"Non so perché l'ho fatto" |Parla l'assassino di Patrizia - Live Sicilia

“Non so perché l’ho fatto” |Parla l’assassino di Patrizia

Ecco cosa ha detto ai magistrati

omicidio di Caltagirone
di
3 Commenti Condividi

CALTAGIRONE- E’ “confuso, anche molto pentito”, e “sta realizzando soltanto adesso quello che ha fatto”. Così Salvatore Pirronello, 57 anni, secondo il suo legale, l’avvocata Assunta Nicolosi, nell’interrogatorio di garanzia reso dall’uomo davanti al Gip di Caltagirone che dovrà decidere sulla convalida del suo arresto per l’omicidio aggravato della convivente, Patrizia Formica, di 47 anni, uccisa ieri a coltellate mentre dormiva. Secondo la penalista, l’indagato “non ha fornito un movente” che “resta al momento inspiegabile anche a lui”. La Procura di Caltagirone ha chiesto la convalida dell’arresto e l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare, l’avvocata Nicolosi ha sollecitato una misura detentiva meno afflittiva. Il Gip è in camera di consiglio.

Salvatore Pirronello, però, resta in carcere. Lo ha deciso il Gip Caltagirone che ha convalidato il suo arresto per l’omicidio aggravato della convivente. Il Gip, accogliendo la richiesta della Procura, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. (Fonte ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Te lo dico io perché lo hai fatto perché sei un bastardo indegno di appartenere al genere umano. Spero che ti condannino all’ergastolo e magari in compagnia di qualcuno che ti faccia capire cosa hai commesso. Povera Patrizia, ignara del mostro che aveva accanto che Dio l’accolga in Paradiso, solidarietà e vicinanza alla famiglia.

    In carcere?Ma perchè dove volevate mandarlo?In un villaggio vacanze? O forse ai domiciliari?

    Lo hai fatto perché sei solo un balordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *