Mafia di Brancaccio, tutti assolti in una tranche del processo

Palermo, mafia di Brancaccio: tutti assolti in una tranche del processo

Furono coinvolti nel blitz denominato "Maredolce 2"
LA SENTENZA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Tutti assolti in una tranche del processo che nasceva dal blitz “Maredolce” che nel 2019 aveva colpito il mandamento mafioso di Brancaccio.

La terza sezione del Tribunale, presieduta da Fabrizio La Cascia, ha scagionato Filippo Picone (difeso dall’avvocato Maria Cipollina, era accusato di associazione mafiosa), Francesco Salerno (avvocato Anna Pellegrino) e Giuseppe Di Fatta (avvocati Riccardo Bellotta e Antonio Gargano, rispondevano di estorsione aggravata), Anna Gumina (avvocati Antonello D’Acquisto e Paolo Seminara, rispondeva di intestazione fittizia), Lidia Dama (avvocato Giuseppe Caltanissetta, imputata per falso).

Filippo Picone

Giuseppe Di Fatta

Non hanno retto alcune contestazioni di estorsione. I legali hanno fatto emergere la scarsa chiarezza di alcune intercettazioni. Un vuoto probatorio a cui si sono aggiunte le non circostanziate dichiarazioni del collaboratore di giustizia Filippo Bisconti, ex capomafia di Belmonte Mezzagno.

Nel caso di Di Fatta, ad esempio, Bisconti lo aveva genericamente accusato di commettere estorsioni. Le persone offese avevano negato di pagare il pizzo e finirono sotto inchiesta per favoreggiamento. Una volta che la loro posizione è stata archiviata hanno potuto testimoniare, confermando di non avere subito richieste estorsive.

L’inchiesta, che fece emergere il ruolo del presunto reggente del mandamento Fabio Scimò, è sfociata in un altro processo che si è chiuso in appello con pesanti condanne.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *