Musumeci: "No alla violenza" | Boldrini: "L'antifascismo è pace" - Live Sicilia

Musumeci: “No alla violenza” | Boldrini: “L’antifascismo è pace”

Le reazioni del mondo politico.

L'aggressione a Ursino
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – “Condanno, senza se e senza ma, la vile aggressione ai danni di Massimiliano Ursino, segretario provinciale di Forza Nuova di Palermo. Un atto inqualificabile, frutto del pesante clima di odio politico che caratterizza in Italia le ultime fasi di questa campagna elettorale. Si vuole a tutti i costi innescare una spirale di violenza per fare ripiombare, non solo Palermo, negli anni bui della prima repubblica e dello scontro fisico. Nella certezza che gli inquirenti riusciranno a fare luce sugli autori dell’agguato di via Dante, faccio appello ai militanti di tutti gli schieramenti affinché in ognuno il coraggio e l’intelligenza vadano sempre assieme, nel rispetto delle idee altrui”. Lo dice il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, dopo l’aggressione al segretario provinciale di Forza Nuova a Palermo. Su twitter la presidente della Camera Laura Boldrini: “Condanno la brutale aggressione di Palermo ai danni di un esponente di Forza Nuova. I violenti non usino l’antifascismo per giustificare le loro azioni. L’antifascismo è una cultura di pace”.

”I recenti fatti di cronaca confermano la preoccupazione avanzata da più parti riguardo le organizzazioni neofasciste e xenofobe, sulle quali invitiamo le Istituzioni democratiche a vigilare per scongiurare il ritorno di un grave pericolo per la nostra democrazia. E proprio perchè riteniamo il tema dell’antifascismo un tema serio ed attuale, affermiamo che non ci appartengano pratiche violente ed aggressioni che possano avvelenare il clima cittadino”. Lo dice una nota di Rifondazione comunista Palermo. ”Prc – continua – condivide la richiesta avanzata dall’Anpi e da altre associazioni cittadine e chiede al Prefetto, al questore ed al sindaco di non consentire sabato prossimo il comizio di Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova, sia per abbassare il livello delle tensioni a Palermo che per attenersi ai valori della nostra Costituzione, basata sull’antifascismo”.

“Ho sentito il ministro Marco Minniti perché l’aggressione di ieri a Palermo non solo è da condannare ma è un campanello d’allarme da non sottovalutare. Mi ha detto che sono in corso perquisizioni e indagini serrate. La politica, nel contempo, ha il dovere di rispondere con i fatti, cominciando ad abbassare i toni”. Lo scrive su Facebook il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, dopo l’aggressione subita, ieri sera a Palermo, dal segretario provinciale di Forza Nuova. “Quanto accaduto a Palermo è molto grave”. Così il vicesegretario del Partito democratico Maurizio Martina ospite a Radio Popolare. “Il fascismo si combatte con la cultura non con la violenza. Di fronte alla violenza che sta prendendo piede in Italia e in Europa dobbiamo tutti fare un passo in avanti e mettere in moto una partecipazione democratica”.

“Palermo, Perugia, Roma: l’odio politico che sta divorando il Paese ribolle da troppo tempo. Non aspettiamo oltre, non aspettiamo il morto per fermare tutto questo”. Lo scrive su twitter il Presidente del Senato ed leader di Liberi e Uguali Pietro Grasso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    La Boldrini legge ancora i libri delle favole.

    boldrini ma dice vero o scherza perché se dice vero è grave

    Grazie signora boldrin, abbiamo già mangiato!! Da lei non ci serve nulla!

    La Boldrini si cimenta ad articolare pensieri su vicende avvenute quando non era ancora nata. Se ancora fosse viva Tina Anselmi, potrebbe raccontare di fascismo e antifascismo con cognizione di causa! Dopo il 25 aprile null’altro che parole senza fatti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.