Palermo, tutti i nomi (e i voti) dei consiglieri comunali e dei candidati - Live Sicilia

Palermo, tutti i nomi (e i voti) dei consiglieri comunali e dei candidati

Ecco chi siederà a Sala delle Lapidi
AMMINISTRATIVE
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – A una manciata di sezioni ancora da scrutinare per il risultato definitivo a Palermo, si può già delineare il nuovo Consiglio comunale tra new entry, riconferme e addii.

Sono 24 i seggi che vanno al centro destra grazie al premio di maggioranza per la coalizione, e 16 alle opposizioni.

Il consigliere più votato in assoluto è Ottavio Zacco di Forza Italia, 3364 preferenze. Due le bocciature più clamorose: l’ex assessore alla Mobilità Giusto Catania perché la lista di Sinistra civica ed ecologista non ha superato lo sbarramento del 5%, e Igor Gelarda, il poliziotto leghista fustigatore della giunta Orlando.

Forza Italia è il primo gruppo, con 7 consiglieri (clicca sul link per vedere i singoli voti di preferenza): Giulio Tantillo, Ottavio Zacco, Caterina Meli, Natale Puma, Gianluca Inzerillo, Leopoldo Piampiano e Pasquale Terrani.

Sei i seggi per Fratelli d’Italia (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): il riconfermato Francesco Paolo Scarpinato, Giuseppe Milazzo che da eurodeputato a Bruxelles si riprende il posto in Consiglio, Antonio Rini, Germana Canzoneri, Tiziana D’Alessandro e Fabrizio Ferrara.

Alla lista ‘Lavoriamo per Palermo’ di Lagalla vanno 5 posti (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): riconferma per Dario Chinnici di Italia Viva, Salvatore Alotta, Giuseppe Mancuso, Giovanna Rappa e ultimo seggio va a Luisa La Colla.

Per Prima l’Italia-Lega (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI) rientrano Sabrina Figuccia e Marianna Caronia, il terzo seggio va ad Alessandro Anello.

Tre i consiglieri della Dc Nuova di Totò Cuffaro (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): Salvatore Imperiale, Domenico Bonanno e Viviana Raja.

All’opposizione (16 seggi) il primo gruppo è il Pd con 5 consiglieri (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): Carmelo Miceli, Teresa Piccione, Giuseppe Lupo, Rosario Arcoleo e Fabio Giambrone, fedelissimo di Leoluca Orlando.

L’exploit di Fabrizio Ferrandelli consente alla lista di Azione e + Europa di piazzare 4 consiglieri (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): gli ex M5s Salvatore Forello e Giulia Argiroffi (per entrambi una riconferma), Leonardo Canto e lo stesso Ferrandelli.

Entra di diritto Franco Miceli, che con la sua lista ‘Progetto Palermo’ conquista 3 seggi (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): Valentina Chinnici e Massimiliano Giaconia, new entry la pasionaria Mariangela Di Gangi.

Al M5s tre seggi (CLICCA QUI PER I VOTI DI TUTTI I CANDIDATI): Antonio Randazzo (rientra), Giuseppe Miceli e Concetta Amella.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Mille anime al mondo mille ancora, che bell’ inganno anima mia, e che bello questo tempo che bella compagnia…..Ivano Fossati.

    Consigliere più votato in assoluto:
    Ottavio Zacco con 3198 preferenze.

    Da uomo di sinistra, l’unica buona notizia, per me, in queste elezioni e che non rivedrò più l’ex assessore all’ immobilità Giusto Catania

    Che tristezza vedere la sinistra fuori dal consiglio comunale.
    Nè sinistra civica ecologista nè potere al popolo nè lista rita barbera sono entrate.
    se si fossero uniti in unica lista avrebbero preso il 10% con 5 consiglieri comunali.
    Errore madornale, a cui devono rimediare subito prima delle regionali.
    Sinistra civica ecologista ha portato acqua al mulino del campo largo di centrosinistra senza ottenere nulla, ma facendo eleggere di fatto i consiglieri del pd, dei cinquestelle e della civica di centrosinistra.
    Ovunque nel web e in giro per la città sostengono che se sinistra civica ecologista si fosse presentata con rita barbera o da sola senza il pd e il campo largo di centrosinistra avrebbe superato lo sbarramento facilmente…e addirittura avrebbe eletto tanti consiglieri se avesse fatto lista unitaria con rita barbera e potere al popolo.
    l’alleanza con il centrosinistra e il pd è stata una zavorra per la sinistra di giusto catania

    La notizia migliore è che Giusto Catania è sparito. Palermo liberata.

    Ho letto più volte i nomi ed ho pure cambiato occhiali da vista ma non ho trovato fra gli eletti il compagno Giusto Catania……..

    La Lega con tre consiglieri….. A Palermo! Vergogna

    Ha preso il tram,o la bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.