Non trovano la vena |Esecuzione rinviata - Live Sicilia

Non trovano la vena |Esecuzione rinviata

ALABAMA
di
0 Commenti Condividi

“E’ stata una tortura”. Il legale di Doyle Lee Hamm ha descritto così quanto accaduto al suo assistito, condannato a morte in Alabama.

Giunto nel braccio della morte per l’esecuzione, l’uomo è stato rispedito in cella dopo due ore e mezza. Tanto è durato il “pasticcio sanguinoso” finito sui giornali di tutto il mondo.

Il team di medici che avrebbe dovuto iniettare il cocktail letale attraverso una flebo non è stato in grado di trovare la vena al detenuto che in passato avevo abusato di droghe e che adesso è malato terminale di cancro.

Dodici i tentativi non andati a buon fine e dodici i buchi lasciati sul corpo del condannato a morte in cella per un omicidio commesso nel 1987. L’esecuzione è stata rinviata a data da destinarsi. L’avvocato ha chiesto che venga avviata un’indagine.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.