Pochi impianti di compostaggio |Indagine della Contrafatto - Live Sicilia

Pochi impianti di compostaggio |Indagine della Contrafatto

Ne sono stati autorizzati 47. Ne funzionano otto.

Rifiuti
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – Nella Sicilia del disastro rifiuti, l’obiettivo, lo sanno pure i sassi, è aumentare la raccolta differenziata. Che in alcune realtà è ferma a percentuali imbarazzanti, vedi il caso di Palermo. Più differenziata significa meno rifiuti in discarica. E riciclo. L’umido, ad esempio, si può trattare negli impianti di compostaggio, che producono il compost. Il problema è che in Sicilia gli impianti scarseggiano. E ora in assessorato finalmente si prova a capire perché.

Sette mesi fa Livesicilia aveva dedicato al caso un’inchiesta. Che aveva messo in evidenza come, tra l’altro, per la penuria di impianti, la differenziata in alcuni casi finiva comunque in discarica. Un problema che era emerso durante le ricognizioni sul territorio dell’Ufficio speciale per la differenziata istituito da Palazzo d’Orleans. E che adesso torna a far parlare dopo i problemi degli ultimi giorni all’impianto di compostaggio di Ramacca.

Ora l’assessore regionale ai Rifiuti Vania Contrafatto vuole vederci chiaro. Gli uffici hanno fatto il punto sulla situazione degli impianti di compostaggio in Sicilia. Quelli autorizzati sono 47, quelli realizzati sono 18, quelli effettivamente funzionanti sono solo 8. Otto su 47 autorizzati. Davvero pochi, soprattutto se la percentuale di differenziata aumenterà come si propone la Regione.

“Ho fatto un atto ispettivo chiedendo al direttore dell’ufficio speciale della differenziata di avere una relazione scritta – spiega l’assessore Contrafatto -. Dobbiamo capire le ragioni, dobbiamo assicurarci che non ci siano dietro situazioni poco chiaro che agevolino la creazione di monopoli di fatto”. L’atto ispettivo è della settimana scorsa. Entro i prini di luglio l’ufficio diretto da Salvo Cocina dovrà fornire i dettagli per iscritto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    E a 4 mesi dalle elezioni se n’è accorta? E il bello è che c’è pure un ufficio speciale dedicato alla differenziata diretto dal sempre redivivo Cocina. Siete a buon ragione alle comiche finali. A mai più rivedervi. Schè!!!

    Anche per gli impianti di compostaggio vale il detto dell’equino che morì perché il padrone invece di nutrirlo gli prometteva sempre:”ASPETTA CAVALLO CHE L’ERBA CRESCA”

    E’ deludente che un magistrato si accorga così in ritardo che su 47 impianti autorizzati ne funzionano solo 8. Sicuramente sarà stata così oberata di lavoro che l’argomento le è sfuggito, oppure è occupata a pensare cosa dovrà fare dal prossimo novembre quando la festa di Saro sarà finita e andranno tutti fuori dai palazzi.

    A 4 mesi dalle elezioni, 7 mesi fa l’inchiesta di livesicilia, 12 mesi fa, lo vorrei ricordare che l’ emergenza rifiuti l’ha risolta il vituperato Crocetta. Cara Contrafatto forse che ci vuole un dirigente VERO a Capo di quel dipartimento? Siete lenti, la sicilia si merita di più!

    Anche questa è un assessore tecnico.
    Della serie un magistrato è sempre tecnico. Dappertutto.
    In qualsiasi assessorato.
    I risultati si sono visti. Eccome !!!!

    Pirelli – Contrafatto….risultati? Nulla di fatto!

    NOn è uno scherzo, vero? CI faccia capire, lei assessora, cerca impiamti? Magari coerenti con il suo piano rifiuti, vero? Quanti ne ha autorizzati? Di quanti ne è stata sospesa la realizzazione?… Mi scusi, se le dico che sfiora il grottesco..

    Io mi chiedo.perché fate questi commenti a 4 mesi dalle elezioni, a due mesi dalle elezioni il problema serio è?
    Di chi sono le discariche?
    Quanto si paga e come si paga per scaricare
    I camion mezzo carichi si pagano come se fossero sovraccarichi.
    La plastica che si può vendere che fine fa.
    Queste sono le domande da PORCI.

    ma cocina che deve dire tranne che da mesi fa passeggiate in giro per la Sicilia, sicuro ha il polso della situazione..

    il problema irrisolto dei rifiuti in sicilia e l esatto emblema del fallimento di questo inutile governo , signora contrafatto vada a lavare i piatti e pulire casa, se ne e in grado,,,,,,,,,,,,

    scientificamente organizzato, per permettere al privato di arricchirsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.