Messina Denaro è invecchiato | E' il momento di consegnarsi - Live Sicilia

Messina Denaro è invecchiato | E’ il momento di consegnarsi

L'identikit
di
5 Commenti Condividi

E’ caduto anche l’inverno sul volto criminale di Matteo Messina Denaro. Non pensiamo che l’identikit sia troppo somigliante, come non lo fu per Provenzano, però non mente. I volti dei mafiosi e degli assassini si addolciscono con l’età. Convergono nel punto medio delle fattezze delle persone normali. Era normalissima la faccia di Santino Di Matteo che intervistai in un ristorante. Di lui mi colpì il dolore per il martirio del figlio. Non so dimenticare i suoi delitti.
Ora, Messina Denaro si sarà lievemente imbiancato e di più si imbiancherà. Somiglierà a un professore, a un funzionario di banca. La ferocia, l’odio e tutti i guasti che la mafia produce su chi sceglie liberamente di abbracciarla sono ancora nel suo cuore. Ma il tempo ha finalmente raggiunto le sue guance. E le avrà modellate secondo registri comuni. Solo Riina, da vecchio, somiglia a se stesso. Riina è Riina.

Se dunque l’inverno ha passato la sua mano pietosa sulle forme del sangue, perché non prenderne atto? Il viso della saggezza può ispirare da solo sentimenti più consoni di vita. Il pessimo siciliano Matteo Messina Denaro ha una via d’uscita, un modo per diventare finalmente un conterraneo utile alla Sicilia. Impari dal suo specchio e capisca che è arrivata l’ora di smetterla. Scelga il luogo e l’ora: la più sperduta caserma dei carabinieri nel più piccolo paesino che c’è. E si consegni. Farà pace col suo corpo che è più avveduto di lui. E si accorgerà di possedere un’anima, sia pure malconcia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Caro Puglisi, se davvero la dolcezza della vecchiaia, delle rughe che solcano il viso, dei travagli vissuti suggerissero ai piu’ canuti dolcezza di cuore e riconoscimento dei propri peccati, l’utopia diventerebbe realta’. Quanti mafiosi, politici cinici e arroganti, uomini di puro potere potrebbero insegnare che nella vita si sbaglia ma non e’ mai troppo tardi per ammettere i propri errori e dichiararsi pronti ad espiare e pagare le proprie colpe, ognuno per la propria parte. E allora una vita, comunque spesa, diventa sorriso e speranza, abbandonando odio e paura. Lo vorrei quanto te, per tutti coloro che ancora sognano ma, per dirla con Kliping, non hanno fatto dei loro sogni il loro padrone.

    Roberto, non sono d’accordo su quanto hai scritto a proposito di tale individuo. Certa gentaglia rimarrá sempre fedele serva del demonio. Vedi quel disgraziato di Riina.
    A proposito, quanti anni dovrebbe avere oggi il tizio Messina Denaro?

    smettetela di perdere tempo a vedere immagini su rotocalchi o ipotesi di candidature a sindaco di persone che non meritano neanche di essere prese in considerazione. a cvetrano si infanga non il nome di castelvetrano ma delle sue borgate, specialmente in alta stagione turistica e cio’ è dimostrato dai troppi interessi del sindaco a fare la guida turistica. per favore interessatevi di questo mostro a bassa stagione e così lo fate felice… il danno che il consiglio comunale influenzato da elementi a lui legati come il sig. risalvato ,arrestato nell’operazione golem,e altri che sono stati arrestati nel rione belvedere, dove c’era colui che si è impiccato a orino,è immenso .di questo rione crocevia e spaccio di droga si interesso’ mauro rostagno..e gia’ il bossetto comandava questa zona degradata piena di amici suoi,in parte arrestati..più di tremila persone spaccio di voti x persone che di questa zona se ne infischiano completamente..

    a torino.purtroppo i mafiosi di questo paese sono seppelliti nel cimitero di belvedere. per favore sindaco, fai riaprire i cimiteri di selinunte… se non si sono mai interessati di questa zona da vivi ,non li vogliamo da morti..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *