Il chirurgo sbagliò, la Corte dei conti lo condanna a pagare 400mila euro - Live Sicilia

Il chirurgo sbagliò, la Corte dei conti lo condanna a pagare 400mila euro

Dovrà risarcire l'ospedale Policlinico di Palermo
LA DECISIONE
di
0 Commenti Condividi

La Corte dei Conti, presieduta da Vincenzo Lo Presti, ha condannato il neurochirurgo Luigi Basile a risarcire l’ospedale Policlinico di Palermo con quasi 400 mila euro. L’ospedale è stato condannato dal Tribunale civile a risarcire i familiari di Pietro Romano, di Carini, morto a 51 anni l’8 giugno del 2011 dopo un intervento di ernia al disco.

L’uomo si era rivolto al medico dopo che il mal di schiena lo torturava da 5 anni. Dopo l’intervento il paziente ha subito una seconda operazione in Chirurgia vascolare d’emergenza per tentare di fermare un’emorragia interna. I parenti dell’uomo hanno presentato una denuncia in procura e anche una causa civile di risarcimento.

Per quella morte il Policlinico è stato condannato a pagare quasi 800 mila euro.

“Secondo il consulente tecnico del tribunale – come si legge nella sentenza della Corte dei Conti – Basile commise un errore di manualità che determinò la lacerazione di dimensione di circa un centimetro dei vasi iliaci e conseguente copiosa perdita di sangue. Il medico avrebbe commesso un errore in fase preoperatoria non sottoponendo il paziente ad accertamento diagnostico esplorativo e post operatoria visto che il medico ha ingiustificabilmente ritardato nella diagnosi della lesione causata in fase operatoria”.

Per questi fatti in sede penale la procura di Palermo ha chiesto il 7 maggio del 2021 l’archiviazione per il reato di omicidio colposo contestato a Basile. I periti del pm della procura aveva escluso la responsabilità del medico nelle tre fasi della prestazione. Lo stesso Basile aveva respinto ogni addebito.

“Il pm contabile, – si legge nella sentenza – con riguardo in particolare all’elemento costitutivo del nesso di causalità, ha rimarcato che la condotta intra-operatoria tenuta dal Basile costituisce l’antecedente causale rimosso il quale l’esito non si sarebbe verificato. Per questa via, deduce la piena fondatezza della domanda principale articolata in citazione, richiedendo che l’affermazione di responsabilità amministrativa di Basile”.

I giudici di primo grado hanno accolto le richieste della procura e condannato Basile al risarcimento.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *