Arrestati sette scafisti egiziani| "Tranquilli presto saremo liberi" - Live Sicilia

Arrestati sette scafisti egiziani| “Tranquilli presto saremo liberi”

Gli egiziani in manette sono ritenuti gli scafisti del natante, con 281 persone a bordo soccorso ieri da una nave militare. Il 'rais' dell'organizzazione: "State tranquilli qui in Italia staremo pochi giorni, poi saremo liberi".

Ragusa
di
9 Commenti Condividi

POZZALLO (RAGUSA) – Sette egiziani, compreso un minorenne, sono stati fermati dalla squadra mobile della Questura di Ragusa perché ritenuti gli scafisti del natante, con 281 persone a bordo soccorso in mare da una nave militare che ha poi sbarcato i migranti ieri a Pozzallo. Tra loro c’è anche un intero nucleo familiare: il padre, ritenuto il ‘comandante’, e tre suoi figli, uno dei quali ha 14 anni. Tutti sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 “State tranquilli, qui in Italia non ci succederà alcunché, ci staremo pochi giorni e poi saremo fuori…”. Così il figlio maggiore del ‘comandante’, considerato il ‘raìs’ dell’organizzazione, ha rassicurato gli altre sette scafisti, compreso suo padre e due fratelli più piccoli, uno dei quali ha 14 anni, mentre la squadra mobile della Questura di Ragusa li stava fermando nell’ambito delle indagini sull’arrivo, ieri a Pozzallo, di 281 migranti. L’episodio è avvenuto a conclusione della lettura del verbale di fermo che, per legge, è stato tradotto dall’italiano ed è stato letto loro in arabo. Vista della tensione tra i componenti del suo gruppo, il ‘raìs’ li ha tranquillizzati: “siamo in Italia, tra pochi giorni – ha detto loro – torneremo liberi…”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Vedi che considerazione hanno della nostra giustizia. E’ finita, povera Italia.

    Certo se li sbattessero in galera per una trentins di anni probabilmente farebbero meno gli spavaldi. Ma poi Pannella e i comunisti protestano.
    Idea. Mandiamoci loro in galera e liberiamo l’Italia dagli ipocriti.

    Sono tutti parenti del presidente egiziano (che nel frattempo è cambiato), tra un pò arriverà la telefonata alla

    Futtuti e derisi…Ci vogliono leggi severissime ed applicarle..altro chè! Siamo lo zimbello d’europa!

    Ed ha anche ragione.

    Hanno una considerazione dei magistrati italiani assolutamente chiara!! In effetti come dargli torto ,in un altro paese… Grecia Malta Spagna marcirebbero in galera….con i nostri giudici tra venti giorni sono fuori…. Fanno ridere i polli… Che vergogna ,sbeffeggiati da questi delinquenti x colpa di inetti.

    Italiani: un popolo senza spina dorsale.

    Ma quale 20 giorni…!!!!.. massimo saranno 3 o 4 giorni.

    Ma come stufa di tanta gente ipocrita buonista rinchiusa solo nel loro piccolo guscio,e ,tutti supini senza protestare ,che ITALIETTA.ma ci pensete un attimo gli operai a casa senza lavoro,e questi Str…. spendono 350,00 al giorno per andarli ad accoglierliiiiii. e da Vomito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *