condividi

Commenti

    e solo a catania potra’ prendere voti.

    Retorica a tutto spiano, maestra nella mera elencazione di problemi senza fornire soluzioni efficaci, parla di ovvietà ispirandosi agli ingravida popolo che l’hanno preceduta. Se dovesse vincere le elezioni il 99% di quello che promette non sarà in grado di realizzarlo. Un’altra che promette di aprire il parlamento come una scatoletta di tonno e che inevitabilmente non ci riuscirà perché chi la sta spingendo non glielo consentirà. Un’altro paravento dietro il quale chi la sta sponsorizzando spera di fare lauti affari. Pertanto va bene per comiziare ma non deve “babbiare” con le cose serie. La riprova, guardate quante “verginelle attempate” gli vanno appresso, una vera corte dei miracoli, c’è di tutto. Poveri noi.

    Grandissima Giorgia, parole sante!
    Verissimo che la sinistra piuttosto che parlare di cosa fare cerchi solo di screditare la Meloni e la destra in particolare. Poi ancora di più mi piace la parte di tutti quelli che per lavorare hanno dovuto vendersi senza un minimo di dignità e stare a sinistra per forza di cose altrimenti sarebbero stati tagliati fuori da tutto, e le televisioni ne sono un esempio lampante. Ma ormai siamo agli sgoccioli, non se ne può più, la sinistra inutile e asfittica è arrivata al capolinea!

    Gia,arriva la meloni e da domani niente rdc: lei avrà il lavoro per tutti! Ma andasse aff…

    Sul rdc mente…. lo vuole abolire, sbattendosene di chi ha bisogno.

    Donna ipocrita, tornatene a casa.

    Adesso, per paura di non beccare voti, dice di “non voler togliere niente a nessuno”, sapendo che mezza sicilia campa di reddito di cittadinanza che lei abolirebbe all’istante. Ma come si fa? Proprio lei che parla sempre di altro e mai di lavoro? Pensa che siamo scemi?

    L’utenza di cittadinanza? Ma vada a fare in culo con tutti i suoi adepti.

    Solo discorsi vaghi… ma che vuol dire utenza di cittadinanza? Con questa siamo rovinati…..

    Non potra ‘mai mantenere quanto detto……visto che non ha detto niente!!!!!

    Ma davvero c’è chi l’applaudita?

    Con la Meloni al governo se tutto va bene siamo rovinati.

    Tra chi prende l’RDC chi ha veramente bisogno sono pochissimi, e comunque sarebbero/sono coperti da altri sostegni sociali, la maggior parte invece sono solo parassiti che invece di andare a lavorare preferiscono di gran lunga starsene a casa davanti alla TV e campare a gratis! Altri invece, molti altri, più “furbacchioni” e meno scansafatiche, prendono l’RDC e lavorano in nero, perché così vogliono, e magari tolgono lavoro ad altri che non prendono neanche l’RDC, ma spesso e volentieri vengono beccati! L’RDC è stato un totale fallimento, come è fallito totalmente anche il presunto “Movimento” che l’ha promosso! Gli scappati di casa ormai ritorneranno a casa….ben venga e ben venga l’abolizione del RDC! Fatevi il segno della croce e rimettevi in cerca di lavoro se volete campare!

    “No al Reddito di Cittadinanza” e “Non voglio togliere niente a nessuno” come convivono, come dichiarazione di intenti, nello stesso discorso? E che significa “Utenza di Cittadinanza?” Leggo molta paraculaggine democristiana nelle parole di Giorgia Meloni…

    vada a lavorare che sono 30 che prende il reddito

    Come sarebbe bello se a prendere il RDC fossero solo persone veramente bisognose! Ma sappiamo che non è così, e allora?
    Il vero epiteto?
    PARASSITI

    Caro franco, ti auguro di non aver mai bisogno tu del reddito di cittadinanza, cambieresti subito idea.

    In altre nazioni civili il sostegno economico c’è già da milioni di anni, in Italia non sta bene perché quei pochi soldi che danno se li deve pappare lo stato ingordo .vergogna.

    Franco non sai cosa dici.

    Adesso abbiamo scoperto che in italia solo 2 famiglie hanno bisogno del rdc secondo il sig.franco.

    Franco me lo porti tu il lavoro? Dove c’incontriamo?

    Meloni finiscila……

    Ma è franco a pagare il rdc per tutti gli italiani? Da come parla…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.